a-mendrisio-e-un-fatto-di-passione
Ti-Press
Tutto è pronto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
5 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
12 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
12 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
12 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
19 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
19 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
23 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
1 gior

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
14.04.2022 - 19:13
di Luca Marzullo

A Mendrisio è un fatto di ‘passione’

Nelle vie del Borgo tornano in scena le Processioni Storiche. Abbiamo dato un’occhiata dietro le quinte

«Passione per Mendrisio è un termine particolare, ambivalente», dice con un sorriso Gabriele Ponti, presidente della Fondazione Processioni Storiche di Mendrisio. «Con esso intendiamo ovviamente la rappresentazione dell’episodio biblico, ma al contempo questa parola condensa il fervore della popolazione del Borgo nei confronti di questo evento, la "passione" appunto, di ogni cittadino per le sue processioni».

Un gazebo espositivo è stato allestito presso la chiesa di San Giovanni a Mendrisio per presentare i costumi e la storia di questa tradizione plurisecolare. «Siamo davvero molto soddisfatti del successo che ha riscontrato quest’anno», racconta Eliano Petraglio, il responsabile dei costumi e del materiale delle Processioni Storiche di Mendrisio. «A parte le moltissime scolaresche, abbiamo ricevuto un numero importante di visite di privati, soprattutto di turisti d’Oltralpe nei fine settimana: che hanno anche potuto approfittare dei tour guidati organizzati dalla Fondazione». Sotto al gazebo si ha un tripudio di corazze, elmi, toghe, lance e bracciali di cuoio: tutti gli oggetti che da anni adornano i figuranti delle processioni del Giovedì.

Una tradizione nel Dna di Mendrisio

«Le prime testimonianze delle processioni a Mendrisio risalgono al 1600 – spiega Petraglio –, ma nel 1798 hanno subito una svolta importante. Grazie al contributo di cittadini del Borgo e di famiglie che avevano fatto fortuna in Sudamerica, si riuscirono a raccogliere grosso modo 10mila franchi per commissionare agli artigiani costumisti della Scala di Milano gli indumenti dei personaggi». Ovviamente questa sera, giovedì, tra poco più di un’ora i figuranti delle processioni non indosseranno quegli stessi abiti, ma i loro costumi ne sono copie fedeli. «C’è però un’eccezione – dice Petraglio ammiccando –, gli elmi dei portatori di scale sono originali!».

Un lavoro certosino

Gestire una simile quantità di materiale, peraltro dotato anche di un certo valore storico – ora più che mai dopo il riconoscimento Unesco – richiede molto tempo, ben più dei due giorni di processioni. «Alla fine di ogni edizione si ha qualcosa da riparare, finimenti che si sono rotti, qualche bozzo sulle armature o questioni di altro genere», ci illustra il responsabile. «Mi occupo personalmente di riparare ogni oggetto, anche se in alcuni casi dobbiamo rivolgerci direttamente alla Scala di Milano. Inoltre, durante l’anno il materiale necessita di manutenzione, il cuoio va unto affinché non si secchi e le armature e gli elmi devono essere lucidati». Ecco dunque il "bene immateriale" svelare la propria materialità, senza la quale – si pensi anche ai suggestivi Trasparenti disseminati per le vie del Borgo – le rappresentazioni del Giovedì e del Venerdì non risulterebbero tanto struggenti ed evocative.

Questione di organizzazione

«Tutto deve essere perfettamente organizzato, in particolare la vestizione dei personaggi – racconta ancora Petraglio –; ognuno ha già provato i costumi e ricevuto un biglietto recante una serie di informazioni: nome e cognome, ruolo e indumenti corrispondenti. Altrimenti è caos puro, uno entra, vede un vestito che gli piace e se lo mette». Stasera i figuranti si sono presentati già parecchio tempo prima dell’inizio delle processioni: «Alcuni costumi, infatti, sono particolarmente elaborati, bisogna attaccare barbe, oppure applicare parecchio trucco».

Quando le tre Marie erano uomini

A proposito di costumi elaborati: «Negli anni 30 le tre Marie indossavano il velo, non certo per motivi religiosi, ma perché la società patriarcale di allora non permetteva che alle processioni partecipassero le donne. Le tre Marie erano in realtà tre uomini dal volto coperto per nascondere la barba!», ripercorre il presidente della Fondazione Gabriele Ponti.

Un altro ruolo che ha acquisito sempre maggiore importanza nel tempo è quello del palafreniere, ovvero colui che a piedi accompagna il cavallo montato da un altro figurante. «Una volta, tutti i cavalli che partecipavano alle processioni erano animali da lavoro, arrivavano alla rappresentazione già stravolti e quindi più docili. Quando facevo il palafreniere, con una mano tenevo la torcia e con l’altra il cavallo. Oggi è impensabile, gli animali non sono più abituati e c’è il rischio che si spaventino. Abbiamo dunque introdotto trentadue palafrenieri che si occupano dei cavalli non montati dai loro padroni».

Rappresentazioni che vivono

Questi dettagli relativi alle modalità di rappresentazione delle processioni e dei loro personaggi dimostrano quanto questa tradizione popolare sia profondamente radicata all’interno della città di Mendrisio e dei suoi abitanti, al punto da mutare – ovviamente in misura ridotta, dato che si tratta comunque di un bene culturale immateriale da conservare e tramandare – insieme alla società del Borgo, riflettendone i cambiamenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eliano petraglio gabriele ponti mendrisio passione processioni storiche
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved