nebiopoli-e-stata-l-edizione-della-spontaneita
Ti-Press
Uno scatto del fine settimana chiassese
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
29 min

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
36 min

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Luganese
1 ora

Al Liceo di Lugano 1 è tempo di premiati

L’elenco degli studenti dell’ultimo anno più meritevoli fra alte medie e scelta opzionale di materie
Luganese
1 ora

Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati

Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Locarnese
1 ora

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
5 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
9 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
20 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
21 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
23 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
23 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
27.02.2022 - 18:40
Aggiornamento : 22:08

Nebiopoli, ‘è stata l’edizione della spontaneità’

Soddisfazione tra frequentatori e organizzatori della 62a edizione. ‘È sembrato di tornare indietro di 30 anni’.

Carri, guggen e musica. Dopo due anni d’assenza forzata il Nebiopoli è tornato, anche se in formato ‘light’, ad animare le strade e la vita di Chiasso. «Sono nato e cresciuto a pochi passi dal centro, che bello vedere la città tornare a colorarsi e divertirsi dopo questo periodo difficile. È un ritorno alla normalità che ci voleva proprio, specialmente per noi giovani», ci racconta Loris all’esterno della tendina che occupa piazza Bernasconi. Come lui sono tanti i giovani che hanno partecipato agli eventi organizzati nel fine settimana. «Se devo trovare una parola per riassumere questa edizione direi: spontaneità. Ho avuto la sensazione, girando tra le vie di Chiasso, che la festa fosse davvero popolare, senza un perimetro delimitato e con i bar coinvolti». Proprio gli esercizi pubblici sono stati i protagonisti del weekend carnascialesco dove si è cercato di proporre un programma, seguendo il motto "Serve Chiasso!", che si avvicinasse il più possibile a una versione ‘normale’. A certificare il successo della 62a edizione ci sono anche i numeri: tra le 10mila e le 12mila persone presenti solo nella giornata di sabato, secondo una stima degli organizzatori.

‘Più gente del previsto’

«È arrivata molta più gente di quella che ci aspettavamo, sull’arco di tutta la giornata possiamo dire che abbiamo lavorato davvero tanto», ci spiega un esercente intento a servire panini e bibite ai clienti in maschera che entrano ed escono da un bar posizionato in Corso San Gottardo. «Quest’anno abbiamo probabilmente goduto della differenza di regole rispetto alla vicina Italia, sono diversi gli italiani venuti al Nebiopoli per festeggiare in libertà senza le limitazioni che nella vicina penisola ci sono ancora». Dello stesso avviso anche una collega che gestisce un ristorante in Piazza Indipendenza: «Ho avuto il locale pieno per tre giorni. È bello che si siano messi gli esercizi pubblici al centro della manifestazione. Il bel tempo ha sicuramente aiutato, con tante famiglie in giro per Chiasso». Proprio i bambini sono tra quelli che più si sono divertiti. «È fantastico per loro poter assistere la sfilata. Quasi non si ricordavano più com’è fatto un corteo di carnevale», racconta divertita una mamma mentre i figli raccolgono e lanciano coriandoli.

‘La gente ha capito le difficoltà organizzative’

Tra i più festaioli c’è anche chi avrebbe gradito qualche ora extra di ‘bagordi’ serali (la musica è stata spenta alla 1 di notte). «Sarei rimasto in giro ancora un po’, ma le alternative per proseguire la festa nei locali della zona mi sono piaciute. Penso che la gente abbia capito le difficoltà di organizzare l’edizione di quest’anno e si sia goduta fino in fondo quanto è stato proposto. Far festa senza mascherina e certificato? Mi fido delle autorità e delle loro decisioni. Gran parte degli eventi si sono inoltre svolti all’aria aperta e con tre dosi di vaccino mi sento sicuro», ammette Loris. Chi vede anche il bicchiere mezzo pieno è Davide, membro di un gruppo che ogni anno prepara un carro da esibire nei vari cortei del cantone: «È stato bello tirare fuori dall’armadio il costume dopo tutto questo tempo. Certo la parte di costruzione del carro, che è un bel momento aggregativo e di divertimento, quest’anno non c’è quasi stata. Ma ci accontentiamo. Vediamola così, è stato un assaggio in vista del ritorno in grande stile che faremo l’anno prossimo».

‘Un programma in costante evoluzione’

Tra chi ha seguito in prima persona le giornate di festa c’è sicuramente Alessandro Gazzani, presidente del Carnevale Nebiopoli. «Dal punto di vista organizzativo e della sicurezza è filato tutto liscio. Questo grazie alla sempre ottima collaborazione con la Polizia e le autorità cittadine. Anche noi eravamo curiosi di vedere quale sarebbe stata la risposta del pubblico. Non avevamo fatto grandi previsioni». La parola d’ordine è quindi stata ‘flessibilità’. «Il corteo alla fine ha visto sfilare 20 gruppi, è un numero davvero grande se pensiamo ai tempi disponibili per organizzare tutto. Gli ultimi due partecipanti si sono aggiunti nella stessa mattinata di sabato, il programma è quindi stato in costante evoluzione fino all’ultimo». A cambiare durante il corso della giornata è stata anche la tipologia di persone che hanno affollato le strade della cittadina di confine. «Fondamentalmente abbiamo vissuto tre differenti fasce orarie, ognuna con il suo target diverso di frequentatore. In mattinata e nel primo pomeriggio sono state soprattutto le famiglie con i bambini a girare per le vie del centro. Con il calare della sera il tipo di pubblico si è spostato su persone adulte in cerca dell’aperitivo o della cena. Dalla sera in poi sono stati soprattutto i giovani a farla da padrone».

Ad aiutare la riuscita dell’evento ha contribuito sicuramente il bel tempo, con sole e temperature miti sull’arco di tutto il fine settimana. «Senza quello eravamo fregati. Abbiamo notato che c’è stato un incremento esponenziale dei consumi. La gente ha mangiato e bevuto molto di più rispetto al passato», constata Gazzani. Merito anche di una formula che si è voluta rinnovare... tornando alle origini. «Per strada continuo a essere fermato da gente che mi confida soddisfatta ‘di respirare l’aria del carnevale di 30 anni fa’. Fa piacere, vuol dire che lo sforzo fatto negli ultimi anni viene riconosciuto».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro gazzani carnevale chiasso nebiopoli
Ti-Press
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved