ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
49 min

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
52 min

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 ora

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 ora

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 ora

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
2 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
2 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
2 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
3 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
3 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
3 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
4 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
07.05.2022 - 09:12

Chiasso mette le fondamenta della sede dell’Ufficio tecnico

Pubblicata la domanda di costruzione per il futuro stabile. La cittadina si prepara a investire 4,3 milioni di franchi

chiasso-mette-le-fondamenta-della-sede-dell-ufficio-tecnico
Ti-Press/Elia Bianchi
Sono già comparse le modine a dare l’idea delle dimensioni

Da tempo era nella lista dei "buoni propositi" del Comune di Chiasso. Da venerdì, invece, il progetto di dare una nuova "casa" all’Ufficio tecnico (Ut) comunale si iscrive di diritto nell’elenco dei cantieri a un passo dal varo. Scelto quasi un paio di anni fa il... "Carapace" (per dirla con il nome della proposta architettonica vincente), ora la cittadina passa dalle intenzioni ai fatti pubblicando (fino al 20 maggio prossimo) la domanda di costruzione che apre la strada alla costruzione dello stabile destinato a sostituire l’attuale sede dell’Ut, lì in via Cattaneo.

Un intervento, quello pianificato, che, di fatto, va a completare la reinterpretazione di un comparto, tutto riservato ai servizi – accanto Polizia comunale e caserma dei Pompieri –, nell’area del Quartiere Soldini. Nei piani l’incarto dovrebbe approdare nell’aula consiliare entro la fine dell’anno con la richiesta di credito, quella strategica, dopo aver già staccato, a suo tempo, i 300mila franchi per la progettazione.

Un’altra spunta sulla lista dei grandi progetti di legislatura

Dopo aver messo mano, di recente, al dossier dello stand di tiro della Rovagina prospettando un investimento di 4,6 milioni di franchi oggi sul tavolo dei consiglieri comunali, il Municipio cittadino si appresta quindi a lanciarsi in una nuova operazione, altrettanto importante dal profilo finanziario oltre che logistico. Operazione che è parte integrante del pacchetto di opere messe in programma per questa legislatura assieme a una spesa di oltre 30 milioni.

Per realizzare l’edificio che farà posto a quanto serve all’Ufficio tecnico e ai suoi dipendenti – una ventina in tutto – di milioni ne serviranno 4,3 circa. Prima, infatti, si darà gas alle ruspe per demolire la sede attuale, poi si plasmerà un fabbricato allungato che si eleverà su due piani, rispettando gli standard Minergie, e sarà rivolto verso il "cuore" della cittadina. Sul suo fronte, affacciato su via Cattaneo, metterà radici un giardino alberato che si prefigge di restituire qualità allo spazio pubblico. Si è calcolato che ci vorranno 18 mesi di lavori prima di consegnare le chiavi nelle mani dei responsabili. Quando si pensa di partire? La primavera prossima.

Le parole chiave dell’operazione, funzionalità e flessibilità

Certo è che per chi, oggi, vive la propria quotidianità all’interno delle mura dell’Ut con il nuovo immobile sarà tutta un’altra cosa. Innanzitutto, la soluzione immaginata dagli architetti Briccola e Aguiar prevede una precisa organizzazione quanto ad accessi pedonali, veicolari e parcheggi (che sono e resteranno 13 ed esterni); anche all’interno l’area che interagisce con gli utenti risulterà separata dai locali di lavoro del personale, già a partire dagli ingressi e a tutto vantaggio di funzionalità e flessibilità, grazie a una organizzazione "semplice e chiara", come emerge dalla relazione tecnica allegata alle mappe.

E questa volta compaiono anche gli spogliatoi per le donne

Nella ridistribuzione degli spazi, al piano terra si troveranno in particolare i vani di servizio, la mensa e gli spogliatoi e le docce dedicati ai dipendenti dell’Ufficio tecnico. Con una peculiarità: la nuova costruzione ha introdotto i locali destinati alle donne, sinora assenti (come peraltro delle operaie, almeno per il momento). In questa parte dell’edificio, però, ci si è riservati di mantenere una certa versatilità dei contenuti e la possibilità di convertire le superfici a ufficio. Chiasso, insomma, guarda avanti e a una eventuale aggregazione.

Il primo livello, per contro, verrà suddiviso tra segretariato, accoglienza, sale riunioni nella parte iniziale, e i diversi uffici dei vari settori propri al servizio comunale a seguire per tutta la lunghezza dell’immobile.

Due facciate e tanto verde per dare riconoscibilità

A dare, infine, una precisa identità al complesso saranno, come detto, il "generoso" spazio verde e con esso le facciate. Quella rivolta a sud si mostrerà come un "guscio protettivo in calcestruzzo a vista", guardando verso l’area retrostante dei magazzini, di controcanto quella a nord sarà "caratterizzata dalla ripetizione ritmata di pilastri ravvicinati in calcestruzzo" e si aprirà sulla "pace del giardino alberato antistante".

Una presenza verde che negli obiettivi dei progettisti, come si ribadisce nella relazione, diventa un "importante elemento di riferimento per l’utenza e, unitamente al linguaggio della facciata lungo la strada, permette una chiara identificazione e caratterizzazione dello stabile pubblico".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved