ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
6 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
8 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
11 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
14 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
18 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
18 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
1 gior

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
1 gior

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
1 gior

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
1 gior

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 gior

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
07.06.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:01

Quelle tragedie, antidoto alle anestesie della vita

A metterle in scena al Teatro Sociale di Casvegno, a Mendrisio, gli studenti del modulo Salute mentale della Supsi

quelle-tragedie-antidoto-alle-anestesie-della-vita
Dalla Grecia ai giorni nostri

Un momento prezioso di riflessione sulla sofferenza. A metterlo in scena al Teatro Sociale di Casvegno, a Mendrisio, gli studenti di Lavoro sociale della Supsi col sostegno della Socioterapia e del Club 74. Della lettura che le nuove generazioni hanno fatto dei non facili testi classici ne abbiamo parlato con il professor Lorenzo Pezzoli, responsabile del modulo di Salute mentale del corso di laurea in Lavoro sociale della Supsi.

Come è nata l’idea di abbinare lo studio degli allievi del modulo Salute mentale al teatro?

Molti anni fa da un’idea di Graziano Martignoni, poi negli ultimi dieci anni ha vissuto uno sviluppo attraverso una collaborazione con il Conservatorio della Svizzera italiana e un lavoro più mirato di analisi e di riscrittura delle tragedie, anche in chiave moderna, avvalendoci della supervisione del regista Fabrizio Rosso per la messa in scena. La tragedia greca parla del confronto dell’uomo con la sofferenza, con i nodi dell’esistenza umana, con temi come la solitudine, l’abbandono, la violenza… Ismail Kadaré sottolinea come nella tragedia troviamo i grandi tabù a cui l’uomo tenta di dare risposta e coi quali si confronta. Non è un caso che le tragedie parlino di dolori estremi: la morte e la follia. Ciò che colpisce, a secoli di distanza, è che la tragedia resta fedele a se stessa, anche nel confronto con generazioni in apparenza estranee. Se un testo parla ancora dopo più di duemila anni, se ancora muove e spinge, se svela e fa risuonare, allora quel testo non è solo il prodotto di una cultura, ma appartiene a qualcosa di più profondo che poi, da una cultura, viene sviluppato e declinato, come se la tragedia avesse ancora da svolgere la sua funzione di orientatrice di sguardi, di spostamento di visuale, di evocatrice di domande.

C’è tanta ‘attualità’ nei testi presentati.

Le tragedie rompono la loro temporalità e arrivano a noi con una attualità a volte sconcertante. Raccontano, con efficacia, drammi come la guerra e la desolazione che porta con sé. Lo esprime bene l’opera di Sofocle ‘Le Trachinie’, che ha ricevuto il miglior premio dalla giuria e che riferisce della condizione delle donne umiliate, rese mute. Perché la violenza, ce lo ricordava Primo Levi, ha la capacità di eclissare la parola. Ma fa emergere anche altri temi di estrema attualità come nel ‘Prometeo incatenato` messo in scena in un ospedale psichiatrico degli anni Sessanta tematizzando la contenzione fisica con cinghie ai polsi, evocando parimenti tutte quelle sofferenze della vita, del corpo e dello spirito, che inchiodano e mettono all’angolo. Lo stesso è valido per le altre tragedie rappresentate che hanno portato l’attenzione sulla nostra vita così apparentemente lontana dal 400 a.C., ma in fondo così sorprendentemente accomunata dalle grandi questioni dell’esistenza che non si esauriscono nel tempo perché l’uomo le porta costantemente con sé, dentro di sé.

L’impegno che i ragazzi hanno dimostrato travalica il loro acerbo rapporto con il mondo. Come possono raffigurare questi struggenti sentimenti in modo così diretto?

Le nuove generazioni hanno una sensibilità straordinaria a intercettare le contraddizioni della vita, a provocare domande scomode. È come se capissero che quelle storie così lontane nel tempo li aiutano a mettere parole e testo a quanto sentono muovere dentro di loro, che a volte è così difficile da decifrare. Incontrare le tragedie è un antidoto possibile alle tante anestesie della vita che, soprattutto oggi, ma non solo oggi, vengono offerte per non pensare. Dalle sostanze alle tecnologie mal utilizzate, si perde l’occasione di maturare, di costruire dentro di sé uno sguardo che non solo permetta un percorso personale, ma aiuti anche ad accompagnare gli altri in questo percorso. E per chi si appresta a diventare educatore o assistente sociale è davvero prezioso questo processo e questo esercizio. Lo è anche se faticoso. L’uomo, del resto, e cito Carl Gustav Jung, cresce secondo la grandezza del compito che gli viene affidato. Poi certamente occorre sostenere, incoraggiare, offrire gli strumenti, a volte anche accogliere i sentimenti non sempre facili che, nell’esecuzione del compito, emergono.

I ragazzi hanno espresso grande familiarità nella recitazione ma anche nel ballo, nel canto, nella regia.

È una sorpresa vedere questa familiarità che alcuni giovani dimostrano nel calcare le scene, altre volte è una conferma di come ci sia una disposizione alla creatività al di là di una pratica personale o di un’esperienza coltivata tra le passioni e gli hobbies extrascolastici. Credo che quando i giovani sentono che un messaggio merita di essere trasmesso, allora si mostrano capaci di mettersi in gioco con una grande generosità e capacità, anche al di fuori dalla loro comfort zone.

Ha parlato di un teatro che mette in scena qualcosa di finto ma non di falso. Assistendo alle rappresentazioni, ci siamo ritrovati nella precarietà di un equilibrio fra le luci e le ombre delle nostre vite. È la ‘condanna’ dell’uomo moderno?

Ho citato un aforisma di Gigi Proietti. In scena non ci sono morti "veri", violenze "vere", perfino le spade sono finte. Ma allora perché il finto del teatro non è falso? Perché in quello che viene rappresentato c’è la verità dell’animo umano, delle relazioni, della vita. Novalis scriveva che il teatro è l’attiva riflessione dell’uomo su se stesso perché in quella finzione l’uomo si svela a se stesso. E qui sta la questione.

Quanto lavori di questo tipo aiutano i giovani ad avere accesso a se stessi?

L’accesso a se stessi è un cammino continuo di ricerca e di esplorazione. Per chi lavora nelle relazioni di aiuto in particolare, avere conoscenza di sé è indispensabile. Infatti il gesto di cura, di accoglienza, di sostegno e di accompagnamento che si eserciterà nella vita professionale ha bisogno di consapevolezza, attenzione e misura. Per questo nella formazione si cerca di accompagnare a un incontro con le proprie parti profonde, là dove nasce e sgorga anche il desiderio di occuparsi degli altri.

Ci ha colpiti in un mondo sempre più interconnesso e globalizzato la mancanza, come citato nelle pièce, di comunicazione, di scambi di sguardi, di empatia e compassione. Lo vede anche lei?

L’altro come estraneo, sconosciuto e nemico… A volte mi colpisce molto come l’altro venga degradato nella nostra società, sempre di più e sempre più drammaticamente, e facendo così questo altro finisce per raggiungerci attraverso il registro della paura e della minaccia. Tuttavia, l’altro contiene anche il registro del desiderio, come abbiamo visto bene durante la pandemia e come sappiamo in fondo tutti. L’esercizio della relazione attraverso l’esperienza della vicinanza, del contatto, dello scambio di sguardi, ma anche nella fatica di una continua mediazione con il proprio interlocutore è qualcosa di vitale. Soprattutto per chi si impegnerà professionalmente nel campo del Lavoro sociale. Senza mai dimenticare che l’altro, l’estraneo, lo sconosciuto, prima di essere qualcuno che sta fuori è qualcuno che ci abita dentro. Allora si entra nel campo della vita che è anche il campo della tragedia, certamente, il campo delle innumerevoli e laceranti tragedie, da quelle intime a quelle sociali, ma anche della speranza, del riscatto, della cura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved