riri-dopo-lo-sciopero-entra-in-campo-l-ispettorato-del-lavoro
Ti-Press
Al tavolo della discussione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
6 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
12 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
13 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
13 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
19 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
19 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
23 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
13.04.2022 - 09:50

Riri: dopo lo sciopero entra in campo l’Ispettorato del lavoro

Nella ditta leader delle cerniere di Mendrisio avviato un sondaggio tra le maestranze sull’ambiente di lavoro

Alla Riri di Mendrisio si tratta. Scossa dallo sciopero che, poco più di un settimana fa, ha visto fermarsi le lavoratrici e i lavoratori dell’azienda leader nella produzione di cerniere e accessori in metallo, adesso la ditta cerca di ricucire lo strappo. Nella giornata di ieri, martedì, si sono seduti allo stesso tavolo non due bensì tre attori della partita: la proprietà, le parti sindacali - Unia e Ocst - e l’Ispettorato del lavoro. Una presenza chiave, quest’ultima, per fare chiarezza sulle condizioni di lavoro in uso all’interno dello stabilimento. Una gestione che ha portato alla frattura e alla ribellione in particolare delle operaie a fronte del comportamento poco ortodosso da parte di alcuni responsabili. Problematiche di natura ambientale emerse durante l’astensione dal lavoro e sulle quali si intende ora andare a fondo. Domani, giovedì, nel corso delle assemblee del personale i dipendenti saranno informati sulle risultanze di questo primo incontro.

Si avvia un sondaggio tra il personale

Un accordo di base è stato raggiunto, ma ora occorre concretizzarlo. Sollecitata da parte dell’azienda una analisi super partes, ecco che è entrato in scena l’Ispettorato del lavoro che tra i suoi mandati ha proprio quello di verificare il rispetto delle condizioni lavorative, come testimoniava ieri la presenza di Liala Cattaneo, collaboratrice scientifica dell’Ufficio. Si procederà con una sorta di audit fra il personale, ci fa capire Vincenzo Cicero, co-segretario di Unia Sottoceneri. Nei prossimi giorni, infatti, partirà un sondaggio fra i dipendenti, circa 300 in totale (200 dei quali alla produzione). Ciò darà modo di andare al fondo delle modalità di organizzazione del lavoro e permetterà di valutare carico di mansioni e ritmo di attività nel reparto di produzione e di effettuare i riscontri in merito alle rimostranze mosse dalle maestranze.

Aperto anche un tavolo tecnico

Non ci si fermerà qui, però. «Abbiamo concordato con la direzione di costituire, in parallelo, un tavolo tecnico, alla presenza di sindacati e rappresentanti del personale - conferma Cicero -. Un tavolo che accompagnerà l’operato dell’Ispettorato del lavoro affrontando la questione in senso più generale». Quindi si cercherà di dare seguito all’intesa, sebbene per Unia non sarà un processo privo di difficoltà.

Giudica in modo positivo il passo compiuto il sindacato Ocst, che con i vertici della Riri ha firmato un contratto collettivo di lavoro. «Tutte le parti in gioco - ci dice il vicesegretario Nenad Jovanovic - vogliono trovare una soluzione corale per migliorare la situazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved