ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
2 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
3 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
4 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
4 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
5 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
5 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
5 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
5 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
6 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
6 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
6 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
6 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
6 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
6 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
6 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Ticino
7 ore

Apprendistato, finora i contratti firmati tengono bene

A oggi sono 2’452, cinque meno dell’anno scorso e 75 in più del 2019, ultimo anno pre pandemico. Ancora 115 i posti vacanti
Luganese
7 ore

A Lugano una serata pubblica sulla riforma delle Arp

Il dibattito si terrà l’11 ottobre nell’auditorium del Centro professionale tecnico di Trevano. Interverrà, fra gli altri, il consigliere di Stato Gobbi
laR
 
02.07.2022 - 05:30

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.

scuole-di-riva-san-vitale-si-rischia-il-blocco-dei-lavori
Ti-Press
Tre anni di lavori. E forse di più?

C’è un concreto rischio di blocco del cantiere delle scuole comunali di Riva San Vitale. A dirlo, è il municipale Sergio Bedulli (Lega). Con alle spalle già un lungo cammino, iniziato nel 2009, il percorso di restauro e risanamento delle strutture scolastiche potrebbe subire infatti uno stop forzato che ne prolungherebbe ulteriormente i tempi. Il motivo? «Il Municipio ha approvato quasi trenta opere non previste a capitolato, che non sono state approvate dalla Lega tengo a sottolineare. Queste opere stanno portando a un superamento dell’importo sulle delibere vicino alla soglia del 10%. E la legge è chiara: se il limite dei lavori viene superato, i lavori devono essere sospesi».

Edificio degli anni Sessanta, protetto

Le scuole elementari di Riva sono state costruite nel 1964, con ulteriori aggiunte nel decennio successivo. A progettarle, gli architetti Flora Roncati Ruchat (figlia dell’allora sindaco Giuseppe), Aurelio Galfetti e Ivo Trümpy. L’edificio costruito dal prestigioso studio d’architettura, a causa della sua particolare conformazione e delle sue caratteristiche, è stato ritenuto meritevole di protezione: il 28 febbraio del 2018 il centro scolastico comunale di Riva – quindi oltre alle scuole elementari, anche la scuola dell’infanzia e la palestra – è stato inserito nell’elenco dei beni culturali d’interesse cantonale. Inserimento contro il quale Bedulli e il movimento si sono battuti. I vetusti stabili erano in ogni caso ritenuti non più funzionali già da tempo, «con infiltrazioni d’acqua e numerosi interventi da effettuare», spiega Bedulli.

Iter lungo oltre dieci anni

Dando mandato agli stessi architetti degli anni Sessanta, con Aurelio Bianchini al posto di Galfetti, nel 2009 il Municipio ha indagato i costi di risanamento e potenziamento dei prefabbricati. Nel 2013 è stato poi pubblicato un concorso pubblico per la progettazione e la direzione dei lavori, affidate agli architetti Michele e Francesco Bardelli. Un primo progetto di massima è stato ultimato nel 2015, ma successivamente le richieste progettuali sono state estese con: lo smantellamento della cucina della scuola dell’infanzia, la formazione nel deposito della palestra di una cucina professionale, la formazione di un ascensore esterno e di passerelle interne per rendere parzialmente accessibili ai disabili alcune aule al pianterreno. A seguito di queste richieste supplementari, i costi sono nettamente lievitati: dai 6,5 milioni inizialmente stabiliti si è passati a 12,5.

Investimento da 6,3 milioni

Troppo per il Municipio, che si è attivato per contenere i costi. Si è così arrivati a un secondo progetto definitivo comprendente il restauro della sola scuola elementare, più vecchia e quindi considerata come tappa prioritaria mentre per asilo e palestra si procederà in un secondo momento. «Eseguire gli interventi in due fasi non è garanzia di risparmio – fa tuttavia notare Bedulli –, anzi quando si affronteranno gli altri stabili i costi saranno certamente superiori». Per la prima fase, la licenza edilizia è stata concessa a ottobre 2018. Da sostituire ci sono diversi elementi: dalle vetrate alle tubazioni degli impianti di riscaldamento e sanitario, dalle illuminazioni agli intonaci. L’investimento totale è di 6,3 milioni di franchi. L’importo netto a carico del Comune è tuttavia di circa 4,6 milioni: tra sussidi cantonali e federali, le sovvenzioni ammontano a circa 1,7 milioni. Il cantiere è stato avviato poco prima dell’inizio della pandemia.

Se si supera? ‘Una perizia esterna’

«E fin da subito sono emerse diverse cose che non funzionavano – ricorda Bedulli –. C’erano mancanze di vario genere, una su tutti: ci si è dimenticati di andare sul tetto per verificare che la ghiaia di copertura andava sostituita o rilevata e completata. Gli artigiani hanno iniziato frequentemente a segnalare in Comune problematiche di vario tipo». All’origine dei problemi, secondo il municipale, ci sarebbe il fatto che «a livello di progettazione è mancata un’analisi approfondita degli stabili». Con il risultato che nel giro di due anni si è arrivati a quasi trenta opere non previste. E il superamento del 10% dei costi delle delibere sarebbe dietro all’angolo. «In tal caso, la direzione dei lavori dovrebbe avvisare il committente e interrompere i lavori. È la legge che lo impone. Entro fine mese chiederò i conti e se dovesse confermarsi il superamento, ci sarà il blocco». E se questo dovesse accadere? «Il Municipio dovrà commissionare una perizia esterna, affinché giustifichi il superamento e ne conseguirebbe una rivalutazione dell’intero intervento per la quale ci vorrebbe un aggiornamento dei capitolati». Uno scenario con dispendio di tempo, oltre che di soldi.

Replica: ‘Situazione sotto controllo, per ora’

Sulla questione abbiamo interpellato anche il capodicastero Edilizia scolastica Eusebio Vassalli (Per Riva, Liberali Democratici Indipendenti). «In totale sono tre anni di lavori, uno per blocco. I primi due sono già terminati, nella tempistica che ci eravamo prefissati, a luglio si inizia con il terzo. Per quanto riguarda i finanziamenti: la situazione è sotto controllo e viene monitorata regolarmente. Qualora ci fossero delle indicazioni di un potenziale rischio di superamento del credito iniziale allora chiaramente ci fermeremmo e cercheremmo di capire cosa sta succedendo. Ad oggi però non è il caso. Se davvero ci fosse questo rischio ci saremmo già attivati. Ogni tre-quattro mesi viene effettuato un rapporto sullo stato dell’avanzamento dei lavori, il prossimo sarà a fine luglio. Lì si vedrà se effettivamente qualcosa non torna come sostiene Bedulli o meno». Ma è vero che si sarebbe potuta fare una miglior analisi degli stabili? «Effettivamente i Municipi precedenti non hanno commissionato un sondaggio dello stato reale dell’edificio, che è vetusto. E quindi strada facendo è vero che sono emerse delle problematiche non previste. Tuttavia, la situazione ad oggi contempla già, finanziariamente parlando, tutti questi imprevisti per i tre blocchi perché se – ad esempio – emergeva qualcosa nei lavori al primo blocco, il costo veniva già moltiplicato per tre e proiettato. Si tiene già conto di eventuali problematiche che si presenteranno nel terzo blocco dunque».

Preoccupazioni municipali in una lettera

«Impossibile moltiplicare i costi del primo blocco per tre – sostiene tuttavia il collega leghista – difatti la prima edificazione di un blocco è avvenuta almeno dodici-quindici anni prima e presenta molte differenze e di conseguenza problematiche differenti dovute sia a materiali che tecnologie di costruzione che nel tempo sono mutate. Si dimentica di dire inoltre, che comunque il Municipio ha inviato uno scritto ai progettisti, segnalando la sua preoccupazione». Timori fondati o meno, lo si scoprirà fra circa un mese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved