corsia-per-i-tir-sull-a2-spuntano-i-picchetti
Ti-Press/D. Agosta
La corsia partirà dall’area autostradale di Coldrerio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
5 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
6 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
7 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
8 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
8 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
8 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
8 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
9 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
9 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
9 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
17.05.2022 - 05:10
Aggiornamento: 19:56

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Una missiva del Datec ha annunciato ai Municipi del Basso Mendrisiotto l’avvio dell’iter verso il varo del cantiere tra Coldrerio e Balerna

Dalle parti del Basso Mendrisiotto di corsia per i Tir lungo il tratto finale dell’A2 proprio non ne vogliono sentire parlare. Il progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) non è andato giù né alle istituzioni locali, né alla politica, né ai cittadini: il fronte è compatto come non mai. Eppure queste resistenze non hanno fatto desistere l’Ustra dai suoi propositi. Anzi, semmai sembrano aver accelerato i tempi, qui come con la terza corsia autostradale fra Lugano sud e Mendrisio (anticipata di dieci anni, al 2030). Giusto ieri, lunedì, infatti, lungo il tratto che per 1’800 metri delimiterà la futura area di sosta dei mezzi pesanti sono spuntati i picchetti di rito. Aste di varia altezza, quelle posate tra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio-Balerna, che traducono però un messaggio chiaro, anche agli automobilisti di passaggio: a breve lì si aprirà un nuovo cantiere. Lavori, quelli annunciati il settembre scorso dai tecnici federali ai Municipi di Balerna, Novazzano, Coldrerio e Mendrisio – toccati per territorio (come anticipato da ‘laRegione’ del 30 settembre 2021) –, che andranno ad aggiungersi a quelli varati una settimana fa alla rotonda di Pontegana e al risanamento (in corso) del viadotto Campaccio, a nord dello svincolo di Mendrisio.

Avvisati con una raccomandata

Sono bastati, insomma, dei picchetti e ancor prima – era il 9 maggio scorso – la lettera raccomandata recapitata alle Cancellerie comunali per far tornare il dossier di stringente attualità e alzare la temperatura dentro le mura dei Palazzi civici della regione. Tanto che la tematica è finita nell’agenda delle sedute settimanali dei Municipi. Poco più di un mese fa a occuparsi della corsia per i camion nel Distretto era stato il Consiglio di Stato. Ancora a digiuno (per sua stessa ammissione) di piani e dati tecnici sul progetto, si era detto in attesa della pubblicazione dell’incarto federale. Di fatto nei Comuni è giunta, invece, una missiva, mittente il Datec, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni diretto da Simonetta Sommaruga, che informava sui passi già compiuti e su quelli imminenti. Una sorta di preavviso di quanto ieri è puntualmente accaduto.

Picchetti e aree di cantiere

In realtà, la versione definitiva del progetto esecutivo denominato ‘N2 Ep18 Balerna’ già nelle settimane precedenti è approdato sui tavoli del Datec, a Berna, per il visto finale. Nell’attesa l’Ustra si è portata avanti (sul campo) posando, come annunciato alle autorità comunali tramite raccomandata, piani e altra documentazione tecnica, picchetti e modine a segnalare altresì l’occupazione temporanea di alcune porzioni di terreno (come l’area di cantiere in zona Sant’Antonio). Un atto preparatorio (ma formale) in proiezione dell’intervento che seguirà, da qui al 2028, e porterà alla corsia per i Tir.

Tra missive e firme

L’obiettivo dei Servizi federali? Incolonnare circa una settantina di mezzi pesanti diretti verso il valico autostradale di Brogeda in nome di una maggiore sicurezza in un punto trafficato dell’asse autostradale ticinese. Vista dai Municipi locali, però, l’operazione non fa altro che ‘legalizzare’ quanto da anni succede nel tratto finale dell’A2, in particolare in coincidenza con Chiasso. Non sono state sufficienti, in effetti, le opere correlate – come le barriere foniche o i nuovi impianti per il trattamento delle acque stradali – per far digerire quella corsia in più. I quattro Comuni toccati sul vivo, non a caso hanno messo nero su bianco la loro contrarietà in uno scritto indirizzato alla filiale di Bellinzona dell’Ustra. A fare muro c’è anche una petizione promossa dal Ppd del Mendrisiotto e che ha raccolto un migliaio di firme. D’altro canto, mal si comprende come possa servire un’ulteriore corsia a fronte del centro di controllo, stoccaggio e dosaggio che entrerà in funzione a Giornico. In realtà, da Berna si è già fatto capire che non basterà per una gestione ottimale dei flussi di camion.

In ogni caso, il governo cantonale ha confermato il suo impegno a "chiedere approfondimenti e, se necessario, misure di accompagnamento al nuovo progetto federale". E i Comuni? Si aspettano di più. Preso atto della comunicazione federale, adesso si stanno domandando quale potrebbe essere la prossima mossa. Resta da capire, procedura alla mano, quale sarà il margine per opporsi alla costruzione della corsia per i Tir. E non è escluso che, come è accaduto nel passato recente, il Basso Mendrisiotto faccia squadra per mettersi di traverso a un’opera che proprio non vuole.

Leggi anche:

Corsia per i Tir, attesa la pubblicazione del progetto Ustra

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso mendrisiotto corsia tir picchetti ustra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved