incontro-ravvicinato-tra-i-momo-e-il-governo-federale
Ti-Press/Gianinazzi
‘Per il Distretto? Un’opportunità unica’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 min

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
14 min

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
Bellinzonese
49 min

Sbanda con l’auto, che si rovescia: donna ferita in modo serio

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
53 min

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
2 ore

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
2 ore

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
2 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
2 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
3 ore

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
3 ore

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
3 ore

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
3 ore

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
4 ore

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
5 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
01.07.2022 - 19:24
Aggiornamento: 21:57

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir

Basta una dozzina di parole per far capire subito a Berna come la pensano (in tanti) nel lembo più a sud del Paese. Lo striscione steso nelle prime ore della giornata giusto dirimpetto Palazzo Turconi a Mendrisio la dice lunga. Vi si legge: ‘Caro Consiglio federale liberaci dai Tir, dal PoLuMe e collegaci all’AlpTransit’. L’obiettivo degli ‘incursori’ è chiaro; il messaggio rivolto al governo centrale in trasferta è forte. Nella giornata di oggi (venerdì), del resto, la ‘formula magica’ qui nel Mendrisiotto e Basso Ceresio è ‘fare lobby’. Da perorare, in effetti, c’è la causa di un territorio in affanno tra i piani per il potenziamento dell’autostrada A2 da una parte, e collegamenti ferroviari insufficienti dall’altra. Senza alzare la voce e con una discrezione tutta elvetica, i momò però si sono fatti vedere (almeno qualcuno), ma soprattutto sentire. Non potevano, d’altra parte, lasciarsi sfuggire questa occasione.

Tra protocollo e politica

E quando ricapita alla popolazione di una delle periferie della Svizzera di ritrovarsi a un palmo di naso dal Consiglio federale; sbarcato fin dalla prima mattinata a Mendrisio nella sua formazione (quasi) al completo per l’ultima tappa della irrinunciabile gita fuori porta (quella di Palazzo federale). Abbigliamento informale, clima rilassato tipico da ‘passeggiata scolastica’, i Consiglieri federali non hanno proprio voglia di far entrare la politica nelle loro ore di svago; e lo fanno capire con nitidezza. Ma la contaminazione è inevitabile. Soprattutto in una regione che da mesi fa a pugni con i progetti messi sul tavolo da Ustra, l’Ufficio federale delle strade; è stanca di aspettare che si fermino gli InterCity (anche durante la giornata); ed è delusa per l’ennesimo rinvio (al 2050) del dossier sulla propaggine meridionale della Trasversale ferroviaria alpina.

I ‘maestri di cerimonia’ di Palazzo ben presto si rendono conto che il protocollo non ce la fa ad arginare le domande dei giornalisti e la voglia di autorità locali e cittadini di dire la loro. Così un cartellone qua (dal ‘Mendrisiotto regione più inquinata della Svizzera’), una frasetta là – piazzata con sapienza anche dalla vice sindaca di Mendrisio, Francesca Luisoni, nel saluto che ha preceduto l’aperitivo –, un riferimento disinvolto tra un selfie (immancabile) e un brindisi, il Distretto ha fatto passare la sua missiva. A fare da sottofondo le note della bandella, che intona brani da folclore nostrano.

C’è posta per Simonetta Sommaruga

La lettera, quella scritta nero su bianco, invece, l’hanno consegnata per davvero evbrevi manu a Simonetta Sommaruga gli ‘ambasciatori’ dei ‘Cittadini per il territorio’, Ata (l’Associazione traffico e ambiente) e del Comitato ‘No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio!’. Che attendevano (al varco di Villa Argentina) la responsabile del Datec, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni. Erano lì quasi a dirle che in quel foglio c’è tutto ciò che deve sapere. Inclusa la speranza, come si legge tra le righe, che "la sua sensibilità per i temi ambientali e territoriali la convinca a mettere in cantiere l’elaborazione di un nuovo indirizzo strategico per il Mendrisiotto e il Basso Ceresio, rinunciando al PoLuMe e affrontando i problemi della A2 nel sud del Ticino con visioni più lungimiranti e non con nuove strade".

Politici oltre le barriere

La risposta, lascia intendere Sommaruga, giungerà a tempo debito. Ma essere riusciti nell’impresa, ammiccano gli autori del gesto, è già una soddisfazione. «Anche perché – ci dicono – ci ha confermato di aver compreso che siamo preoccupati». A Mendrisio, d’altro canto, hanno cercato di farlo capire in tutti i modi. E l’aperitivo apparecchiato sotto le fronde al Parco di Villa Argentina ha offerto un’occasione ghiotta. Se è vero, come ricorda il presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali, che in Svizzera come in nessun altro luogo i politici sono senza barriere, i rappresentanti locali sono pronti a... saltare il fosso per portare acqua al mulino del Distretto. «Siamo qui per voi, per ascoltarvi», promette dal palco il presidente della Confederazione Ignazio Cassis.

Il Municipio della Città non se l’è fatto ripetere due vole. «Abbiamo avuto una mezz’ora per parlarci. Era un’occasione enorme per la regione e preziosa per la Città», ci confessa la vicesindaca Francesca Luisoni. Di cosa avete discusso? «Di un po’ di tutto: di infrastrutture stradali e ferroviarie ma anche della crescita di Mendrisio, dell’Accademia». Porterà dei frutti? «Di scuro. In ogni caso è un’opportunità. Con la speranza che ci guardino con un occhio più consapevole».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale mendrisio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved