ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
45 min

Il gruppo Morbio2030 contro la diminuzione del moltiplicatore

Si tratterebbe, secondo il movimento, di una manovra che comprometterebbe le casse del Comune e di conseguenza anche le fasce di popolazione meno abbienti
Locarnese
2 ore

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
2 ore

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
2 ore

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
7 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
7 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
14 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
14 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
15 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
15 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
16 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
17.02.2022 - 20:50

‘A Riva i copertoni non li vogliamo’. Lanciata una petizione

Nel Ppd ci si fa portavoce dei timori per l’arrivo del deposito di pneumatici a Segoma. Lanciato un appello al Comune, al Gran consiglio e al Dt

a-riva-i-copertoni-non-li-vogliamo-lanciata-una-petizione
Ti-Press
Da riciclare, ma dove?

Sono bastate ventiquattro ore o su per giù. Neanche un giorno dopo la pubblicazione all’albo della domanda di costruzione, infatti, Riva San Vitale già era in fermento. La voce dell’arrivo di un deposito per la raccolta e il riciclo di pneumatici usati è corsa per il Borgo sulle rive del Ceresio, soprattutto all’interno della sezione del Ppd locale. Il gruppo politico per mano di Fabian Oehen, Abramo Civatti e Roberto Vassalli - i primi firmatari - ha già lanciato una petizione, online (sulla piattaforma change.org) e in forma cartacea, a nome delle cittadine e dei cittadini del Mendrisiotto.

Obiettivo, scongiurare l’insediamento della ditta

Il suo obiettivo è chiaro: impedire l’insediamento nel Comune, un capannone già esistente in zona Segoma, dell’attività. In realtà ad attirare l’attenzione dei promotori più del progetto in sé è la ditta stessa, che ha appena traslocato da Mendrisio a Riva, la Pm Ecorecycling, vittima di due incendi (peraltro di carattere doloso) e delle sue disavventure. Una eredità pesante, quella che si porta appresso, e che ha messo sul chi va là il drappello di abitanti. Anche il Comune, da nostre informazioni, sta seguendo da vicino il dossier e metterà in atto tutto quanto è nelle sue competenze affinché la procedura edilizia venga rispettata.

Quei ‘problemi ambientali e di sicurezza pubblica’

A preoccupare i fautori della raccolta firme, che oggi si appellano al Comune, al Gran consiglio e al Dipartimento del territorio - che tra all’altro sarà chiamato con i suoi servizi a esaminare la richiesta -, è, come si legge nel testo della petizione, "l’elevato rischio dell’attività". A testimoniarlo, agli occhi dei firmatari, sono proprio i due roghi - innescati, del resto, da mano rimasta sin qui ignota, nel dicembre del 2016 e nel dicembre del 2020 - e l’impatto che hanno avuto sul territorio. Pur usando il condizionale si evocano, insomma, gli "enormi problemi ambientali e di sicurezza pubblica" che questa presenza potrebbe "causare di nuovo".

I timori dei firmatari

"Come purtroppo ben sappiamo - ripercorrono ancora i promotori -, i due incendi di natura dolosa subiti dall’azienda a Mendrisio hanno causato grossi problemi di sicurezza pubblica e ambientali su tutto il territorio del Mendrisiotto. Infatti, tutti ci ricordiamo bene le notevoli quantità di polveri fini e sostanze irritanti nell’aria generati da questi due disastri!". Va detto che le ricadute maggiori, come rilevato dai servizi cantonali, si erano verificate nel 2016. All’epoca, nel corso della notte dell’incendio erano stati misurati valori massimi superiori a mille microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Gli effetti sono stati giudicati, per contro, più "contenuti" in concomitanza con il secondo episodio del 2020. In quella occasione, come certificato a livello cantonale, la stazione dell’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana - posta nelle vicinanze dello svincolo autostradale di Mendrisio - aveva registrato una punta di 212 microgrammi per metro cubo di Pm10.

Il dibattito è aperto

Certo quanto accaduto già a suo tempo non ha mancato di far discutere. " Sappiamo anche - ribadiscono i fautori della petizione -, che questi episodi hanno generato grande preoccupazione nella popolazione e discussione a livello politico comunale e cantonale". Un confronto che, a quanto pare, sul piano politico e pubblico non si è ancora esaurito. Prima di tirare le conclusioni, però, bisognerà lasciare che l’incarto faccia il suo corso.

Leggi anche:

I copertoni traslocano da Mendrisio a Riva San Vitale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved