valle-muggio-progetti-in-4-punti-dai-formaggini-al-macello
Ti-Press
Assemblea in serata a Morbio Superiore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
8 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
9 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
9 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
9 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
9 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
9 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
9 ore

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
10 ore

Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’

Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
Luganese
10 ore

Casinò Campione, confermata l’ammissione al concordato

Il tribunale di Como ha fissato l’udienza per il voto dei creditori al 19 settembre
Bellinzonese
11 ore

Sobrio finalista al concorso ‘Villaggio svizzero dell’anno’

Scelto dalla giuria per le iniziative culturali maturate attorno al festival musicale la cui edizione 2022 inizia sabato 9 luglio
19.05.2022 - 23:07

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura

Compie un significativo passo avanti, con la progettazione concreta degli interventi previsti e già approvati dalle autorità cantonali e federali, il progetto di sviluppo agricolo regionale suddiviso in 4 punti promosso dall’Associazione per i prodotti della Valle di Muggio e della Val Mara (Apvmm). Il sodalizio si è riunito ieri sera in assemblea a Morbio Superiore dove è stato presentato e dove sono stati creati i gruppi di lavoro. Il progetto è sostenuto dall’Associazione dei Comuni del Generoso. La segretaria, Cristina Solari, agronoma, evidenzia: «L’obiettivo generale del progetto è quello di interfacciare vari contenuti e settori economici per poter permettere di migliorare lo sviluppo dell’agricoltura». Ma ecco i contenuti. Si comincia dai formaggini, con l’obiettivo di ottenere il riconoscimento da Berna delle tecniche di produzione non contemplate nella legislazione federale attuale. Concretamente si richiedono "Linee direttive per buone pratiche procedurali per i formaggi freschi" e il riconoscimento da parte dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria. Lo scopo? Codificare le tecniche di produzione, segnatamente potrebbe essere ripresa la loro produzione a latte crudo, che permetterebbe di diversificare l’offerta rivolgendosi a una nicchia di consumatori interessati a prodotti speciali con un alto valore aggiunto.

‘Macellazione d’urgenza, si mira alla licenza edilizia’

Il secondo punto riguarda invece la creazione di un micro-macello per la macellazione d’urgenza per sopperire alle necessità locali. «L’esigenza è stata espressa dai contadini e sostenuta dal veterinario di condotta del Mendrisiotto e approvata dal veterinario cantonale» - spiega Cristina Solari. «Questo permetterebbe di recuperare i capi, stimati tra i 100 e i 200 all’anno, che da oltre dieci anni vengono sprecati a causa della mancanza di un macello disponibile e inoltre di lottare contro la epizoozie». Il progetto non cozza contro il macello cantonale di Cresciano gestito da Macello Ticino Sa? «Noi abbiamo il consenso per allestire la progettazione di un micro-macello. Questa tappa mira a ottenere la licenza edilizia».

Ma il progetto di sviluppo regionale illustrato all’assemblea riguarda anche il tema "commercializzazione" per cui sono previste numerose misure per migliorare appunto la vendita di prodotti. Il fine è quello di elaborare una strategia e il relativo concetto di marketing per i prodotti, rafforzando la comunicazione del marchio Associazione per i prodotti della Valle di Muggio e della Val Mara e del negozio "ProVaMM", la presentazione delle aziende e dei loro prodotti e la logistica di fornitura dei prodotti offerti in vendita diretta dagli agricoltori. Il concetto di marketing - e non potrebbe essere altrimenti - include anche la comunicazione digitale, vale a dire un sito Internet e i social network. Quarto punto, gli accessi per il recupero di superficie agricola utile e il miglioramento dei collegamenti. Si tratta, insomma, di migliorare precisi tratti di strade o di realizzarne di nuove. Tratti indispensabili ad alcune aziende agricole per favorire il trasporto e aumentare la loro attrattività, nonché per accedere a superfici agricole non servite. Per il Comune di Arogno, ad esempio, si prevede uno studio di fattibilità per accedere alla località Pianca passando per la località Compro, un progetto che fa parte del piano di utilizzo cantonale del Monte Generoso-Puc-Mg. «Le strade che coinvolgono altri enti - osserva Cristina Solari - sono quella del Bonello, incluso il rilievo della stessa, che interessa anche il Patriziato di Cabbio e la famiglia Soldini e quella dell’Alpe della Bolla che interessa il proprietario dell’azienda, Angelo Caverzasio».Un ulteriore capitolo, aggiuntosi lo scorso anno, riguarda il progetto paesaggio Pianspessa, con il quale si intende completare la valorizzazione del territorio del Monte Generoso, segnatamente con il recupero della masseria. In termini di sussidi, sul preventivo complessivo (oltre 800 mila franchi per i 4 progetti e per Pianspessa) - Confederazione e Cantone finanziano l’80% della somma.

Ma in quali tempi sarà realizzato il composito progetto di sviluppo regionale? «Ogni gruppo di lavoro svilupperà uno dei temi. Se ne stima ottimisticamente la conclusione entro un anno, un anno e mezzo. Poi, una volta ottenuto l’avallo da parte delle autorità, saranno i singoli promotori a chinarsi sulla realizzazione» - fa sapere la segretaria dell’Associazione dei Comuni del Generoso, che ha seguito da vicino tutte le fasi di avvicinamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cristina solari val mara valle muggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved