si-mette-mano-alla-bretella-di-pontegana
Ustra
Pronti a spendere un milione e 110mila franchi
05.05.2022 - 15:25
Aggiornamento : 18:55

Si mette mano alla bretella di Pontegana

Cantiere in vista dell’Ustra fra Balerna e Chiasso. L’obiettivo è ridurre i rischi legati alle colonne in autostrada

Cantiere in vista alla rotonda di Pontegana: l’Ufficio federale delle strade (Ustra) ha deciso di mettere mano al manufatto in nome della sicurezza. I lavori partiranno lunedì prossimo, 9 maggio, e dureranno circa sei mesi, comportando una spesa di 1’110’000 franchi di cui si farà carico la Confederazione. Si tratta di opere realizzate nell’ambito della manutenzione delle strade nazionali.

Raddoppio di corsie e ‘bypass’

L’obiettivo dichiarato dell’intervento è quello di "ridurre i rischi legati alla presenza di code in autostrada verso l’uscita da nord di Chiasso-Balerna". Colonne, segnala Ustra in una nota, che "nelle ore di punta della sera arrivano a lambire le carreggiate di marcia". Il progetto, del resto, è stato condiviso con il Dipartimento del territorio – in particolare per quanto riguarda la mobilità lenta e il servizio pubblico dei bus – e prevede il raddoppio delle corsie verso la rotonda e un nuovo ‘bypass’ in direzione di via Sottobisio. In questo modo, si spiega, "sarà possibile indirizzare i numerosi veicoli pesanti in direzione delle aree industriali, senza transitare nella rotonda".

Nei piani vi è altresì il risanamento del sottopasso pedonale, così che, a lavori ultimati, "per almeno 15-20 anni non siano più necessari lavori che comportino impedimenti e disturbi al traffico stradale".

La gestione del traffico con una corsia per direzione sarà sempre garantita e la viabilità pedonale verrà assicurata in tutte le fasi esecutive, al pari dell’accesso alla fermata dei mezzi pubblici. Durante alcune tappe del cantiere il sottopasso pedonale risulterà inagibile, ma verrà segnalato un percorso alternativo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autostrada cantiere pontegana ustra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved