i-momo-si-preparano-al-tour-de-suisse-e-aspettano-il-loro-gino
Durante la sua visita nel Mendrisiotto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
44 min

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
1 ora

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
2 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
2 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
3 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
3 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
5 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
14 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
16 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
16 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
16 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
16 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
16 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
laR
 
24.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 14:31

I momò si preparano al Tour de Suisse e aspettano il ‘loro’ Gino

Nel Distretto è presente l’unico fans club di Gino Mäder. ‘Siamo nati per caso a Innsbruck’. E per il 16 giugno si pensa a una ‘Casa Gino’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Fatica e sudore, ma anche allegria e divertimento. Il ciclismo è capace di condensare al suo interno varie ‘anime’. Dipende spesso da che parte della carreggiata ti trovi. Lo sa bene Gino Mäder, giovane corridore rossocrociato nato e cresciuto in Svizzera interna, che con il Mendrisiotto ha un legame speciale. Nel Distretto è infatti presente il suo unico fan club. «Lui è davvero un bravo ragazzo, disponibile e metodico nel suo lavoro. Noi facciamo il tifo per lui e viviamo il ciclismo come una festa. L’occasione per ritrovarsi in compagnia e passare una bella giornata», spiegano Nadir Fieni e Davide Bazzurri, che del gruppo di appassionati sono tra i primi fondatori. «Siamo nati in modo molto spontaneo e così vogliamo rimanere. Non abbiamo uno statuto o una tassa sociale. Ci siamo solo promessi di seguire almeno una volta all’anno una gara dove corre Gino». Un’occasione da non perdere è quindi la quinta tappa del Tour de Suisse, in programma sulle strade del Mendrisiotto (con arrivo a Novazzano) il prossimo 16 giugno. Mäder sarà al via insieme a una nutrita delegazione di ciclisti elvetici. «E noi ci saremo! Stiamo già pensando a come organizzarci. Vogliamo fare una ‘Casa Gino’ dove passare insieme la giornata e fare il tifo». Il luogo scelto è l’Osteria Sulmoni di Castello. «Porteremo il carro del Carnevale, dove appenderemo il nostro striscione».

‘L’idea ci è venuta ai Mondiali di Innsbruck’

A meritare di essere raccontata è anche la storia che ha portato questo gruppo di momò a fondare il fan club di un ciclista che non ha particolari legami con il Ticino. «Da ormai diversi anni andiamo regolarmente a seguire i mondiali di ciclismo, è un modo per conoscere posti diversi anche se generalmente non usciamo mai dall’Europa». Proprio in una di queste occasioni è scattata la scintilla. «Ci trovavamo a Innsbruck e stavamo seguendo la gara degli under 23, dove correvano diversi svizzeri. Erano quasi tutti atleti sconosciuti al grande pubblico. Durante la gara, per caso, siamo entrati in contatto con il papà di Gino. Ne è nata una bella discussione e gli abbiamo promesso che se il giorno dopo ci avesse fatto conoscere suo figlio, gli avremmo creato un fan club». Detto fatto, una volta rientrato a casa il gruppo di appassionati si è messo al lavoro. Per farsi riconoscere lungo il tracciato è stato creato uno striscione, una serie di magliette e i cappellini sono in arrivo. «Durante l’ultimo Tour de Romandie Gino ci ha anche salutati mentre correva», spiegano soddisfatti. «È un ragazzo davvero alla mano, sempre molto disponibile. Ci ha dato il suo numero di telefono ma non lo disturbiamo mai. In genere contattiamo suo padre, è con lui che abbiamo i contatti e che ci dà le informazioni sulle sue gare». Un modo, quello di Nadir e Davide, di vivere lo sport nella sua versione più spontanea e genuina. «Il ciclismo è davvero una disciplina fantastica, ti regala emozioni uniche e l’ambiente è sempre di positività mai di tifo ‘contro’».

‘La sua visita nel Mendrisiotto tra Valle di Muggio e... paccheri’

Proprio da questi contatti è nata la visita che Gino ha fatto qualche tempo fa nel Mendrisiotto. «Lo abbiamo invitato durante il suo periodo di vacanza a venire a trovarci e ha accettato. Voleva pagarsi la stanza, ma visto che era nostro ospite abbiamo rifiutato». Il gruppo di tifosi, una trentina in tutto, si era anche offerto di ‘scortarlo’ a provare il tracciato della gara. «Ma ha rifiutato. Erano i suoi giorni di libero e voleva staccare completamente dalla bicicletta». La giornata è quindi stata trascorsa a portare Gino e la sua famiglia alla scoperta delle ‘chicche’ che la regione può offrire ai turisti (e non). «Volevamo portarlo a visitare una famosa macelleria e fare una degustazione, ma abbiamo scoperto che è vegetariano e quindi abbiamo cambiato i piani», affermano i due ridendo. «Siamo stati a pranzo in Valle di Muggio e poi siamo tornati a Chiasso». Lì si è svolta la serata con tutti gli amici e tifosi. Il tutto sulle note di Toto Cavadini e degustando i famosi paccheri col guanciale. «Un piatto che è diventato tradizionale per il nostro gruppo. Lo mangiamo sempre quando ci ritroviamo». Un momento conviviale che ha apprezzato soprattutto il giovane ciclista elvetico. «Ci siamo offerti più volte di accompagnarlo in albergo se si sentiva stanco o si annoiava, Invece è rimasto fino a serata inoltrata e poi si è fatto da Chiasso a Vacallo (dove alloggiava) a piedi. Lui è fatto così, sempre gentile e disponibile con tutti». Meraviglie del ciclismo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fans club mäder mendrisiotto nadir fieni tour de suisse
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved