la-perfetta-e-l-ucraina-ci-siamo-fatti-il-sangue-amaro
Ti-Press
Ma poi?
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
16 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
16 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
16 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
16 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
16 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Grigioni
16 ore

Utile milionario per il Comune di Grono

Il Consuntivo 2021 passa da una prevista perdita di 220mila franchi a un avanzo d’esercizio di 928mila, grazie in particolare a maggiori entrate fiscali
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, yoga al castello Montebello con i Verdi

Appuntamento per domenica 26 giugno dalle 10 alle 11 nel prato interno
laR
 
13.05.2022 - 05:30
Aggiornamento : 15:49

La Perfetta e l’Ucraina? ‘Ci siamo fatti il sangue amaro’

La testimonianza di una famiglia che ospita una mamma con bambina ed è ora confrontata con un trasferimento Oltreceneri che pare ‘non giustificato’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La guerra provoca sempre ferite. Per chi la combatte e per chi la subisce, nella paura delle bombe o nella fuga dalla propria terra. Un dolore grande che può farsi presente e reale anche a chi vive a oltre 2’000 chilometri di distanza. Come nella famiglia momò che dopo aver aperto la propria casa, e il proprio cuore, a una madre ucraina si trova ora a fare i conti con le battaglie... burocratiche. «La mamma con la bambina sono arrivate il 19 marzo – è il racconto di uno dei familiari ospitanti –. Il nostro principale obiettivo è stato quello di infondere loro una nuova tranquillità, ma ora con la prospettiva di un trasferimento in un centro d’accoglienza d’Oltreceneri questo equilibrio raggiunto potrebbe spezzarsi...». Perché questa necessità di trasloco? «Il percorso per poter avere un appartamento e guadagnare giustamente in privacy le porta a dover iscriversi al Punto di affluenza di Cadenazzo. L’annuncio al Paf permette, infatti, di attivare gli aiuti forniti dal Cantone Ticino e di usufruire di un alloggio garantito, in un primo momento, in un Centro regionale collettivo o in una struttura socio-sanitaria. Ed è qui che sta il problema». Quale? «Secondo quanto ci hanno detto le autorità competenti dovrebbero essere trasferite ad Airolo o ad Aurigeno! Capisce che avendo a due passi la Perfetta di Arzo preposta per i profughi, pensarle così lontano ci rammarica. Con loro abbiamo costruito un prezioso rapporto di amicizia. Se devo dirla tutta mi sto facendo il sangue amaro...».

Ad Arzo l’Esercito, a Chiasso l’infopoint

Che sulla Montagna non ci sia posto per loro è confermato dal fatto, secondo nostre informazioni, che con la fine del mese quello che è solitamente un centro di studi e vacanze di proprietà della cittadina di Chiasso terminerà il suo compito ‘bellico’ (quale contraltare, sempre da notizie giunteci, l’allestimento per i profughi di una sorta di infopoint a Chiasso, affiancato ad altri due a Lugano e Bellinzona). Un destino comune continuerà a unirlo al conflitto russo-ucraino. Il motivo sta nel fatto che ad andarlo a occupare sarà l’Esercito che, in vista dell’esercitazione Odelscalchi in programma dal 13 al 18 giugno, l’avrebbe opzionato ben due anni fa. «Ci pare assurdo che siano proprio i militari ad andare a prendere il posto dei profughi quando uno dei loro compiti è proprio quello di essere al servizio in caso di crisi umanitaria – è lo sfogo della famiglia ticinese –. È questo un ulteriore elemento di una vicenda che ha del grottesco: la Confederazione ci invita ad accogliere e poi non ci sostiene in questa missione... Non solo abbiamo ricevuto negli ultimi giorni informazioni discordanti dalle autorità ma anche non veritiere, come quella di dover essere affiancati da un assistente sociale o di dover in prima persona cercare alla mamma e figlia un appartamento. Un casino allucinante di comunicazioni e contrordini... Con ciò abbiamo perso un mese prezioso. Poi c’è tutto l’aspetto finanziario... Se, per esempio, a Berna le famiglie che accolgono vengono aiutate economicamente, qui non abbiamo mai ricevuto niente; sono stati gli amici a mettersi a disposizione portandoci abiti, cibo, accompagnandole in commissioni varie».

Lo sfogo

La generosità e gli ostacoli

A pesare sulla serenità di un generoso gesto che oggi appare ‘inutile’, anche la necessità di dover interrompere quella quotidianità così faticosamente guadagnata: da una parte la bambina ben inserita nel contesto scolastico del Mendrisiotto, dall’altra la giovane madre che qui era riuscita a integrarsi, proprio grazie all’appoggio della famiglia ospitante e dei vicini: «Dover cambiare regione significherebbe dover ricominciare tutto daccapo e far riaffiorare così ferite e mancanze, rese più penose dall’umiliazione del dover prendere e di non poter dare in cambio nulla. E allora mi chiedo, quale urgenza c’è di chiudere la Perfetta?». Nel distretto più a sud del Cantone continuano a vivere, infatti, molte famiglie ucraine, alcune cifre parlano del 60 per cento di quelle arrivate in Ticino: «Noi siamo entrati a far parte della loro vita e loro nella nostra. Conoscono il resto della nostra famiglia, i nostri amici, sono ben inserite, siamo il loro punto di riferimento. Non capisco davvero il permettere di farle stare da noi e poi impor loro un nuovo distacco. E purtroppo non possiamo far niente. Abbiamo anche cercato di metterle in lista d’attesa per Lugano. Non è questa la ‘normalità’ che si desidera per chi ha molto sofferto e continua a soffrire! Se ospitandole abbiamo fatto una bella azione, forse sarebbe stato meglio averle mandate subito in un centro... Forse adesso avrebbero avuto il loro appartamento. È brutto pensare così ma quale alternativa abbiamo? Questa è la regola? Evidentemente non è giusta! Possibile che dalla guerra dei Balcani a oggi non vi sia stato il tempo per dotarsi di un piano anticrisi pronto al bisogno?».

‘Si terrà conto della volontà della famiglia’

Un interrogativo che abbiamo girato al Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato: «Non siamo in possesso di dettagli sul caso specifico, ma ci è possibile fornire alcune indicazioni di carattere generale. Anzitutto teniamo a sottolineare che da parte delle autorità cantonali non viene imposto alcun obbligo di far capo a un centro di accoglienza gestito dal Cantone. Il dispositivo è a disposizione di tutte le persone che ne necessitano, ma la decisione di cambiare da una soluzione ‘privata’ a una coordinata dal Cantone secondo il Piano cantonale di accoglienza è una scelta del tutto volontaria che spetta alle persone in cerca di protezione in Ticino e, rispettivamente, alle famiglie ospitanti». Quanto ad Arzo? «È importante sottolineare come l’occupazione dei centri funzioni a ‘cicli’: all’inizio il centro accoglie un certo numero di persone che seguono insieme un percorso di formazione e possono in questo modo essere assistite nelle loro necessità. Il gruppo di persone rimarrà invariato fino all’attribuzione di una soluzione abitativa indipendente (la fase 3). Al momento Arzo accoglie una ventina di persone (nel picco dell’emergenza si aveva una capacità fino a 75 posti, ndr) che stanno già seguendo questo percorso, motivo per cui attualmente non vengono integrate nuove persone fino al prossimo ciclo».

Ciò, quindi, esclude per ora la possibilità per questa famiglia ucraina di restare nel Mendrisiotto? «Nel processo di attribuzione di una soluzione alloggiativa indipendente viene svolta una valutazione individuale che prende in considerazione una serie di parametri tra cui la sicurezza, la sanità, la scolarizzazione, il lavoro e, non da ultimo, la volontà della famiglia di voler tornare laddove vi è un legame esistente con il territorio. Questo significa che la collocazione finale delle famiglie ne terrà conto, tra cui anche i legami costruiti precedentemente. In questo senso verrà ricercata, nel limite del possibile, la migliore soluzione possibile che tenga presente delle necessità globali sia del Cantone sia della famiglia. Questo significa che la posizione geografica del centro collettivo in cui si è stati accolti non rappresenta un criterio unico e vincolante per la soluzione abitativa che verrà proposta alle persone e alle famiglie che hanno terminato il percorso all’interno di un centro collettivo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accoglienza centro famiglia mendrisiotto profughi russiaucraina ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved