ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
16 min

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
16 min

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
16 min

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
3 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
3 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
3 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
10 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
13 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
13 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
13 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
13 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
14 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
laR
 
22.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:00

Abusi alle Gole della Breggia? ‘Si è agito, ma non è facile’

Il governo dà conto del deposito all’interno del Parco. La domanda di costruzione in sanatoria è sub iudice

abusi-alle-gole-della-breggia-si-e-agito-ma-non-e-facile
Ti-Press
L’area è sotto la tutela di un Puc

Auto posteggiate, lì poco lontano dal laghetto del Ghitello, a quanto pare non se ne vedono più. Ma la vertenza, che si trascina da qualche anno ormai, è tutt’altro che risolta. Spina nel fianco per le autorità, e a più livelli, è l’impiego a mo’ di deposito edile di un’area all’interno del Parco delle Gole della Breggia. Un tale impiego è in armonia con l’attuale vocazione del comparto? In effetti, della presenza del cementificio della Saceba oggi non restano che le vestigia, parte di un percorso storico all’interno del parco. E d’altra parte, sul piano istituzionale, "le autorità cantonali e comunali sono intervenute a più riprese per impedire l’utilizzo abusivo del comparto": la conferma giunge direttamente dal governo.

Aspettando il verdetto del governo

Sta di fatto che il proprietario del terreno – un’impresa di costruzioni della zona –, in quella superficie ci vuole sistemare materiali e mezzi; ma il primo a essere contrario è il Dipartimento del territorio (Dt). Sul Parco, in effetti, vige un Puc, un Piano di utilizzazione cantonale. La questione per ora è in sospeso: una parola chiara (se non definitiva, per un fatto di procedura) è attesa adesso dal servizio ricorsi del Consiglio di Stato (CdS). Servizio al quale, nel maggio dell’anno scorso, si sono rivolti gli stessi titolari della ditta dopo aver impugnato la decisione avversa del Municipio di Morbio Inferiore (competente per territorio). L’esecutivo ha, infatti, negato la licenza edilizia, peraltro presentata in sanatoria.

Il parcheggio? Non è parte della procedura

Il dossier, come detto, è datato e rimanda al 2017 e a vari atti parlamentari approdati sui tavoli dei Municipi di Morbio e Balerna. A riaccendere, però, di recente – era il marzo scorso – i riflettori è stata una nuova interrogazione, questa volta indirizzata al CdS, dei deputati del Movimento per il socialismo (Mps) – prima firmataria Simona Arigoni Zürcher –, determinata a fare chiarezza sull’"utilizzazione abusiva" dello spiazzo come parcheggio. Un uso, conferma il governo cantonale, non contemplato dalla richiesta edilizia. Tant’è, tiene a ribadire il CdS nella sua risposta all’atto parlamentare, che "il Dipartimento del territorio ha sollecitato il Comune a intervenire, quale responsabile del controllo del rispetto delle norme edili". In effetti, sin qui, tiene a far sapere ancora il governo, si è constatata "un’oggettiva difficoltà d’intervenire da parte del Comune, ulteriormente ostacolata dagli atti ricorsuali". I proprietari non si sono mai arresi davanti ai ‘verdetti’ negativi delle autorità.

Prime misure a partire dal 2017

Le prime segnalazioni sull’uso inadeguato del terreno sono arrivate oltre cinque anni or sono. Da quel momento, ripercorre il Consiglio di Stato, "le autorità comunali e cantonali, in collaborazione con i responsabili del Parco delle Gole della Breggia, si sono attivate per cercare di regolarizzare una situazione di occupazione del territorio non conforme al contesto pianificatorio e giuridico". L’atto più radicale a livello locale (su richiesta del Dt) è stato l’ordine di sgombero di veicoli, macchinari e materiali dall’area e, in contemporanea, la richiesta ai titolari di presentare una domanda di costruzione a posteriori. Misure alle quali i proprietari dei fondi si sono opposti con un ricorso al governo, che lo ha respinto. A quel punto i titolari dell’impresa si sono appellati, nel maggio del 2018, al Tribunale cantonale amministrativo (Tram). A quel tempo, osserva ancora il CdS, "l’utilizzo del comparto per parcheggiare veicoli è stato immediatamente interrotto da parte della ditta".

Da un ricorso all’altro

I nodi della vicenda, in ogni caso, non si sono sciolti tutti davanti al Tram. Tribunale che, ricorda ancora il governo, ha "accolto parzialmente il ricorso" (era il marzo del 2019). Gli effetti? Gli ordini che miravano a far cessare ogni attività e a far sgomberare i terreni, annullati. A resistere è stato solo l’obbligo di depositare una domanda di costruzione in sanatoria: l’incarto è approdato, infatti, negli uffici comunali nel maggio del 2019. In realtà, si fa memoria, si è tentato pure un esperimento di conciliazione fra le parti, ma "non ha permesso di raggiungere un accordo". Il resto è storia più recente, tant’è che il fascicolo è ancora sub iudice. Il suo parere, comunque, il Dipartimento lo ha già espresso: la richiesta edilizia non ha avuto udienza e ci sono delle precise ragioni. Le motivazioni sono dettate dalla "situazione pianificatoria, da conflitti importanti con la natura e il paesaggio, con lo spazio riservato alle acque, con il bosco e con la presenza di pericoli naturali". Detto altrimenti, ribadisce il CdS, "l’intervento non può essere autorizzato né con il diritto in vigore al momento in cui l’attività è stata avviata, né con il diritto oggi in vigore".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved