ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
6 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
7 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
17 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
17 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
1 gior

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
1 gior

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
1 gior

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
1 gior

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 gior

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
1 gior

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
1 gior

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
1 gior

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
laR
 
20.04.2022 - 05:10
Aggiornamento: 20:07

Profughi ucraini a lezione di italiano da docenti russe

A LaFilanda di Mendrisio la fratellanza non è solo una parola. Miracoli di un corso di lingua nella testimonianza di Ekaterina, Aleksandra e Irina

profughi-ucraini-a-lezione-di-italiano-da-docenti-russe
Ti-Press/D. Agosta
Ore 14, lezione di italiano
+1

Il pennarello corre agile sulla lavagna bianca sistemata a LaFilanda. Si sillaba un lessico famigliare: casa, chiesa, amico. Parole chiave per iniziare a imparare l’italiano e avventurarsi in una realtà tanto lontana da quella conosciuta sino a poche settimane fa in patria, l’Ucraina. Il salto dal russo alla lingua di Dante, dall’alfabeto cirillico a quello latino non è dei più semplici. Il balzo dalla quotidianità ucraina a quella ticinese è addirittura sconvolgente; anche perché la loro è una diaspora forzata. Da bravi alunni, però, questo loro impegno lo prendono molto sul serio. La testa china su quaderni e appunti, la classe (numerosa) segue con grande entusiasmo le due insegnanti, Ekaterina e Aleksandra. Due ‘filandere’ che con la collega Nadia si sono messe subito a disposizione.

Classi numerose: potere del passaparola

Tra i banchi oggi, lì al secondo piano del Centro culturale di Mendrisio, la maggioranza declina al femminile, per lo più si tratta di giovani donne, ma tra gli iscritti vi sono persone di diverse età. Il vero denominatore comune, in effetti, è un altro; è il destino che si sono ritrovati a condividere, in fuga da una guerra che ha travolto le loro esistenze il 24 febbraio scorso. Ogni gesto di solidarietà, quindi, è accolto con gratitudine. In tre settimane, infatti, l’iniziativa lanciata da La Filanda ha visto ben presto moltiplicare il numero degli allievi – dai 40 ai 50 alla volta – e le adesioni dei Comuni, tiene a farci sapere la responsabile Agnès Pierret. La conferma ce la dà pure Ekaterina: «Se si pensa che alla prima lezione erano in 6, alla seconda in 25 e dalla terza in poi sono sempre sopra i 40... E tutto attraverso il semplice passaparola. Vengono sempre anche persone nuove: funziona».

La voglia di sapere, del resto, è tanta. Conoscere la lingua del posto è quasi un modo per mostrare la loro riconoscenza. La voglia di ri-conoscersi, in ogni caso, è reciproca. L’occhio cade su ‘I Frasari’: su uno degli scaffali accanto al thailandese e allo spagnolo c’è un libricino per "capire e farsi capire" in ucraino.

A fare da ponte due maestre russe

Nel settore ‘Viaggi’ (un caso che pare una profezia) de La Filanda non si sente volare una mosca. Ekaterina e Aleksandra hanno tutta la loro attenzione. Le due docenti, russe, fanno da ponte verso la lingua italiana per un nutrito gruppo di profughi ucraini. Una ‘coincidenza’ che oggi si carica di significati. Queste donne – maestre e scolare –, però, a differenza dei potenti sanno abbattere i muri e le differenze nel nome della fratellanza.

Ekaterina vive in Ticino da 10 anni ma non dimentica le sue origini e neppure ciò che la lega ai ‘vicini’ ucraini. Quando ha saputo di questo corso a favore dei rifugiati ha aderito subito? «Assolutamente sì. Perché questo è quello che posso realmente fare per essere d’aiuto – ci risponde –. Condivido appieno il loro dolore e i loro problemi, lo stress enorme che stanno vivendo. E mi spiace perché viene dal mio Paese. Non provo però vergogna: so che non è colpa mia. E mi sono detta, invece, che dovevo fare ciò che è nelle mie possibilità, come insegnare l’italiano e supportarli nel cercare di inserirsi. Ho vissuto anch’io, d’altro canto, l’emigrazione, per scelta certo. Ma so cosa significa integrarsi in un altro Paese, un’altra società, un’altra mentalità – chiarisce ancora –. Quindi se posso condividere questa esperienza, lo faccio».

‘Ci impensieriva, ma ci hanno accolto bene’

E gli alunni come vi hanno accolto? Fuor di metafora: trovarsi di fronte due insegnanti russe che impatto ha avuto? «Molto positivo – ci conferma Ekaterina –. A noi, lo ammetto, impensieriva. Ci siamo dichiarate subito e loro ci hanno guardate in faccia e rassicurate. Noi, ci hanno detto, siamo qui per imparare: non c’è nulla che ci divide. È indubbio, poteva essere una situazione complicata. Invece no. Alla fine della lezione sentiamo solo commenti positivi e grati. Direi che c’è anche tanta energia positiva». A tal punto che diverse alunne si attardano a parlare con le insegnanti. Un’immagine plastica della pace. «In fondo, è un simbolo forte – annota Ekaterina –. Ci fa capire che la guerra non è fra i due popoli. Nessuno di noi l’ha scelta. I legami tra noi, infatti, non sono cambiati».

Ci arrivano le risate del gruppetto di alunne che chiacchiera con Aleksandra. Che non è nuova a esperienze simili: in Ticino da 15 anni, insegna il russo a 25 bambini bilingue (di origine russa, ucraina e bielorussa) nel Mendrisiotto. Una comunità significativa che convive senza alcun problema. «Questo conflitto – tiene a farci sapere – ci colpisce tutti molto. Tra mamme cerchiamo, infatti, di restare unite, a ogni costo. Nessuna madre ucraina, ad esempio, ha lasciato il corso seguito dai figli». A testimonianza della forte volontà che le accomuna, ci comunica la docente, il 24 aprile tutti insieme festeggeranno la Pasqua ortodossa a Mendrisio, mentre il 20 a LaFilanda i bimbi decoreranno le uova pasquali. D’altra parte, ci ricorda, «ad accomunarci ci sono la lingua, la cultura, le radici, le tradizioni, le fiabe. Siamo veramente uniti – sottolinea ancora –, e soffriamo parecchio di quanto sta succedendo». Aleksandra ha sentito persino il dovere di scusarsi con le mamme ucraine per il suo Paese. Ma loro, ci fa capire, sanno separare la politica dagli aspetti umani. «E questo è prezioso». Come impagabile è l’ora di lezione al Centro culturale. «Per molti è una valvola di sfogo dalle preoccupazioni e le paure».

Tra i banchi: la doppia ferita di Irina

«Gennaro fa una gita in campagna». Il gruppo ripete con diligenza. E la pronuncia è già decisamente buona. «Le margherite sono bianche». In fondo queste lezioni per un’oretta due volte la settimana portano la mente lontana da pensieri e ricordi dolorosi. Nonostante tutto Ira, diminutivo di Irina, sorride dai suoi 26 anni, dando voce anche alle sue compagne di corso. Ha lasciato in fretta e furia il suo Paese poco dopo lo scoppio del conflitto. Lei, dentro, si porta poi una doppia ferita: prima l’abbandono di Luganks nel 2014 – la provincia che, con Donetsk, rappresenta il nodo gordiano di questa tragedia –, poi la fuga recente da Kiev, per la seconda volta; sullo sfondo in entrambi i casi la guerra. Lasciata l’Ucraina, Ira ha raggiunto la Svizzera – via Polonia e Italia – e Stabio il primo marzo scorso con la suocera e la cognata, che con sé ha la figlia di due anni. Fanno parte della prima ondata di profughi. «Siamo partite da Kiev quasi subito, il 26 febbraio – ci racconta –. Poi ci siamo fermate presso nostri parenti vicino al confine con la Polonia». L’esperienza vissuta a Luganks ha fatto temere il peggio – «la casa dove ho vissuto per cinque anni non esiste più» –, convincendo le tre donne a compiere il passo più difficile, confidando nei conoscenti che già vivono in Svizzera. Arrivate in Ticino, in effetti, non si sono sentite sole. Anzi. Ad aprire la sua abitazione a Irina e alle sue parenti è stata una famiglia di origine bielorussa: quanto è lontana la propaganda di guerra.

‘Ci ha sorpreso, qui tutti si salutano’

«Ho notato da parte di tutti il desiderio di aiutare – condivide con gratitudine Ira –. Anche per la strada, pur non sapendo la lingua, non c’è una persona che non cerchi di darti una mano, che sia la ricerca di un indirizzo o altro. Questo è davvero un Paese molto aperto, sorridente e accogliente. Non riesco a trovare le parole giuste per dire quanto sono rimasta sorpresa. La gente ha un cuore grande». In realtà c’è un aspetto, in particolare, che ha colpito la giovane: «Qui tutti si salutano, anche se non si conoscono. In Ucraina non è così. Questo ci ha stupite. Insomma, si ha la sensazione che se ti capita qualcosa per strada, se ti perdi, trovi chi ti aiuta», annota con generosità verso i momò.

‘Mi vergogno di pensare in russo’

Irina ha tanto voglia di imparare l’italiano. «Parlo un po’ di inglese, ma adesso voglio cimentarmi in questa nuova lingua», ribadisce. Difficile? «Non troppo. Certo è tutta una questione di pratica e in famiglia parliamo nella nostra lingua madre e in russo con il nucleo famigliare che ci ospita». In realtà Irina là dove è cresciuta, a Lugansk, ha studiato in russo, ci spiega, e pur parlando in ucraino in casa, ci confessa ancora quasi con pudore, pensa in russo. «Oggi però me ne vergogno». Se ne vergogna?, le chiediamo di rimando. «In questo momento sì».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved