ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
2 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
2 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
4 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
14 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
14 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
15 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
15 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
15 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
15 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
15 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
03.03.2022 - 15:37
Aggiornamento: 04.03.2022 - 17:38

Chiasso, prove pratiche per il nuovo Piano viario

Da lunedì 7 marzo saranno introdotte alcune modifiche previste dalla futura viabilità. Tra queste l’utilizzo di via Comacini per raggiungere l’Italia.

chiasso-prove-pratiche-per-il-nuovo-piano-viario
Ti-Press/Elia Bianchi
La rotonda ovest
+1

«Da lunedì 7 marzo per andare in Italia si passerà solo ed esclusivamente da via Comacini. Il comparto della stazione ferroviaria sarà utilizzato solo dai trasporti pubblici e da chi deve prendere il treno». Le parole di Sonia Colombo-Regazzoni, capodicastero Territorio e Sicurezza pubblica del Comune di Chiasso, annunciano quella che sarà la rivoluzione viaria che entrerà in vigore la prossima settimana e che, di fatto, anticipa l’entrata in vigore del nuovo Piano viario di cui si parla da ormai vent’anni e che diventerà effettivo dal mese di luglio. Lunedì inizierà la nuova fase «cruciale» dei lavori di sottostruttura lungo via Livio, con interventi che imporranno la chiusura completa della strada dall’incrocio di via Dunant al bivio di via Motta. Per l’occasione saranno come detto introdotte alcune modifiche previste dalla futura viabilità cittadina: il doppio senso di marcia su via Manzoni e via D’Alberti, l’apertura della rotonda ovest, l’apertura di via Stazione (ai confinanti), l’introduzione del parziale doppio senso di via Motta (dalla rotonda ovest agli accessi dei posteggi di via Motta 22 e 24) e la deviazione del traffico del trasporto pubblico sul P+R Ffs, con entrata da via Manzoni e uscita su via Motta. In questi giorni gli addetti ai lavori stanno realizzando quella che diventerà la nuova segnaletica.

Polizia presente sulle tratte modificate

Il cantiere di via Livio è iniziato lo scorso mese di ottobre. Le misure viarie introdotte, così come la possibilità di posteggiare allo sterrato Comacini, restano in vigore. «Finora non sono stati riscontrati problemi dovuti a infrastruttura non segnalate», commenta Ruggero Pantani dell’Ufficio tecnico. L’auspicio per questa fase «è che tutto possa svolgersi nel migliore dei modi, grazie anche alla disponibilità di tutti gli attori coinvolti – aggiunge Colombo-Regazzoni –. Sappiamo che qualche incognita potrà presentarsi perché si tratta di una zona ricca di tubi e cavi. Da subito il Municipio ringrazia tutti i cittadini per la comprensione e invita chi raggiungerà Chiasso da lunedì prossimo ad adeguare il proprio percorso al nuovo Piano viario e a seguire scrupolosamente le indicazioni di Polizia». La Polizia regione 1 di Chiasso «sarà presente sulle tratte modificate perché non sarà per tutti evidente passare dal senso unico al doppio senso di marcia – annuncia il comandante Nicolas Poncini –. Faremo informazione e prevenzione, oltre a verificare sul posto se quanto studiato funziona nella realtà. Si tratta di cambi epocali che richiedono pazienza, e soprattutto un’accresciuta attenzione degli utenti». Obiettivo del piano viario è quello di spostare il traffico di transito lungo il percorso Largo Kennedy-via Como-via Comacini, sgravando il centro cittadino. «Da lunedì prende avvio la rivoluzione copernicana del Piano viario: la stazione e il centro di Chiasso sono luoghi di destinazione, e non luoghi di transito», è il riassunto del capotecnico di Chiasso Rudy Cereghetti. A proposito dell’interscambio in stazione, i lavori sono ormai terminati. La scorsa settimana il Municipio di Chiasso ha effettuato un sopralluogo con la Sezione della mobilità relativo ai passaggi dei mezzi pubblici che, in alcuni punti, risultano difficoltosi. «Seguiamo attentamente il dossier – commenta ancora la municipale –. Restiamo in attesa di correttivi perché la responsabilità passerà al Comune e vogliamo accertarci che non ci siano pericoli».

Cosa succederà da aprile

La prossime novità in ambito viario arriveranno a partire dal 25 aprile, ovvero quando la nuova rotonda est sarà completata e verrà aperta. In quel momento ci saranno una nuova viabilità su via Motta e l’apertura del parcheggio P+R e moto-bici. Nella fase conclusiva dei lavori, prevista per la tarda primavera, si effettueranno infine i lavori alle canalizzazioni delle acque meteoriche e luride, con conseguente sbarramento del sottopasso di via Dunant (il transito sarà consentito solo ai pedoni). Al termine dei lavori il nodo intermodale della stazione Ffs proporrà una zona a traffico limitato di interscambio del trasporto pubblico delimitata dalle due rotonde. Mentre su via Livio e via Motta sarà introdotto il doppio senso di marcia per consentire il transito verso le aree di Park+Rail.

Semafori in via Como

Gli automobilisti se ne saranno accorti. Agli sbocchi dei ripari fonici di via Como sono comparsi due semafori che non hanno mancato di suscitare qualche discussione. «Sono stati posati dal Cantone – precisa Sonia Colombo-Regazzoni –. Sono regolati da sensori, si attivano solo in caso di necessità e svolgono un’importante funzione di sicurezza, consentendo un flusso regolare di auto, che altrimenti resterebbero incolonnate, all’uscita di Chiasso Sud». Una misura che, in caso di attivazione, rallenta inevitabilmente il traffico alle rotonde di Largo Kennedy. «Si tratta comunque di una misura di sicurezza indispensabile», conclude la municipale.

Leggi anche:

Cambia la viabilità nel cuore di Chiasso

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved