ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
8 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
9 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
10 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
10 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
11 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
11 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
11 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
11 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
11 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
11 ore

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
Grigioni
12 ore

Roveredo, il Coro parrocchiale San Giulio in assemblea

Appuntamento per il 6 ottobre alle 20.15 nella chiesa di San Giulio
Grigioni
12 ore

L’‘Asociazion culturala Rorè San Vitor’ in assemblea

Appuntamento per sabato 15 ottobre alle 17 all’ex stazione di San Vittore
Bellinzonese
12 ore

Riviera, i fortini della linea Lona diventano un museo

Sabato 8 ottobre alle 9 rappresentanti del Municipio e del Consiglio comunale visiteranno il Bunker Grande e il Forte Chiesa
Luganese
12 ore

Lugano, cambio di luogo per il presidio di solidarietà

La manifestazione di sostegno alle donne iraniane si terrà domani alle 16.30 in piazza Indipendenza
Locarnese
12 ore

Locarno, misurazione glicemia e pressione

Organizza la Croce Rossa Svizzera nella sua sede di via Balestra. I controlli sono gratuiti
Mendrisiotto
13 ore

Il parco delle gole della Breggia compie 20 anni

I festeggiamenti avranno luogo questa domenica dalle 11 al mulino del Ghitello con l’inaugurazione di un percorso per ipovedenti e pranzo offerto
Luganese
13 ore

Torricella-Taverne incontra i diciottenni

L’appuntamento ha visto come protagonisti anche le ragazze e i ragazzi nati nel 2002 e nel 2003
Locarnese
13 ore

Polenta e castagne per un appuntamento d’autunno ad Arcegno

Domenica 2 ottobre l’Ente Manifestazioni Arcegnese propone dalle 12 il pranzo, mentre dalle 14 verranno distribuite le caldarroste. Lotteria e musica
Locarnese
13 ore

Lunedì l’assemblea dell’associazione Blu Spring

Dalle 18.30 a Muralto. L’organizzazione sostiene l’attività in Zambia del fisioterapista locarnese Marco Kerkhof, che aiuta bambini con disabilità
Luganese
14 ore

L’arte di Giuliano Togni in mostra al Bigorio

L’artista di Origlio si racconterà dal 15 ottobre al 6 novembre attraverso i suoi lavori e la sua storia
Locarnese
14 ore

LeggiAmo, Festa del libro e della lettura per bambini e ragazzi

È in programma domani dalle 10 alle 18 in piazza San Francesco a Locarno la prima edizione del nuovo evento dedicato alla promozione della lettura
Ticino
16 ore

Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo

L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Luganese
17 ore

Anche Tesserete ha la ‘sua’ Oktoberfest

Pronti a varare la prima edizione della manifestazione all’insegna del buon cibo e della buona birra
Luganese
17 ore

A Tesserete si torna allo s-cambio

Proposto un Mercatino dove barattare abiti, zaini, giochi e materiale scolastico. Nel segno della lotta allo spreco
Locarnese
18 ore

Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?

Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
20 ore

Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni

Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
20 ore

Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’

Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
23 ore

Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’

Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
23 ore

Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn

Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Locarnese
1 gior

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
laR
 
03.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 19:51

Simone Soldini, ‘i miei ventitré anni al Museo d’arte’

Il curatore della struttura di Mendrisio sta per concludere la sua carriera. ‘La scommessa vinta? LaFilanda’. I finanziamenti, ‘mancano le aziende’

simone-soldini-i-miei-ventitre-anni-al-museo-d-arte
Ti-Press/B. Galli
Simone Soldini

Scorci da una mostra per due: dentro le ampie sale del Museo d’arte di Mendrisio i preparativi fervono. Dal 22 maggio prenderanno vita le opere di Gianfredo Camesi e Davide Cascio. Le anticipazioni che riusciamo a scorgere attraversando i lunghi corridoi ci colgono di sorpresa e incuriosiscono. Sbirciamo tra le grandi installazioni, come fa un bambino impaziente. Ci viene incontro Simone Soldini, per lui sarà l’ultima esposizione da curatore del Museo. Dopo 23 anni la sua avventura museale (e non solo) termina qui. La Città si è già messa al lavoro per trovare il successore.

Com’è stato lavorare circondato da opere d’arte?

Com’è stato? Basta guardarsi attorno – ci risponde indicando verso il suo ufficio soppalcato –: bellissimo, con vista persino su una magnolia meravigliosa, che in aprile dà dei fiori splendidi. Per chi è appassionato è entusiasmante: sono stati 23 anni che sono volati. Per averli avuti sono grato alla Città e alla comunità: qui si è potuto lavorare nel miglior modo possibile. Certo all’interno del dicastero (Museo e cultura, ndr) il lavoro è stato tanto: oltre alle mostre ci sono le manifestazioni collaterali e gli eventi culturali sul territorio.

Tracciata la strada, questi due decenni sono trascorsi tra mostre non locali – «che hanno sempre qualcosa da dire e da insegnare, fungendo da stimolo» – esposizioni territoriali, spaziando dal Cinquecento all’Ottocento, e proposte nel filone dei contemporanei («E qui abbiamo vissuto tanti begli incontri, imprevisti, persone imprevedibili»). Del resto, quando è arrivato aveva le idee ben chiare: fare del Museo d’arte un punto di riferimento a livello regionale. Continuando, da un lato, con la tradizione, e dall’altro proprio con il ‘presente artistico’, la contemporaneità. È riuscito a dare al Museo la collocazione che voleva?

Dal mio punto di vista credo di sì. E di questo dico grazie anche alla squadra che lavora con me: un gruppo di amici. Anzi, ritengo sia importante che questo lavoro venga continuato. Anche perché ci sono voluti anni per entrare nella logica del contemporaneo. Abbiamo iniziato con Rolando Raggenbass, Selim Abdullah, artisti che avevano già una certa fama, e stiamo continuando con artisti della nuova generazione come Miki Tallone, Davide Cascio, spesso in dialogo con colleghi affermati o già storicizzati, penso a Sergio Emery e oggi a Camesi. Insomma, abbiamo fatto passi avanti. Sento che ci siamo radicati bene in questo senso nel territorio. Mostre come ‘Metamorfosi’ o ‘Da ieri a oggi’, ad esempio, sono state delle grandi collettive su artisti della regione e più ampiamente ticinesi, che hanno dato i frutti sperati. Oggi, infatti, abbiamo una collezione di arte contemporanea locale notevole.

Guidare il Museo ha significato anche accompagnarlo nella crescita della Città aggregata, ricca a livello museale. Che esperienza è stata?

In questi 23 anni ho assistito al pieno sviluppo della Città: da Borgo a vera cittadina (in particolare sotto il sindacato di Carlo Croci). Questo passaggio ha fatto scattare una nuova fase nella sua evoluzione culturale e sociale. Penso alla creazione della Filanda – al fianco di Soldini, Croci, il segretario Massimo Demenga, l’architetto Anne France Aguet, ndr –, nel 2010; nata dopo una gestazione di circa 7-8 anni ma che si è rivelata un impensabile successo. Di fatto ha cambiato dal punto di vista socioculturale il volto della Città e del territorio. Merito anche di chi la gestisce tuttora – Agnès Pierret, ndr –, introducendo i filanderi, l’orario prolungato, l’apertura domenicale.Vogliamo, però, continuare a rinnovare ed essere accoglienti dal punto di vista generazionale, di integrazione, aprendo ad esempio ai Quartieri, anche attraverso Casa Pessina, una realtà importante diventata sede di esposizioni fotografiche, e Casa Croci, diventata temporaneamente Museo dei Trasparenti.

A proposito di Museo dei Trasparenti: diventerà realtà?

Questo Museo è un traguardo che sarà raggiunto; la tempistica è difficile da dire (oltretutto in un momento non semplice). D’altro canto, tutto questo comparto è sotto studio: da Casa Maggi sino a Santa Maria. È tutto da rivedere e rimodernare. Tengo a dire, però, che i Trasparenti li abbiamo sempre conservati e vigilati (abbiamo creato un deposito per quelli più antichi), in maniera molto attenta. Sono stati inventariati, i più antichi salvaguardati; è stato creato per loro un provvisorio Museo a Casa Croci; ne sono stati realizzati di nuovi, vincendo antiche resistenze. Inoltre, con la Supsi si sta facendo un lungo lavoro d’inventario, conservazione e rinnovamento del materiale informatico, per un monitoraggio dei 700 Trasparenti.

Ecco, l’arrivo della Supsi: che contributo ha dato?

Ha avuto un impatto forte. Se da una parte l’Accademia di architettura, con cui pur abbiamo dei contatti, è entrata a poco a poco nella vita di Mendrisio, la Supsi si è subito fatta notare grazie anche alle loro continue proposte di collaborazione. In effetti, siamo stati molto sollecitati.

Torniamo all’Accademia: si è instaurato il colloquio sperato?

Certo. Chiaro, parliamo di due mondi autonomi e indipendenti. Voglio sottolineare, comunque, che è anche grazie all’Accademia se abbiamo creato la rete dei Musei d’arte del Mendrisiotto (Mam) che annovera, appunto, il Teatro dell’architettura assieme al nostro Museo, alla Pinacoteca Züst, al m.a.x. museo e al Museo Vela. Un punto di partenza importante, un’esperienza che stiamo portando avanti, passo per passo, prima regione in Ticino, e che ci ha dato modo di rafforzare i contatti continui e la politica di rete museale. È un’iniziativa seguita nel Cantone: il Locarnese potrebbe seguirci a ruota. Mi sento di dire che è uno degli ottimi successi culturali degli ultimi anni a livello regionale.

La mossa del Mam è stata anche una risposta a un Lac luganese che rischia di schiacciare le altre realtà museali?

C’è un po’ pure questo. La politica museale-culturale del cantone ha subito un cambiamento radicale con la creazione del Lac e del Masi. Credo, però, sia importante che ogni museo mantenga la propria identità e vada avanti con la sua storia, indipendentemente da quello che può crearsi attorno. Non bisogna subire troppe pressioni da parte di istituzioni nettamente più forti e articolate. In ogni caso, il Mendrisiotto ha risposto molto bene, e in tutti i sensi, attraverso musei e istituti. Non dobbiamo sminuire le singole ambizioni.

Tra queste ambizioni vi è altresì la collezione del Museo.

Quando sono arrivato 23 anni fa c’era una piccola collezione. In questi due decenni, forti di una politica rivolta anche al territorio, abbiamo acquisito tanto materiale: possediamo ora una collezione importante grazie a donazioni di fondi – come Macconi, Bolzani, Meroni e di vari eredi d’artisti – che hanno il loro perno tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento (senza tralasciare Seicento, Settecento, Ottocento e personalità dell’avanguardia). La collezione oggi può vantare testimonianze ed elementi importanti di arte ticinese e lombarda. Un altro risultato raggiunto in questi anni, tramite l’accordo con il privato, è l’inventario completo (pronto a breve) della biblioteca storica Torriani con i suoi 4-5mila volumi.

Parliamo allora delle sfide, qual è stata la più grande?

Senz’altro il Centro culturale LaFilanda. Stimolato da Rolando Schaerer, ho girato in vari Paesi per visitare strutture simili, ma a quel tempo non immaginavo fosse possibile aprirne una a Mendrisio. Era una scommessa, forse un azzardo. Abbiamo avuto anche dei dubbi. Ci siamo chiesti: non sarà troppo un Centro su 3-4 piani di 2’600 meri quadri circa? Magari è una follia quella che stiamo pensando? Eppure avevamo sempre riscontri positivi dall’estero. Siamo giunti anche al punto di dire: rinunciamo o l’affrontiamo un passo alla volta? Oggi ne siamo tutti orgogliosi: abbiamo portato una ventata nuova, oltre a una struttura pilota nel cantone. Certo ci siamo trovati a lavorare da soli. A ripagarci è stata la popolazione, che ha vissuto benissimo questo cambiamento. Solo i filanderi ora sono quasi un centinaio.

Allargando il discorso, qual è oggi il rapporto col pubblico e il territorio?

Il pubblico è un altro punto di discussione che apre tanti interrogativi e questioni. I musei in Ticino sono ancora molto ‘giovani’: non abbiamo una tradizione come nella Svizzera interna. È una realtà cresciuta poco a poco. Il Museo cantonale ha iniziato a lavorare negli anni Sessanta, noi nei primi anni Ottanta. Il radicamento al territorio necessita di tempo. Un territorio che ha comunque accolto bene le nostre proposte. Il nostro è un pubblico variegatissimo: un terzo ticinese, un terzo dalla Svizzera interna e un altro terzo dall’Italia per le mostre non locali. Ci sono state mostre di successo: Cuno Amiet, Piero Guccione, Max Beckmann, André Derain, l’ultima su A.R. Penck con diverse migliaia di entrate. Ma puntare solo su scelte di questo genere non è serio da un punto di vista culturale. Così abbiamo voluto proporre linguaggi contemporanei, artisti – soprattutto locali - che portavano cose nuove per il nostro territorio, con una risposta più selettiva da parte del pubblico. Non si può essere solo compiacenti con un vasto pubblico. In alte parole, diversificare, quindi affiancare a mostre di sicuro successo esposizioni più sperimentali, è positivo per la nostra realtà. E a volte gli esperimenti danno buoni riscontri. Chi opera all’interno di un museo deve dare spazio a tutte le tendenze e tutti i periodi.

Affrontiamo ora il tema dei finanziamenti: in questi anni spesso si sono ventilati tagli alla Cultura. È stato un problema?

Qui forse siamo controcorrente. Oddio, si spera sempre di veder aumentati i fondi, ma tagli veri e propri non posso dire di averne subiti. Certo, abbiamo dovuto limare qua e là, ma senza pressioni. Spero sia così anche per chi mi succederà. La lamentela che posso fare è semmai riguardo agli sponsor: lì sì che c’è un problema. Il punto non è la proposta, ma la collocazione del nostro museo. I musei di provincia non godono dei favori delle aziende: questa è la verità. Un tempo le grandi banche ci finanziavano (con 30-40mila franchi l’anno), adesso non danno più un franco perché la nostra non è una piazza allettante, non è un luogo all’altezza della sponsorizzazione. Eppure di sforzi per convincerli ne abbiamo fatti! E devo dire che, di recente, anche da un istituto di credito più radicato al territorio non sono più arrivati quei sostegni attesi. Non sono Cantone e Comune i deficitari, sono le imprese a esserlo. Ci vorrebbe una sensibilità ben maggiore. A parole apprezzano, poi con i fatti...

C’è una sua opera incompiuta?

Il Museo adesso ha bisogno urgente di nuovi depositi. Probabilmente l’idea del comparto polo museale – da qui a casa Maggi –, come detto, effettivamente è da realizzare. Va messo a poco a poco in cantiere. Abbiamo raggiunto dei traguardi, ma ci sono ancora tante cose da fare. Tra queste appare davvero importante creare anche un palazzo della musica e del teatro: nel Mendrisiotto ci starebbe benissimo. Anche questa è una scommessa come lo è stata LaFilanda, ma sarebbe una struttura che funzionerebbe a pieno regime e che il Comune meriterebbe. In questi anni, infatti, abbiamo riscontrato un vero interesse a livello, ad esempio, di compagnie teatrali. Il Mercato coperto non è certamente adatto adesso, eppure si va ancora lì per concerti e manifestazioni. Ribadisco: ci vuole un vero auditorium per teatro e musica.

Una struttura simile è nell’agenda politica?

No, in realtà è scomparsa. Se ne parlava quando Mendrisio viaggiava finanziariamente molto bene, ora non è più il caso. Il salto finanziario, in effetti, non è da poco. Sono però convinto che avrebbe un seguito. Qualcuno potrebbe avere la tentazione di dire che non c’è un bacino sufficiente (stessa musica per La Filanda!), ma non ci credo. In altre realtà, piccoli territori hanno un teatro e funziona.

Se dovesse nominare un artista che le è rimasto impresso?

Ho avuto tante esperienze bellissime. Dal lavoro sono nate amicizie meravigliose: penso alla famiglia Guccione, alla mostra preparata con Ezio Bassani sull’Africa, agli incontri a Ravecchia con Mimma e Giorgio Orelli, ai bei rapporti con la famiglia Amiet, al gruppo di amici nell’impegnativa mostra sull’Anarchia. Poi, gli artisti ti danno sempre qualcosa. Not Vital è un artista fuori dall’ordinario: fino a una settimana prima dell’esposizione non sapevo cosa avrebbe portato. Così come lo è Olivier Mosset. E poi Adriana Beretta, Selim, Raggenbass, Pedroli, Pitschen, tutte personalità particolari. Ricordo l’incontro toccante con Kirkeby gli ultimi mesi della sua vita. O ancora il bellissimo rapporto con Gianfranco Bruno per la mostra su Birolli, con Gohr per Beckmann, con Jensen per Penck. Sono amicizie che sono rimaste negli anni.

Qualcuno ha fatto i capricci?

Ci sono stati momenti di grande tensione. A volte si dorme male per 3 o 4 giorni, ma in generale si tende a dimenticare il problema. Gli artisti investono molto in una mostra: si instaura con loro un rapporto speciale, stretto, intenso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved