il-governo-cede-vigino-a-costo-zero-a-castel-san-pietro
Ti-Press
L’incuria del tempo, intanto, lavora
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
17 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
19 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
20 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
20 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
21 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
21 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
21 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
21 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
21 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
21 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
21 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
22 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
22 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
22 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
laR
 
04.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:24

Il governo cede Vigino a costo zero a Castel San Pietro

L’offerta è ufficiale. Il Municipio, per ora, ringrazia ma non siede al tavolo della trattativa. ’Al momento un progetto non è nei piani’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sino a poco più di un mese fa sulla masseria di Vigino sembrava essere calato il silenzio, almeno dentro le mura di Palazzo delle Orsoline a Bellinzona. Tant’è che il Municipio di Castel San Pietro aveva imbucato una raccomandata all’indirizzo del governo per conoscere le sue intenzioni su quella che è una proprietà pubblica iscritta dal 2007 tra i beni culturali di interesse cantonale. Poi di recente, e in modo in aspettato, per l’esecutivo è arrivata posta. E a firmare la missiva, questa volta, era proprio il Consiglio di Stato (CdS), il quale ha messo nero su bianco una proposta che ha spiazzato le autorità locali. Il CdS è pronto, infatti, a cedere il complesso storico a titolo gratuito. In altre parole, si mette il destino dell’antica testimonianza rurale del Mendrisiotto - che giorno dopo giorno rischia ormai di andare in rovina - nelle mani dell’ente comunale. Come l’hanno presa a Castel San Pietro? Si ringrazia per il gesto, che lascia però alquanto perplessi. La sindaca Alessia Ponti non nasconde la sensazione che si tratti di «un regalo un po’ avvelenato». Più degli onori, infatti, peseranno gli oneri dell’operazione.

‘Da soli è impensabile’

Che qualcosa in queste settimane era cambiato lo hanno compreso pure i gran consiglieri che siedono al tavolo della Gestione, in riunione giusto ieri mattina. Lo hanno sentito, del resto, direttamente dalla voce del direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali, che adesso tocca al Comune assumersi l’incarico di portare avanti un progetto di recupero di Vigino. I deputati sono stati, insomma, messi a parte dello stato dell’arte e delle ipotesi di lavoro in campo. E l’impressione è che si torni ai piedi della scala su un dossier da tempo in cima alle preoccupazioni di un Distretto che sarà chiamato a fare quadrato per riuscire a salvare la masseria.

Una cosa è certa, e Alessia Ponti lo chiarisce subito in modo netto, Castello non se la sente di caricarsi, in solitaria, sulle spalle questo intervento. «È impensabile che il Comune agisca da solo su un complesso importante per l’intera regione», conferma la sindaca. Ciò significherà quindi coinvolgere, di nuovo, l’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Anche se in passato il tentativo di unire le forze dei Comuni non aveva sortito il risultato sperato: non si erano trovati, infatti, i fondi necessari per concretizzare i lavori di restauro. Come dire che le idee c’erano, a mancare erano piuttosto i finanziamenti.

‘L’offerta ci ha sorpreso’

Da un certo punto di vista, in parte questo problema adesso potrebbe essere pure risolto. Il governo è disposto a concedere Vigino a ‘zero franchi’. «Questo cambio di rotta, lo ammetto - commenta ancora Ponti -, ci ha colto di sorpresa. Certo, rappresenta un passo avanti, ma solo qualche mese fa le posizioni erano ben diverse: davanti al progetto presentato da una Fondazione, nata da una iniziativa privata - nel piatto 10 milioni di franchi per condurre in porto i lavori -, per il passaggio di proprietà era stata avanzata una richiesta di 800mila franchi». Una svolta che, si lascia intendere, lascia un po’ l’amaro in bocca pur intuendo le ragioni politiche che hanno impedito di concludere l’intesa con i precedenti promotori. «Si sarebbe per lo meno potuto cercare una modalità diversa di comunicare le intenzioni e una strategia per centrare l’obiettivo».

‘In questa legislatura non si fa niente’

Ora si riapre la trattativa: siederete al tavolo con il governo cantonale? «Sì, la palla è nel campo del Comune. Per il momento, però, non intendiamo dare seguito alla proposta. Non in questa legislatura, almeno - ci risponde la sindaca -. Al momento non abbiamo un progetto da portare avanti. E adesso non c’è un riferimento in tal senso nel Piano finanziario o nel Piano delle opere del Comune. D’altra parte, significherebbe farsi carico dalla messa in sicurezza alla ristrutturazione e oggi la masseria non ha una destinazione precisa. Sarebbe come caricarsi di un debito e basta. Nel prossimo futuro vederemo cosa succederà. Se uscirà un ’idea interessante, ci faremo sentire».

In effetti, in realtà il Municipio si aspettava un’altra mossa dal Cantone. Lo aveva fatto capire a chiare lettere nella lettera inviata a marzo: l’obiettivo era sollecitare l’autorità superiore a consolidare la masseria nel segno della salvaguardia ancorata alla zona di protezione inserita nel Piano regolatore comunale. Del resto, si fatica a comprendere come mai per questa testimonianza non vi sia stata la stessa generosità mostrata (e apprezzata) a favore di altre realtà, come l’Istituto agrario cantonale di Mezzana (peraltro poco distante) o ancora le Fornaci a Riva San Vitale (vedi sotto). Quasi non vi fosse, si fa capire, una visione d’insieme.

«In ogni caso - annota in conclusione la sindaca -, fa piacere costatare che, alla fine, il governo la pensa come noi: oggi sappiamo e in veste ufficiale che Vigino vale ‘zero franchi’». Dunque si riparti da qui.

Leggi anche:

Masseria di Vigino: ‘Il Cantone deve intervenire subito’

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessia ponti castel san pietro masseria vigino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved