ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
25.02.2022 - 08:30
Aggiornamento: 17:07

Il Mendrisiotto torna in sella: arriva il Tour de Suisse

La quinta tappa del 16 giugno taglierà il traguardo a Novazzano tra campioni del pedale e festa di popolo

il-mendrisiotto-torna-in-sella-arriva-il-tour-de-suisse
Ti-Press
Al Tour del 2001 a Mendrisio c’erano in tanti

Il Mendrisiotto ha da sempre un legame particolare con le due ruote, quelle che mettono a dura prova i garretti. In questa terra tanto antropizzata e presa alla gola dal traffico, si sognano le salite memorabili e le volate dei campioni. Non è un caso, del resto, se le strade momò hanno visto due mondiali – nel 1971 e nel 2009 a Mendrisio – arrivi del Giro d’Italia e del Tour de Suisse. Tant’è che dopo ormai tredici anni dall’ultimo appuntamento iridato, il Distretto era quasi quasi in astinenza da gare e duelli in bici, memore dei Merckx e dei Gimondi, dei Cancellara e degli Evans.

È così che l’idea di riportare da queste parti una grande kermesse ciclistica ha cominciato a frullare per la testa. Una aspirazione che non è rimasta tale: ancora una volta ci si è rimboccati le maniche e si è riusciti a iscrivere il Mendrisiotto tra le tappe dell’edizione 2022 (la numero 85) del Tour de Suisse. Il 16 giugno prossimo (Corpus domini), in occasione della quinta tappa, il plotone taglierà il traguardo a Novazzano. Un finale momò per una giornata tutta ticinese: un appuntamento che sta già facendo crescere l’attesa. La pianificazione della tappa procede di buona lena. A breve gli inviati del Tour saranno a sud per ispezionare il percorso.

‘Tutto è iniziato un po’ per caso’

«Tutto è nato un po’ per caso», rivela a ‘laRegione’ Giorgio Montorfano, alla testa del Comitato organizzatore. «I primi a ragionare su questa possibilità sono stati Andrea Bellati – già professionista del pedale, ndr – e Federica Giudici, forti dell’esperienza del Mondiale del 2009. La voglia di creare di nuovo un evento simile c’era così come lo spazio per proporci al Tour. A quel punto sono stato contattato e abbiamo cominciato a valutare concretamente questa opportunità, cercando di comprendere cosa comporta organizzare una tappa di un grande giro ciclistico».

Già coinvolti 150 volontari

Il primo atto ufficiale è stata la fondazione dell’Associazione TdS22 Novazzano. A quel punto il paese si è tuffato a capofitto nell’impresa, motore un Comitato «molto unito e che non si risparmia». Una ventina di persone (compreso il presidente) che si sono lasciate coinvolgere con entusiasmo e che ha saputo contagiare molti altri. «Sin qui l’esperienza di coinvolgere i volontari è stata molto interessante. Quanti ne abbiamo reclutati? A oggi 150; l’obiettivo è di raggiungere quasi quota 200».

Un percorso impegnativo

Si è capito subito che i numeri di questa tappa ticinese del Tour de Suisse versione 2022, del resto, sono di quelli importanti. A cominciare dai chilometri che i corridori in sella alle loro bici d’élite dovranno percorrere il 16 giugno da Quinto a Novazzano, con un circuito tutto momò da coprire tre volte prima di tagliare la linea del traguardo in via Marcetto. In totale si parla di 193 chilometri che nell’anello del Mendrisiotto riserveranno delle asperità di tutto rispetto, inclusa la mitica Torraccia che ha saputo fare la differenza in ben due Mondiali.

Tra sicurezza, traffico e budget

I campioni delle due ruote, insomma, se la dovranno sudare la quinta tappa, tra salite e discese. Un tracciato che nei prossimi giorni, ci fa sapere il presidente Montorfano, sarà visionato dai vertici del Tour. Un sopralluogo che prelude alla fase finale dei lavori di preparazione dell’appuntamento di giugno. Nell’attesa il Comitato affina, in effetti, l’organizzazione e ufficializza i contenuti della quinta tappa. «Mercoledì – ci conferma – abbiamo incontrato le Polizie cantonali e comunali – sul terreno ci saranno Chiasso e Mendrisio, ndr –, la Protezione civile e gli enti interessati per definire la gestione del traffico – non è casuale aver scelto un giorno di festa, ndr – e gli aspetti legati alla sicurezza. Globalmente, da Quinto a Novazzano, saranno in campo 350 persone».

Un altro dato imponente e pari a quello del budget che gli organizzatori stanno mettendo a punto. Realizzare l’evento richiederà un investimento di 150mila franchi. «Cifra – assicura Montorfano – che stiamo coprendo grazie agli sponsor, piccoli e grandi e a una bella partecipazione dei Comuni». D’altro canto, a spostarsi con il Tour saranno circa 700 persone, tra corridori, organizzatori e staff. Il presidente sa, in ogni caso, di poter contare su una squadra motivata. Al suo fianco ha lo stesso Bellati (responsabile tecnico), il vice Athos Cereghetti e poi Federica Giudici, Katia Cereghetti, Maurizio Gazzoli, Flavio Rusca, Agata Galfetti e Mario Terzi.

Attesa una festa popolare

Una cosa è certa, mentre i campioni se la vedranno sul circuito, disputandosi la vittoria, tutto attorno si vivrà una festa di popolo nella migliore delle tradizioni. Il Comitato sta già pensando a una serie di manifestazioni per tutte le età. Quali? Per ora Montorfano non si sbilancia: «Se ne potrà sapere di più tra un mesetto – ci dice –. Di sicuro saranno coinvolte le scuole elementari di Novazzano per una giornata dedicata all’evento». Ad accompagnare curiosi e appassionati per adesso c’è un profilo facebook – tourdesuisse_novazzano – in equilibrio tra anticipazioni e amarcord.

Il presidente, poi, culla una speranza. «Confido di riuscire a portare a Novazzano ospiti illustri», ci mette a parte. E il riferimento, qui per nulla velato, è a nomi di fama di ‘ex’ del ciclismo. Nei promotori, d’altra parte, c’è tutto l’orgoglio di proporre un altro momento da iscrivere nell’albo d’oro dei ricordi del Mendrisiotto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved