potenziamento-dell-a2-per-i-verdi-e-un-progetto-da-congelare
archivio Ti-Press
Quante corsie?
01.06.2022 - 16:12
Aggiornamento: 17:13

Potenziamento dell’A2, per i Verdi è un progetto ‘da congelare’

Il comitato firma una risoluzione e chiede a Cantone e Confederazione di puntare maggiormente sulle alternative al mezzo privato

Il progetto di potenziamento dell’autostrada A2 tra Lugano Sud e Mendrisio (PoLuMe) va congelato "puntando fin da subito maggiormente sulle alternative al mezzo motorizzato privato". È quanto chiede a Confederazione e Cantone il comitato dei Verdi del Ticino. In una risoluzione firmata dal presidente del comitato Fabiano Cavadini, i Verdi si dicono "contrari" perché "il progetto immagina un futuro della mobilità regionale facendo ricorso a visioni del passato ancora basate sull’aumento della capacità stradale e dimenticando le alternative". Un progetto che "promuove ulteriormente il traffico individuale motorizzato, con pesanti ricadute di ordine finanziario, ambientale e di qualità della vita, sia in fase di cantiere che a medio-lungo termine". Oltre a questo, il progetto PoLuMe rappresenta una "rischiosa concorrenza per l’ulteriore sviluppo ferroviario dell’asse Nord-Sud e rischia di contribuire a far fallire la strategia di trasferimento del traffico dalla gomma alla rotaia sia per le persone che per le merci". Per i Verdi "è prioritario investire le limitate risorse finanziarie a disposizione nel potenziamento del mezzo di trasporto pubblico, sia a livello regionale che interregionale, con una celere realizzazione di AlpTransit a sud di Lugano, ben prima di quanto prevede attualmente la Confederazione, con lo scopo d’integrare la rete ferroviaria svizzera in quella europea".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
comitato polume risoluzione verdi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved