ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
23 min

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
50 min

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
16 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
19 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
21 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
laR
 
10.07.2022 - 14:46
Aggiornamento: 16:07

A Casvegno nasce un Festival socioculturale

Non solo scrittura, ma anche cinema, radio e musica per DiversaMente. Primo tema scelto è ‘Aliter’, dal latino ‘diversamente da’

a-casvegno-nasce-un-festival-socioculturale
archivio Ti-Press
Da concorso a festival

È ‘Aliter’, dal latino ‘diversamente da’, il tema scelto per la prima edizione del Festival socioculturale di Casvegno. Nato nel 2010 come concorso di scrittura, per il 2022 – l’anno della ripartenza dopo lo stop forzato a causa dell’emergenza sanitaria – gli organizzatori hanno scelto di cambiare formula. Non solo scrittura, ma anche cinema, radio e musica. DiversaMente, questo il titolo dato al Festival, si svilupperà con appuntamenti mensili, fino all’evento finale previsto il prossimo 22 ottobre al centro culturale LaFilanda di Mendrisio. Ne abbiamo parlato con gli organizzatori: Sergio Perdonati, responsabile animazione del Centro abitativo, ricreativo e di lavoro (Carl) e Maura Lazzaretti, responsabile laboratori Agorà. «Il Festival socioculturale di Casvegno è un progetto di scrittura comunitario che coinvolge spazi sociali e culturali e li unisce attraverso la scrittura – ci spiegano –. Nato come concorso nel 2010, il Festival è un progetto della comunità di Casvegno alla cui organizzazione hanno partecipato ospiti e operatori che si dilettano e hanno la passione per la scrittura e la lettura». Il progetto è nato da altre attività che si svolgono al Carl: lo Spazio scrittura (dedicato a scrittori per diletto), il settimanale dell’Agorà, foglio di narrazioni della quotidianità del quartiere e Radio Casvegno, spazio di parola e di accoglienza che trasmette via web su Radio Gwen.

Il tema della diversità

Il Festival intende focalizzare l’attenzione relativa al tema della diversità. Il presupposto è aprire e far spazio all’incontro di una pluralità di processi e linguaggi creativi. Per quanto riguarda la scrittura, i testi devono essere presentati entro il 18 settembre (al laboratorio Agorà o via mail a dss-osc.agora@ti.ch). Come si legge nel bando, si partecipa inviando un solo scritto della lunghezza massima di una cartella formato A4 (carattere Times New Roman, corpo 12, escluso il titolo). Oltre al racconto o alla poesia, lo scritto dovrà recare nome, cognome, recapito, numero di telefono e indirizzo di posta elettronica dell’autore. La partecipazione costituisce autorizzazione e svincolo per una eventuale pubblicazione degli scritti pervenuti. «Da quest’anno – sottolineano ancora i promotori – il progetto di scrittura non è più competitivo. Come detto, da concorso letterario si è trasformato in Festival socioculturale e ora vuole valorizzare tutti coloro che partecipano, rendendoli protagonisti nella condivisione e nello scambio di esperienze, vissuti ed emozioni attraverso la scrittura e nella lettura dei loro testi, senza giudizi e/o interpretazioni da parte di altri». È previsto anche il supporto di un letterato che leggerà gli scritti (anonimi) dei partecipanti e porterà un contributo al progetto letterario.

Coinvolta la comunità di Casvegno

Chiediamo ai nostri interlocutori come sono andate le edizioni del concorso. «Negli ultimi anni – rispondono Sergio Perdonati e Maura Lazzaretti – abbiamo aperto ad altre istituzioni sociali ticinesi (anche istituti della vicina Italia con cui collaboriamo) con la partecipazione di trenta-quaranta scritti; in alcuni casi ci sono arrivati anche disegni». In attesa di sapere quante persone risponderanno all’appello per la prima edizione del Festival, la comunità di Casvegno si prepara. La stessa, infatti, sarà coinvolta per creare momenti di socialità e cultura intesi a favorire l’espressione, l’incontro e lo scambio. Alla base del progetto vi è infatti il presupposto che le pratiche di scrittura, e più in generale la produzione narrativa e artistica, siano strumenti efficaci per la condivisione dei vissuti e delle emozioni, per lo sviluppo e l’arricchimento delle relazioni umane, per il rafforzamento dei legami sociali e comunitari e per la creazione e la promozione del benessere psicofisico. Quelli che saranno offerti saranno «spazi di scrittura e di ascolto, individuali e di gruppo, per chi vorrà dare un proprio contributo scritto o orale». La redazione del settimanale dell’Agorà e Radio Casvegno ospiteranno inoltre persone che parleranno di scrittura e del processo creativo che porta alla realizzazione di un testo letterario o di una canzone. Per il Festival, nel corso del mese di settembre è previsto un breve percorso di scrittura creativa. Nel corso del mese di novembre, infine, radio Casvegno proporrà un podcast finale sull’evento. Gli eventi sono aperti a tutti previa prenotazione telefonica o scritta. Tutte le informazioni e i dettagli saranno comunicati prima degli eventi in programma.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved