novazzano-vaccini-in-esubero-non-tutti-avevano-piu-di-85-anni
Ti-Press
La struttura al centro della polemica
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
3 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
3 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
3 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
3 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
3 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
3 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
4 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
18.02.2022 - 16:33
Aggiornamento: 20.02.2022 - 16:35

Novazzano, vaccini in esubero: non tutti avevano più di 85 anni

‘Censurabile’, per il Consiglio di Stato, l’aver somministrato quattro dosi a membri del Consiglio di Fondazione della casa per anziani a inizio 2021

È "censurabile", per il Consiglio di Stato (Cds), il fatto che a gennaio 2021 siano state somministrate quattro dosi di vaccino anti-Covid ad altrettanti membri del Consiglio di Fondazione della casa per anziani il Girotondo di Novazzano. Una decisione criticata non tanto per il fatto che le persone in questione siano appunto membri del Consiglio, quanto piuttosto perché in quel momento la vaccinazione era stata autorizzata soltanto per le persone sopra gli 85 anni e – come si evince dalla risposta data dal governo al granconsigliere Massimiliano Robbiani (Lega) – in effetti "in qualche caso è stata data la precedenza a persone non appartenenti ai gruppi più a rischio".

Fra stime e focolai, esuberi cresciuti

La questione era emersa, appunto, circa un anno fa e aveva suscitato polemiche, in un momento in cui la campagna vaccinale era ancora all’inizio e la pandemia faceva certamente più paura che adesso. La risposta spiega anche come sia stato possibile che ci fossero degli esuberi, giudicandola di fatto una cosa normale. Considerato infatti che ogni fiala inviata alle case per anziani conteneva cinque dosi di vaccino, alle 7’572 richieste non corrispondevano per forza di cose le 7’735 dosi inviate. Per i 163 esuberi, ai direttori sanitari delle strutture è stata data l’indicazione di impiegarli per persone esterne, ma evidentemente che rientrassero comunque nella fascia allora oggetto della campagna. Esuberi che peraltro si sono rivelati essere maggiori rispetto al preventivato, da un lato perché alcune case avevano fornito solo delle stime e non dei numeri precisi di dosi necessarie e dall’altro perché nel frattempo si sono sviluppati alcuni focolai che hanno purtroppo ridotto la richiesta.

Casi analoghi? ‘Segreto d’ufficio’

Tornando al caso specifico, nella risposta si sottolinea inoltre che la decisione presa dalla struttura di Novazzano non è stata in alcun modo indicata dall’Ecam, l’Ente case anziani del Mendrisiotto. A Robbiani, che ha chiesto quante e quali altre situazioni analoghe ci sono state nel cantone, il CdS risponde tuttavia che essendoci il segreto d’ufficio tale informazione non può essere rivelata e non è quindi dato sapere se il caso di Novazzano sia stato un unicum. Di positivo c’è che nei mesi successivi ci sono stati maggiori controlli: "In occasione delle successive forniture alle case per anziani, è stato espressamente richiesto di determinare il numero esatto di dosi necessarie anziché procedere a delle stime, è stato fatto divieto di utilizzare eventuali fiale intere rimaste senza il consenso del farmacista cantonale e sono state date precise indicazioni scritte circa le persone a cui attribuire le dosi in esubero".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casa anziani girotondo ecam massimiliano robbiani novazzano vaccini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved