parroco-rimosso-tra-bicchieri-di-troppo-e-palpeggiamenti
Ti-Press
Non voleva sottoporsi all’alcoltest
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
27 min

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
59 min

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmentre) daranno il via ai lavori
Luganese
4 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
4 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
12 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
13 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
13 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
14 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
15 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
16 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
17 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
laR
 
16.05.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:07

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non è l’unico caso sopra le righe

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una nottata passata in Italia a bere qualche bicchiere di troppo. Poi il tentativo (fallito) di tornare in Ticino senza destare eccessivamente nell’occhio. Protagonista di un’altra serata sopra le righe è il parroco del Mendrisiotto già oggetto di un’inchiesta per molestie in discoteca nel mese di dicembre. Una seconda vicenda balzata alle cronache che ha costretto la Curia ha prendere immediatamente posizione. Già nella giornata di sabato, dopo il fermo avvenuto poche ore prima dell’alba, la Diocesi ha infatti comunicato "di aver rimosso il parroco e di averlo sospeso dall’esercizio del ministero sul tutto il territorio della Diocesi di Lugano. Questo dopo aver appurato la fattispecie di un comportamento già verificato in passato". Alla base dei problemi comportamentali del sacerdote ci sarebbe da tempo un rapporto difficile con l’alcol. Disturbo che anche in passato, prima dei fatti in discoteca, lo avrebbe reso protagonista di un episodio spiacevole con alcune fedeli. L’accaduto, capitato a margine di una celebrazione religiosa presso la parrocchia dove ha esercitato le sue mansioni fino a pochi giorni fa, non è mai sfociato in una denuncia. Anche per l’invito a non parlarne (e le scuse) dello stesso religioso.

La dogana chiusa e il ‘no’ all’alcoltest

Tornando ai fatti della notte tra venerdì e sabato, che hanno portato il prete a essere denunciato alle autorità italiane per guida in stato di ebrezza e senza licenza di condurre, emergono ulteriori dettagli. Il fermo è avvenuto in piazza Anna Frank a Ponte Chiasso dove l’uomo, come era già emerso nella giornata di sabato, è arrivato dopo aver tentato di varcare il confine dalla dogana di Pizzamiglio, trovando però la strada sbarrata. Ad avvertire la polizia italiana è stato un automobilista, allarmato dall’andatura pericolosa del veicolo con targhe ticinesi, che non ha fortunatamente causato incidenti e non ha riportato danni. Lo stesso uomo si è messo all’inseguimento della vettura guidata dal religioso, provando più volte a sbarrargli la strada per costringerlo a fermare la sua corsa e non mettere in pericolo gli altri utenti della strada. Una volta fermato dalla polizia il prete, in evidente stato di ebrezza e che faticava a reggersi in piedi, ha opposto resistenza prima di sottoporsi all’etilometro. Le discussioni con gli agenti della squadra volante della questura di Como sono durate circa 30 minuti, durante i quali l’uomo ha più volte inveito contro le forze dell’ordine. Il tasso alcolemico, una volta che il prete si è ‘concesso’ all’alcoltest, è risultato essere di 1,42 g/l. Il triplo di quanto consentito dalla Legge. In questi casi è prevista, da parte della autorità italiane, un’ammenda fino a 3’200 euro e il ritiro della patente per almeno un anno. L’autovettura, risultata sprovvista dalla carta di circolazione, è stata posta sotto sequestro.

Palpeggiamenti e scuse via sms

Come detto quello con l’alcol era un rapporto difficile per il sacerdote. Un fatto noto anche alla curia e che aveva portato l’uomo a sottoporsi a un trattamento. La problematica era già emersa a dicembre, quando il sacerdote si è reso protagonista di presunte molestie in una discoteca della regione. In quell’occasione l’uomo avrebbe allungato le mani nei confronti di almeno una ragazza. Da lì ne era scaturito un diverbio all’esterno del locale con alcuni ragazzi presenti, che ha portato al ferimento dello stesso sacerdote. Sulla vicenda, che in certi aspetti è tutt’ora poco chiara, stanno indagando gli inquirenti. Non è invece sfociata in una denuncia un altro caso di palpeggiamenti avvenuto all’interno di una parrocchia, e che ha coinvolto alcune fedeli. A margine di una celebrazione religiosa, con giochi e festeggiamenti da parte dei presenti, il sacerdote si sarebbe lasciato andare a palpeggiamenti ed effusioni. Un atteggiamento, anche in questo caso accompagnato da un consumo eccessivo di alcol, che avrebbe suscitato una reazione da parte di alcuni presenti. Il prete sarebbe quindi stato allontanato e accompagnato alla sua abitazione. Da lì, il giorno seguente, avrebbe inviato le scuse alle persone coinvolte. Tramite telefono e messaggi sarebbe anche arrivato l’invito a non raccontare la storia ad altre persone. Invito accolto dalle fedeli coinvolte che, però, da quel momento hanno preferito non recarsi più a seguire le celebrazioni religiose nella parrocchia, spostandosi in un paese vicino.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
discoteca mendrisiotto palpeggiamenti parroco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved