ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
38 min

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
16 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
17 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
17 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
18 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
18 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
18 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
19 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
22.03.2022 - 11:43
Aggiornamento: 16:32

Cacciatore del Mendrisiotto in Appello chiede pena sospesa

Ricostruito il caso di omicidio colposo avvenuto a Chiasso. L’imputato, 53enne, aveva scambiato l’amico per un cinghiale uccidendolo

di Guido Grilli
cacciatore-del-mendrisiotto-in-appello-chiede-pena-sospesa
Ti-Press
L’avvocato di difesa, Luigi Mattei

«Come sto dopo averlo ucciso? Mi sto autopunendo. Non riesco più a vivere come prima. Evito le persone». Così il 53enne del Mendrisiotto che il 14 settembre 2019 durante una battuta di caccia nella zona Penz a Chiasso sparò, uccidendolo, al suo amico scambiandolo per un cinghiale, ha raccontato ai giudici i propri stati d’animo. L’imputato è tornato stamane davanti ai giudici, quelli della Corte di appello e revisione penale, dopo essere stato condannato lo scorso 28 ottobre alle Assise criminali di Mendrisio per omicidio colposo a 2 anni e 10 mesi di detenzione, di cui 6 da espiare e la rimanenza sospesa con la condizionale.

Ricostruita la giornata della tragedia: ‘Riconosco di non aver identificato la preda’

La Corte, presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, è tornata alla ricostruzione di quella tragica giornata di due anni e mezzo fa. «Ad un certo punto io mi sono accostato a un albero caduto. Ho sentito un rumore di rami che si spezzavano. Lì il terreno è franoso e ghiaioso. Sono stato in attesa, ho visto una macchia nera a 20-25 metri di distanza, ho imbracciato il fucile e ho sparato. Ero convinto che fosse il cinghiale». Perché non ha aspettato di accertarsi cosa fosse quella macchia nera? Non voleva farsi scappare la preda?, ha chiesto la presidente della Corte. «Esatto. È così. Riconosco di non aver identificato la preda».

L’avvocato di difesa, Luigi Mattei, ha esortato il suo cliente ad essere più preciso. «Dopo aver sentito il rumore ho cercato di trovare la posizione migliore per un eventuale tiro. Davanti a me c’erano spazi, si vedeva abbastanza bene. Sono azioni che durano qualche secondo. Ho imbracciato l’arma, ho guardato nel mirino, ho visto la macchia nera, ho disassicurato il fucile e ho sparato».

L’imputato ha evidenziato: «Sono passati tre anni dai fatti, sono stato interrogato per ore al momento della tragedia. Adesso sono confuso e le vostre domande non mi fanno capire più niente. Non sono in grado di essere più preciso». L’avvocato Mattei ha spiegato che il suo cliente è in cura psichiatrica e che anche i medici hanno messo in rilievo una difficoltà del 53enne a precisare i fatti. Il legale ha messo in rilievo che il suo assistito soffre inoltre di acufene e di problemi di udito.

La procuratrice pubblica, Marisa Alfier, ha chiarito durante la sua requisitoria che i fatti non sono contestati e che il ricorso mira a richiedere una riduzione della pena, limitandola a 12 mesi sospesi per due anni, che è la stessa pena proposta in primo grado dal magistrato. La pp Alfier ha chiesto che l’imputato, incensurato, sia riconosciuto colpevole di omicidio colposo ma nei suoi confronti non ha pronunciato una proposta di pena, rimettendosi alla decisione della Corte. «Si è trovato in una situazione che ha creato lui stesso, che ha distrutto due famiglie, quella della vittima e la sua».

L’avvocato di difesa, nella sua arringa, ha ricostruito la situazione personale del proprio cliente, sottolineando le difficoltà del 53enne a spiegare una vicenda «che da tre anni a questa parte ripercorre costantemente davanti ai propri occhi». «Riconosce la gravità di quanto ha fatto. Gli psichiatri che lo hanno in cura hanno ravvisato in lui un forte senso di colpa». «Era irruente nella caccia – ha ricordato Mattei – ed era stato invitato dai due amici, tra cui la vittima. La zona in cui è accaduta la tragedia era impervia e lo so perché ho svolto un sopralluogo». Il 53enne aveva gli altri due colleghi molti metri più avanti – ha ricostruito l’avvocato – e riteneva che il rumore avvertito provenisse da destra a sinistra, ma il perito ha chiarito che l’imputato non può essere sicuro delle direzioni. «L’azione fatale, e mai negata, è stata quella di aver sparato dopo aver visto la macchia nera, senza identificare la preda. Che non voleva lasciarsi scappare. La responsabilità del 53enne non è in discussione. Ma egli ha implicitamente escluso che quanto si muoveva fosse una persona».

L’avvocato difensore ha messo inoltre in rilievo che «la tragedia si è consumata al massimo in due secondi, dove giocano le istintività, la foga. Siamo di fronte a un comportamento colpevole, ma avvenuto in pochi attimi e questo deve essere tenuto in considerazione in sede di sentenza, come precisa il Tribunale federale». L’avvocato Mattei ha chiesto in conclusione che la pena sia adeguata e che tenga conto degli aspetti oggettivi e soggettivi del suo assistito e ha chiesto la conferma della richiesta del suo ricorso, vale a dire che la pena sia posta al beneficio della sospensione condizionale. La Corte di appello emetterà la sentenza nelle prossime settimane.

Leggi anche:

Uccise il compagno di caccia a Chiasso: andrà in carcere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved