gruppo-urani-scritti-i-primi-90-anni-di-storia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
15 min

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
6 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
7 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
11 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
11 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
11 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
17 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
19 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
20 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
21 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
21 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
21 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
21 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
22 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
22 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
22 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
laR
 
21.06.2022 - 09:04
Aggiornamento: 13:55

Gruppo Urani, scritti i primi 90 anni di storia

Il rione di Chiasso ha festeggiato l’importante traguardo con una festa popolare, una nuova pubblicazione e un dipinto del patto del Grütli

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

E sono 90. Anche se lo spirito continua a essere quello di un giovanotto. Il Gruppo Urani di Chiasso ha festeggiato l’importante traguardo con una festa aperta al pubblico nella sua nuova sede in via Sottopenz e soprattutto mandando in stampa una nuova pubblicazione, legata proprio alla storia dell’ex Grotto Grütli, lo stabile che Fondazione e Gruppo Urani hanno acquistato nel 2016 e restaurato negli anni successivi. «Un piccolo contributo, senza pretese storiche, che presenta l’inizio, l’oblio e la rinascita di quella che è diventata la nostra sede», spiega il presidente Sandro Gerosa. Oltre al conosciutissimo risotto offerto alla popolazione e al vino con l’etichetta commemorativa, gli Urani hanno voluto sottolineare l’anniversario con un altro regalo. «Sulla casa terminata mancava qualcosa – ammette Gerosa –. Era l’affresco del patto del Grütli andato distrutto dagli interventi precedenti. Ora siamo riusciti ad applicare un dipinto con la rivisitazione dell’opera storica, eseguita dal pittore Bruno Dagani». La prossima occasione per ammirare dal vivo l’affresco in un contesto festoso sarà durante le feste del Boff... al Penz, che si terranno dal 15 luglio al 1° agosto e il cui programma verrà reso noto nei prossimi giorni.

Un po’ di storia del Gruppo...

Il Gruppo Urani è il rione del quartiere Boffalora. Da dove deriva questo nome? E come è nato? A queste, e a molte altre domande, ha cercato di rispondere Sandro Gerosa durante la parte ufficiale dei festeggiamenti. «Nei primi decenni del 1900 alcuni gruppi di abitanti di Boffalora organizzavano nel parco del Boffalorino le feste di Sant’Anna, patrona del quartiere – ricorda il presidente –. Fu nel 1932, quando la filodrammatica chiassese organizzò lo spettacolo di Guglielmo Tell nel piazzale retrostante le attuali scuole commerciali, che il gruppo volontari di Boffalora venne chiamato a fare da comparsa. I volontari ebbero il ruolo della popolazione del canton Uri, ereditando di conseguenza anche il nome di Urani, continuando comunque a organizzare le feste, cucinando il risotto per il Carnevale, partecipando e organizzando il corteo mascherato. Nel 1958 con gli altri rioni chiassesi – Cucù, Maccheronata ed Excelsior – si diede vita al comitato Nebiopoli». Le feste estive al parco del Boffalorino sono continuate fino al 2015, anno in cui il terreno è stato venduto dai proprietari e anno in cui gli urani si sono messi alla ricerca della loro nuova casa.

... e della nuova sede

Il colpo di fulmine è scattato con l’ex Grotto Grütli. Come si legge nella pubblicazione, "fu così che gli urani di Chiasso lo trovarono, se ne innamorarono e il 7 marzo 2016 concretizzarono l’acquisto con la famiglia Valsangiacomo". Il passato recente è storia nota. Gli Urani hanno restaurato lo stabile e lo hanno adattato alle loro esigenze «non con pochi sacrifici – tiene a sottolineare Sandro Gerosa – e grazie anche all’aiuto di persone, ditte, enti e privati che ci hanno sostenuto e tuttora ci danno una mano, con aiuti finanziari, materiali e forza lavoro». Per completare l’opera mancano «diversi interventi da eseguire nel piazzale, che con tempo e pazienza metteremo in atto». Ma quale è stata la storia del grotto fino al 2016? A questa domanda cerca di rispondere la pubblicazione, partendo dallo studio effettuato nel 2017 dalla terza tappa di ChiassoLetteraria. Dal lavoro, durato 5 anni, emerge che "il grotto deve essere stato fatto costruire dai figli di Vittore Valsangiacomo forse contemporaneamente alle loro cantine di Mendrisio, che datano 1901-1902, ma di questa paternità non si è potuta avere conferma". Le ricerche d’archivio – corredate dall’immagine di un rogito del 1896 che attesa la cessione dalla famiglia Chiesa alla famiglia Valsangiacomo – portano a credere che il Grütli esisteva già prima del 1900. E anche le carte topografiche attestano la presenza dei grotti Grütli e Linet nel 1894. Dopo il 1960, immobile e piazzale cambiarono completamente destinazione fungendo da spazio per un allevamento di cincillà; mentre negli anni successivi arrivò un materassaio. Negli inverni degli anni 1960-1970 il sedime era diventato il punto d’incontro della gioventù che, approfittando di una pozza d’acqua gelata che copriva i viali delle bocce, praticava il pattinaggio. Ultima tappa è stato l’affitto a varie imprese edili che, depositando diverso materiale, abbandonarono lo stabile al degrado. Gli interessanti possono richiedere la pubblicazione alla tipografia Progetto Stampa, al negozio Gerosa Fratelli Sa (entrambi di Chiasso) o direttamente durante le feste.

Dalla beneficenza ai giovani

Il cambio della sede non ha penalizzato l’attività del gruppo. «Ci ha impegnato di più – ammette il presidente – per far funzionare la struttura e permetterci di incassare qualche franco». Franco che, come da tradizione del Gruppo prima e della Fondazione poi, è sempre stato donato in beneficenza. Durante l’emergenza sanitaria, per esempio, gli Urani non hanno fatto mancare un contributo alla Catena della solidarietà. Raggiunto il 90esimo, il pensiero corre inevitabilmente al prossimo importante traguardo. «Il futuro c’è: abbiamo un gruppo giovani che ci aiuta nella gestione del bar e nei diversi lavori – conclude Sandro Gerosa –. Questi giovani mi sembrano molto più coesi di noi, che ci troviamo solo quando c’è da lavorare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
90 anni chiasso grotto grütli gruppo urani pubblicazione sandro gerosa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved