quotidianita-e-traffico-che-impatto-ha-sulla-qualita-di-vita
Ti-Press
Quanti si danno alla fuga?
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
6 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
6 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
6 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
6 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
6 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
7 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
7 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
7 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
7 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
7 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
7 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
8 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
20.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:03

Quotidianità e traffico: ‘Che impatto ha sulla qualità di vita?’

I contrari a PoLuMe, Ata e ‘Cittadini per il territorio’ lanciano un sondaggio tra la popolazione, fra Mendrisiotto e Luganese

Il traffico fa parte ormai da tempo del tran tran degli abitanti del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Tra bretelle, superstrade, corsie autostradali da moltiplicare e zone di stoccaggio per i Tir da ritagliare a lato dell’A2, da queste parti è anni che ci si misura con progetti e rimedi a un problema che continua a segnare la quotidianità dei cittadini. Gli stessi che, spesso e volentieri, in passato hanno saputo andare controcorrente dicendo ‘no’ a nuovi collegamenti e adesso sono pronti a mettersi di traverso anche alle strategie federali. Che peso ha, però, oggi il viavai motorizzato nell’esistenza della popolazione locale? E quanto incide nella qualità di vita dei residenti? Se lo sono domandato di recente al Comitato ‘No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio’. È nata così l’idea di promuovere, d’intesa con Ata, l’Associazione traffico e ambiente, e i ‘Cittadini per il territorio’, un sondaggio per testare la percezione popolare. L’area geografica di riferimento, comunque, si spinge anche oltre i confini del Distretto, toccando il Luganese, quindi tutte le realtà di fatto interessate dal progetto PoLuMe di potenziamento dell’asse autostradale a sud. E non si intende escludere neppure chi vive in altre regioni del Cantone.

Già rientrate 280 risposte

L’interesse, del resto, non manca. Lanciato da poco, ad aver aderito all’invito e ad aver dato seguito alla richiesta, sin qui sono già state 280 persone. Per tutte le altre ci sarà la possibilità di partecipare ancora all’inchiesta: l’ultimo termine utile è la fine del mese. Per compilare il formulario digitale basta andare sul sito del Comitato e alla pagina dedicata, www.no-terzacorsia-a2.ch/sondaggio.

Cinque minuti di tempo: gli autori del sondaggio, d’altro canto, non chiedono di più. Quanto basta per rispondere alla dozzina di domande preparate proprio per calibrare l’impatto del traffico sulla gente del posto e capire come la si pensa sulle ricette possibili per migliorare la situazione. I dati raccolti, ci assicurano, verranno trattati in modo anonimo. Ciò che conta, infatti, è il parere di chi accetta di sottoporsi al sondaggio. Per avere un quadro il più esaustivo possibile, ci illustrano i fautori, sarà importante poter contare su un campione rappresentativo quanto eterogeneo.

Obiettivo, allargare il dibattito

È vero, chi firma questa sorta d’indagine, si dirà, ha una posizione ben netta (oltre che contraria) sulla terza corsia autostradale pianificata da Ustra, l’Ufficio federale delle strade, sul tracciato meridionale dell’A2. Una ragione in più per condividere i propri pensieri con chi sta cercando di aprire un dibattito vero sul nodo della mobilità che tanto assilla questi comprensori urbani, attraversati dai flussi dei pendolari (perlopiù frontalieri) e dei mezzi pesanti. Gli interrogativi-guida ai quali il Comitato si prefigge di avere un responso sono in particolare due. «Ci domandiamo, infatti, se il traffico può essere, ad esempio, un fattore che porta a un cambio di residenza – ci confermano –. Di conseguenza siamo interessati a comprendere quali sono le soluzioni che potrebbero essere attuate in modo prioritario per risolvere questo problema dal punto di vista della popolazione. In altre parole – ribadiscono in conclusione dal Comitato –, vorremmo cercare di capire se e – in caso affermativo – in che misura, il traffico influisce sulla qualità di vita degli abitanti locali».

Le domande test

Andando al sodo, chi prende parte al sondaggio dovrà innanzitutto dare un voto alla sua qualità di vita, all’aria che respira e alla situazione del traffico. Il ventaglio? Da ‘uno’ (per pessima) a ‘cinque’ (per molto buona). Poi il rilevamento va al fondo della questione, chiedendo di sbilanciarsi sui possibili rimedi principali qualora la quotidianità viaria non fosse soddisfacente. I promotori qui offrono l’opportunità di dare delle risposte multiple, scegliendo tra quattro opzioni, più lo spazio per una proposta. Insomma, meglio potenziare il trasporto pubblico oppure la capacità autostradale? Ed è preferibile sostenere di più le piste ciclabili, le vie pedonali e i sussidi per l’acquisto di bici elettriche oppure bus aziendali, ‘car sharing’, ‘park and ride’ e auto condivise? C’è però anche un’altra curiosità da soddisfare: è mai venuto in mente a un momò o a un luganese di trasferirsi altrove? E dove? Ma soprattutto, per quali ragioni? Questione di smog, lavoro, affitto o traffico, rumore e una rete di mezzi pubblici insufficiente? E per finire, il campione come si muove sul territorio? Non poteva mancare un test conclusivo su PoLuMe: qual è il giudizio sul progetto? Aperte le domande, non resta che attendere le risposte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
comitato sondaggio terza corsia a2 traffico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved