ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
3 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
3 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
3 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
4 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
5 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
5 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
6 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
6 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
7 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
7 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
7 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
8 ore

‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’

Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Locarnese
8 ore

Lionza, per Palazzo Tondü ecco i vincitori del concorso

Sabato pomeriggio saranno presentati al pubblico i lavori dei premiati, con visite guidate allo storico edificio
laR
 
04.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:24

Il governo cede Vigino a costo zero a Castel San Pietro

L’offerta è ufficiale. Il Municipio, per ora, ringrazia ma non siede al tavolo della trattativa. ’Al momento un progetto non è nei piani’

il-governo-cede-vigino-a-costo-zero-a-castel-san-pietro
Ti-Press
L’incuria del tempo, intanto, lavora

Sino a poco più di un mese fa sulla masseria di Vigino sembrava essere calato il silenzio, almeno dentro le mura di Palazzo delle Orsoline a Bellinzona. Tant’è che il Municipio di Castel San Pietro aveva imbucato una raccomandata all’indirizzo del governo per conoscere le sue intenzioni su quella che è una proprietà pubblica iscritta dal 2007 tra i beni culturali di interesse cantonale. Poi di recente, e in modo in aspettato, per l’esecutivo è arrivata posta. E a firmare la missiva, questa volta, era proprio il Consiglio di Stato (CdS), il quale ha messo nero su bianco una proposta che ha spiazzato le autorità locali. Il CdS è pronto, infatti, a cedere il complesso storico a titolo gratuito. In altre parole, si mette il destino dell’antica testimonianza rurale del Mendrisiotto - che giorno dopo giorno rischia ormai di andare in rovina - nelle mani dell’ente comunale. Come l’hanno presa a Castel San Pietro? Si ringrazia per il gesto, che lascia però alquanto perplessi. La sindaca Alessia Ponti non nasconde la sensazione che si tratti di «un regalo un po’ avvelenato». Più degli onori, infatti, peseranno gli oneri dell’operazione.

‘Da soli è impensabile’

Che qualcosa in queste settimane era cambiato lo hanno compreso pure i gran consiglieri che siedono al tavolo della Gestione, in riunione giusto ieri mattina. Lo hanno sentito, del resto, direttamente dalla voce del direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali, che adesso tocca al Comune assumersi l’incarico di portare avanti un progetto di recupero di Vigino. I deputati sono stati, insomma, messi a parte dello stato dell’arte e delle ipotesi di lavoro in campo. E l’impressione è che si torni ai piedi della scala su un dossier da tempo in cima alle preoccupazioni di un Distretto che sarà chiamato a fare quadrato per riuscire a salvare la masseria.

Una cosa è certa, e Alessia Ponti lo chiarisce subito in modo netto, Castello non se la sente di caricarsi, in solitaria, sulle spalle questo intervento. «È impensabile che il Comune agisca da solo su un complesso importante per l’intera regione», conferma la sindaca. Ciò significherà quindi coinvolgere, di nuovo, l’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Anche se in passato il tentativo di unire le forze dei Comuni non aveva sortito il risultato sperato: non si erano trovati, infatti, i fondi necessari per concretizzare i lavori di restauro. Come dire che le idee c’erano, a mancare erano piuttosto i finanziamenti.

‘L’offerta ci ha sorpreso’

Da un certo punto di vista, in parte questo problema adesso potrebbe essere pure risolto. Il governo è disposto a concedere Vigino a ‘zero franchi’. «Questo cambio di rotta, lo ammetto - commenta ancora Ponti -, ci ha colto di sorpresa. Certo, rappresenta un passo avanti, ma solo qualche mese fa le posizioni erano ben diverse: davanti al progetto presentato da una Fondazione, nata da una iniziativa privata - nel piatto 10 milioni di franchi per condurre in porto i lavori -, per il passaggio di proprietà era stata avanzata una richiesta di 800mila franchi». Una svolta che, si lascia intendere, lascia un po’ l’amaro in bocca pur intuendo le ragioni politiche che hanno impedito di concludere l’intesa con i precedenti promotori. «Si sarebbe per lo meno potuto cercare una modalità diversa di comunicare le intenzioni e una strategia per centrare l’obiettivo».

‘In questa legislatura non si fa niente’

Ora si riapre la trattativa: siederete al tavolo con il governo cantonale? «Sì, la palla è nel campo del Comune. Per il momento, però, non intendiamo dare seguito alla proposta. Non in questa legislatura, almeno - ci risponde la sindaca -. Al momento non abbiamo un progetto da portare avanti. E adesso non c’è un riferimento in tal senso nel Piano finanziario o nel Piano delle opere del Comune. D’altra parte, significherebbe farsi carico dalla messa in sicurezza alla ristrutturazione e oggi la masseria non ha una destinazione precisa. Sarebbe come caricarsi di un debito e basta. Nel prossimo futuro vederemo cosa succederà. Se uscirà un ’idea interessante, ci faremo sentire».

In effetti, in realtà il Municipio si aspettava un’altra mossa dal Cantone. Lo aveva fatto capire a chiare lettere nella lettera inviata a marzo: l’obiettivo era sollecitare l’autorità superiore a consolidare la masseria nel segno della salvaguardia ancorata alla zona di protezione inserita nel Piano regolatore comunale. Del resto, si fatica a comprendere come mai per questa testimonianza non vi sia stata la stessa generosità mostrata (e apprezzata) a favore di altre realtà, come l’Istituto agrario cantonale di Mezzana (peraltro poco distante) o ancora le Fornaci a Riva San Vitale (vedi sotto). Quasi non vi fosse, si fa capire, una visione d’insieme.

«In ogni caso - annota in conclusione la sindaca -, fa piacere costatare che, alla fine, il governo la pensa come noi: oggi sappiamo e in veste ufficiale che Vigino vale ‘zero franchi’». Dunque si riparti da qui.

Leggi anche:

Masseria di Vigino: ‘Il Cantone deve intervenire subito’

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved