presenza-insolita-fuori-scuola-ad-arzo-situazione-monitorata
Ti-Press
La scuola resta vigile, in ogni circostanza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
8 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
8 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
24.05.2022 - 20:13
Aggiornamento: 20:37

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo

L’Istituto scolastico è sul chi va là. E lo è anche l’autorità di Mendrisio. La segnalazione di quella presenza insolita fuori dalle scuole di Arzo, giunta per la prima volta una settimana fa e rimbalzata anche sui social, in effetti, chiama (come sempre in questi casi) alla cautela. Parlare di allarme, però, ci rassicurano subito, è esagerato. Anche perché, come conferma a ‘laRegione’ la stessa direzione scolastica locale, «la situazione viene monitorata da vicino». A tenere uno sguardo vigile sugli alunni e sui dintorni del Palazzo scolastico con i responsabili didattici vi è, poi, pure la Polizia della Città, messa al corrente dell’accaduto.

Attenzione e prudenza

Un’attenzione e una prossimità che hanno permesso ben presto di capire che la donna di una certa età che raggiunge la zona con l’auto e quindi cerca di entrare in contatto verbale con i bambini - ma ha avvicinato anche delle mamme - non desta preoccupazione. Semmai, ci dicono, dà l’impressione di avere bisogno di socializzare. I suoi modi, infatti, sono garbati e non è mai andata oltre un saluto o il tentativo di instaurare un colloquio.

Avviato un lavoro di prevenzione in classe

«Segnalazioni simili, sia chiaro - si annota ancora dalla direzione scolastica - non vanno banalizzate. In particolare quando vi sono elementi che invitano alla prudenza e all’attenzione. Ma - si ribadisce - non va alimentato l’allarmismo». I genitori, d’altra parte, sono assai sensibili su questo fronte. Il primo pensiero, come sempre in questi casi, è però per i bambini, soprattutto i più piccoli. «Come è nostra prassi in queste circostanze - ci spiegano -, abbiamo avviato un lavoro di prevenzione, parlando con i nostri alunni e ricordando loro alcune regole di comportamento». Regole sempre valide, ovvero di non parlare con gli sconosciuti, di non accettare passaggi e di non allontanarsi da soli.

Maffi: ‘Non si sottavaluta nessun caso’

Quella di Arzo non è, del resto, la prima segnalazione del genere arrivata sul tavolo del dicastero. «E ogni volta - assicura il municipale Samuel Maffi - ce ne occupiamo con l’attenzione dovuta. In effetti - chiarisce -, non possiamo sottovalutare nulla, né dal profilo delle forze dell’ordine, né da quello dell’Istituto scolastico: da un lato per capire il caso che ci troviamo davanti, dall’altro per sensibilizzare i docenti che hanno la capacità di cogliere segnali anomali in classe. Siamo all’erta, insomma, ma non va creato inutile allarmismo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arzo monitorata scuole
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved