ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
9 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
10 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
10 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
08.03.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:36

Rivoluzione viaria a Chiasso, l’esordio convince

Sono entrati in vigore i primi cambiamenti legati al piano viario. Nessun problema in via Manzoni, ingorghi serali a Largo Kennedy

rivoluzione-viaria-a-chiasso-l-esordio-convince
Ti-Press/B. Galli
Doppio senso di marcia in via Manzoni

«Scusi, devo andare in Italia. Che strada devo fare?». È questa la domanda che abbiamo sentito più volte lungo viale Manzoni, a Chiasso, da oggi percorribile nei due sensi di marcia a causa dell’avanzamento del cantiere delle sottostrutture di via Livio, completamente sbarrata al traffico. La rivoluzione viaria di Chiasso, preludio del nuovo piano viario che entrerà in vigore nel mese di luglio, sembra avere superato l’esame del primo giorno. Almeno per quanto riguarda le ore diurne. Qualche problema in più è stato registrato in serata alle rotonde di Largo Kennedy, dove viene convogliato tutto il traffico verso l’Italia. Le novità introdotte sono, lo ricordiamo, il doppio senso di marcia su via Manzoni e via D’Alberti, l’apertura della rotonda ovest, l’apertura di via Stazione (a confinanti, autorizzati e utenti), l’introduzione del parziale doppio senso di via Motta (dalla rotonda ovest agli accessi dei posteggi di via Motta 22 e 24) e la deviazione del traffico del trasporto pubblico sul P+R Ffs, con entrata da via Manzoni e uscita su via Motta. La Sezione tecnica della Polizia comunale ha introdotto qualche correttivo già nel corso della giornata di ieri, come la posa di coni tra le due corsie di via Manzoni, un cartello provvisorio che indica la direzione verso l’Italia in via Rampa, un cartello che indica la presenza del passaggio pedonale e una velocità limitata a 30 all’ora all’imbocco di via D’Alberti. Non è da escludere che ce ne saranno altri nel corso dei prossimi giorni.

Cosa succede lungo la strada

Per capire come sono state accolte le citate novità dagli automobilisti, ci siamo recati all’imbocco di via Manzoni. Lungo la strada sono presenti – lo saranno per tutta la settimana – assistenti della Polizia comunale e agenti di sicurezza pronti a rispondere a domande e fornire indicazioni, in modo particolare l’invito a «restare sulla destra perché da oggi c’è il doppio senso di marcia». La più frequente che abbiamo sentito è quella che abbiamo citato in apertura. L’indicazione è che da ieri, per raggiungere il confine, occorre transitare dai ripari fonici di via Como e percorrere la via Comacini. «Ma se devo andare in banca?». In questo caso non cambia nulla: è però fondamentale mantenere la corsia destra fino al momento di immettersi nel posteggio dell’istituto. Per il ritorno, l’automobilista di turno sarà chiamato a percorrere via Manzoni e via D’Alberti, per poi tornare su Corso San Gottardo. Altra novità è il nuovo ‘dare precedenza’ per chi arriva dal Corso che dovrà quindi lasciar passare gli automobilisti provenienti dalla via D’Alberti. Anche chi sbuca dal tunnel di via Rampa ha da oggi la possibilità di svoltare anche a sinistra (fino a domenica la svolta era obbligata verso la via Manzoni) e immettersi su via D’Alberti. Un’attenzione particolare verrà chiesta anche ai gruppi di pedoni che, abituati alla doppia corsia di senso unico, non sempre abbiamo visto camminare sul marciapiede.

La deviazione dei mezzi pubblici

I mezzi del trasporto pubblico sono transitati dal sedime ferroviario che costeggia l’osteria, dove è stata delineata la segnaletica di cantiere arancione. All’uscita del posteggio i bus possono raggiungere l’interscambio in stazione. Una volta terminato il cantiere, saranno i soli – insieme alle auto che dovranno accompagnare o attendere dei viaggiatori – a poter transitare lungo la via Motta. I mezzi pubblici lasciano via Manzoni all’altezza della fermata ‘Chiesa’, poco prima del semaforo legato al passaggio pedonale.

La rotonda ovest

Ci rechiamo anche in stazione. Lungo la strada – vista la chiusura completa di via Livio – incrociamo pochissime auto. Qualche bus arriva al capolinea e attende l’ora di ripartire. Notiamo che qualche auto percorre via Stazione, si immette nella rotonda ovest e prosegue lungo la via Motta. Non sappiamo se si tratta di ‘furbetti’ che hanno comunque raggiunto la vicina dogana o di persone autorizzate (come da segnaletica) che hanno utilizzato la via per posteggiare. Poco prima della rotonda sono stati disegnati dei posteggi provvisori per scooter, biciclette e moto. Nel corso del mese di aprile entrerà in funzione anche la rotonda est (la pavimentazione definitiva è prevista il 15 aprile). In quel momento ci saranno una nuova viabilità su via Motta e l’apertura del parcheggio P+R e moto-bici. Nella tarda primavera ci saranno infine i lavori alle canalizzazioni delle acque meteoriche e luride, con conseguente sbarramento del sottopasso di via Dunant (il transito sarà consentito solo ai pedoni). Al termine dei lavori il nodo intermodale della stazione Ffs proporrà una zona a traffico limitato di interscambio del trasporto pubblico delimitata dalle due rotonde. Mentre su via Livio e via Motta sarà introdotto il doppio senso di marcia per consentire il transito verso le aree di Park+Rail.

Leggi anche:

Chiasso, prove pratiche per il nuovo Piano viario

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved