ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
10 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
10 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
10 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
11.05.2022 - 20:44
Aggiornamento: 21:59

Cabbio, filtri per la pioggia e ‘espianti’: la piazza è pronta

Dopo anni di progetti rivisti e lavori è pronta la nuova piazza, dove troveranno ancora posto le auto ‘in attesa di un regolamento comunale’

cabbio-filtri-per-la-pioggia-e-espianti-la-piazza-e-pronta
Ti-Press
Una veduta dall’alto

Doveva essere un semplice rifacimento della pavimentazione. Dopo quasi otto anni di lavori, però, il risultato è decisamente diverso. Stiamo parlando della piazza di Cabbio, che verrà ufficialmente inaugurata questa domenica. «Sono passati quasi 10 anni da quando abbiamo iniziato a seguire questo progetto, che per certi aspetti è una ‘prima’ a livello ticinese», spiega soddisfatto l’architetto Enrico Sassi. L’idea iniziale prevedeva un fondo di ghiaia, ipotesi che però è stata subito scartata perché non rispettava i parametri dell’integrazione handicap. «Un’altra questione annosa è stata quella che ha riguardato la gestione dell’acqua piovana e il suo deflusso», prosegue l’architetto. La piazza è infatti aperta alle automobili, che regolarmente parcheggiano a ridosso del sagrato. L’acqua è quindi considerata a rischio inquinamento e non può essere incanalata nel riale che scorre verso valle. «Allo stesso tempo non si poteva indirizzarla verso la fognatura comunale. Il pericolo era di sovraccaricare il sistema che non avrebbe retto in casi di grande pressione». Si è quindi trovata una soluzione inedita, istallando dei filtri (due ‘dissabiatori’ e un separatore degli oli) per purificare le acque. «In questo modo la pioggia che defluisce dalla piazza può tornare nella natura senza problemi». Aggiustamenti che, uniti alla scelta di materiali pregiati come i dadi in pietra di Saltrio che compongono il fondo, hanno fatto aumentare i costi. «Siamo passati dai 400mila franchi inizialmente stimati per il primo progetto a una spesa finale di oltre 900mila. Metà della cifra è arrivata da enti e privati. Il loro sostegno è stato fondamentale», ha spiegato il sindaco di Breggia Sebastiano Gaffuri. «Ci troviamo ora con un risultato che è decisamente più bello di quello a cui si pensava nel 2012, quando l’iter è partito da una mozione presentata in Consiglio comunale». Perché allora non chiudere la piazza alle automobili e renderla esclusivamente pedonale? «I lavori sono stati fatti per rendere la piazza nuovamente fruibile alle macchine, altrimenti non avrebbe avuto senso istallare i filtri. L’intenzione del Municipio è però quella di dotarsi di un regolamento comunale per limitare l’accesso».

‘Conservati gli stessi alberi con un’operazione di espianto’

La gestione delle acque non è però l’unico elemento che ha rappresentato una novità per un progetto di recupero di una piazza. «Durante le prime fasi dei lavori abbiamo fatto controllare gli alberi presenti sullo spiazzo a un biologo, che li ha trovati in ottima salute. Si tratta di platani e tigli piuttosto grandi, che volevamo poter conservare» afferma Sassi. Si è quindi proceduto all’espianto, svolto a febbraio quando gli alberi sono in fase di quiescenza (non hanno foglie e sono ‘addormentati’). «Sono stati messi all’interno di gandi zolle e posizionati a lato della chiesa, dove sono rimasti un anno». Gli alberi hanno poi ritrovato il loro posto, reagendo bene al reinserimento nel terreno, sul finire del cantiere. «In questo modo abbiamo potuto salvarli dall’abbattimento e, allo stesso tempo, non turbare il paesaggio. Piantare nuovi alberi avrebbe richiesto anni e anni prima di avere ancora lo stesso colpo d’occhio. Possiamo quindi dire che il restauro della piazza è davvero totale». Coinvolto in tutti i passaggi del progetto, una vera e propria operazione di recupero e valorizzazione di una parte della Valle di Muggio, è stato anche l’Ufficio dei beni culturali che si è detto molto soddisfatto del risultato raggiunto.

‘Un muro di sostegno con pietre originali’

Il fondo, come detto, è stato realizzato con pietre di Saltrio. «Un materiale locale, prodotto a pochi chilometri da qui. Rispetto alla situazione che c’era prima, o alla prospettiva di ricoprire con ghiaia, la situazione è decisamente migliore» prosegue l’architetto. Una grande parte del lavoro è stata quella che ha riguardato il muro di sostegno della piazza che guarda verso valle. «È stato completamento smontato per permettere la costruzione di un muro in cemento armato». Durante gli scavi sono stati trovati anche alcuni reperti, come balaustre realizzate con il marmo di Arzo, che si è deciso d’integrare successivamente e sono ora visibili. «Il muro di sostegno, una volta ultimato, è stato rivestito con le pietre del muro originale».

A quest’opera di conservazione si aggiunge la realizzazione di una scaletta che porta a ridosso della chiesa, dove si trova una fontana in marmo.

Inaugurazione e festa popolare

L’inaugurazione è prevista questa domenica. Oltre alla piazza si taglierà il nastro anche al lavatoio, un altro bene culturale che la frazione di Cabbio può vantare. Oltre ai momenti ufficiali, che si svolgeranno in mattinata, è previsto un pranzo popolare offerto dal Comune. «Vogliamo che sia una festa aperta a tutti» dice il sindaco. All’organizzazione dell’evento hanno partecipato anche il Museo etnografico della valle di Muggio e l’associazione Amici di Cabbio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved