occhi-puntati-su-simonetta-sommaruga-ne-sono-cosciente
Ti-Press/Gianinazzi
Non ci si sottrae alle foto ricordo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Gambarogno, 83enne disperso nelle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
3 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Bellinzonese
3 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
4 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
4 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
4 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
4 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
4 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
5 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
5 ore

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
5 ore

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
Ticino
6 ore

Torneo di calcio dei parlamenti cantonali, è tutto pronto

Quest’anno sarà il Ticino a organizzarlo, il presidente del Comitato Edo Bobbià spiega l’aspetto sociale: ‘Coinvolta la Fondazione Diamante, li ringrazio’
Mendrisiotto
7 ore

Meride, torna la festa patronale di San Rocco

Il tradizionale evento si terrà domenica 21 agosto. Previsto un concerto della soprano Annamaria Martinetti.
01.07.2022 - 17:38
Aggiornamento: 19:21

Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’

Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate

Destinazione Mendrisio. Sarà una coincidenza, ma aver scelto la Città (con la sua Accademia di architettura) per una gita fuori porta, ai momò sembra quasi un segno del destino. Soprattutto oggi che questa terra è in forte dialettica (se non in opposizione) con alcuni progetti e talune decisioni federali. Non a caso gli occhi di molti sono puntati su Simonetta Sommaruga, alla testa del Datec, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni. Se si parla di corsie (quella dinamica e quella per i Tir) sull’A2 o di strategie lungo l’asse ferroviario Nord-Sud, si pensa alla Consigliera federale socialista. A lei, del resto, hanno dedicato gli striscioni appesi su via Turconi che recitavano così: ‘Caro Consiglio federale liberaci dai Tir, dal PoLuMe e collegaci all’AlpTransit’.

Sotto gli sguardi dei momò

Abitino rosso, sorriso cordiale, la incontriamo a tu per tu nel cortile evocativo di Palazzo Turconi, sotto lo sguardo del conte. Era pronta, le chiediamo, a una visita così carica di aspettative da parte di questo territorio? «La meta la sceglie il presidente della Confederazione (Ignazio Cassis, ndr). Da parte mia – ci risponde Simonetta Sommaruga –, sono molto contenta di essere venuta qui. Lo so che proprio a Mendrisio, in questo luogo, ci sono delle aspettative da parte della popolazione, in particolare sui progetti in fase di discussone da un po’ di tempo. Va detto che abbiamo un processo che funziona bene nel nostro Paese: il Cantone, assieme alla cittadinanza locale, deve indicare i bisogni esistenti. A ciò si aggiungono gli atti parlamentari dei rappresentanti ticinesi. Poi occorre soppesare tutte le richieste. Sono cosciente della situazione. Ma oggi non è il momento di venire in questo luogo ad aprire una discussione su queste tematiche – ci ‘stoppa’ –. Si tratta pur sempre della gita di tutto il Consiglio federale».

I Tir e i processi decisionali

La politica, però, incombe. Nel Mendrisiotto c’è, ad esempio, una opposizione spinta – in testa quattro Municipi – nei confronti dell’area di stoccaggio dei Tir tra Coldrerio e Balerna: si attendeva una resistenza così tenace contro un progetto calato da Berna? «Simili progetti – ci corregge la Consigliera federale – non sono mai decisi a Berna. Sono parte di un processo che avanza assieme alle autorità cantonali e locali. Ma ciò che sta accadendo non è una eccezione: fa parte dell’iter, che richiede tempo».

Questa regione, va detto, confida nella capacità di giudizio della direttrice del Datec, memore delle parole da lei rivolte nel marzo del 2021 a tre associazioni come Ata, ‘Cittadini per il territorio’ e Iniziativa delle Alpi. Suonavano così: "Un requisito per l’approvazione del progetto (PoLuMe, ndr) da parte del Consiglio federale è che la regione sostenga il progetto e che le esigenze ambientali siano soddisfatte". Ma qui la nostra domanda viene interrotta sul nascere: ci richiamano al protocollo. Si parla solo della gita.

Il governo viaggia in treno

Dalla strada alla ferrovia: il governo ha viaggiato su rotaia. Una scelta non casuale: le ha dato modo di riflettere sulla delusione suscitata dal rinvio di AlpTransit a sud?, rilanciamo. «Come ministra dei trasporti – sposta l’attenzione Sommaruga – aver viaggiato in treno è una buona cosa. Lo è anche dimostrare che il Consiglio federale utilizza i trasporti pubblici, che sono così importanti per tutta la popolazione. È un mezzo che io personalmente uso spesso e mi piace molto. A fine giornata rientrerò a Berna in treno. È chiaro – ci concede la Consigliera –, nel nostro Paese i trasporti pubblici hanno una valenza molto importante, di conseguenza ci sforziamo di includere tutti nel limite del possibile. Se penso all’apertura della Galleria di base del Ceneri – nel settembre 2020, ndr –, ha cambiato un mondo. Me lo hanno detto anche qui a Mendrisio. E si cercherà di continuare a sviluppare questo sistema: non ci si ferma qui».

Una cartolina dal Ticino

Questa è una Città universitaria, che impressione le ha fatto visitare l’Accademia? «Per me non è la prima volta. E un luogo molto importante anche per la vita culturale. Avere a Mendrisio giovani da tutto il mondo incide sulla realtà locale. Spero vi siano degli scambi tra studenti e abitanti: è una ricchezza. È impressionante ciò che è stato realizzato qui». In conclusione, che immagine si porta a Berna di questa passeggiata? Il volto si apre in un sorriso: «Diversi ricordi. La giornata con i ragazzi a Tenero, la natura, il lago».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale corsia tir polume simonetta sommaruga
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved