ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
4 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
4 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
13 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
14 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
14 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
14 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
14 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
14 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
15 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
17.02.2022 - 20:50

‘A Riva i copertoni non li vogliamo’. Lanciata una petizione

Nel Ppd ci si fa portavoce dei timori per l’arrivo del deposito di pneumatici a Segoma. Lanciato un appello al Comune, al Gran consiglio e al Dt

a-riva-i-copertoni-non-li-vogliamo-lanciata-una-petizione
Ti-Press
Da riciclare, ma dove?

Sono bastate ventiquattro ore o su per giù. Neanche un giorno dopo la pubblicazione all’albo della domanda di costruzione, infatti, Riva San Vitale già era in fermento. La voce dell’arrivo di un deposito per la raccolta e il riciclo di pneumatici usati è corsa per il Borgo sulle rive del Ceresio, soprattutto all’interno della sezione del Ppd locale. Il gruppo politico per mano di Fabian Oehen, Abramo Civatti e Roberto Vassalli - i primi firmatari - ha già lanciato una petizione, online (sulla piattaforma change.org) e in forma cartacea, a nome delle cittadine e dei cittadini del Mendrisiotto.

Obiettivo, scongiurare l’insediamento della ditta

Il suo obiettivo è chiaro: impedire l’insediamento nel Comune, un capannone già esistente in zona Segoma, dell’attività. In realtà ad attirare l’attenzione dei promotori più del progetto in sé è la ditta stessa, che ha appena traslocato da Mendrisio a Riva, la Pm Ecorecycling, vittima di due incendi (peraltro di carattere doloso) e delle sue disavventure. Una eredità pesante, quella che si porta appresso, e che ha messo sul chi va là il drappello di abitanti. Anche il Comune, da nostre informazioni, sta seguendo da vicino il dossier e metterà in atto tutto quanto è nelle sue competenze affinché la procedura edilizia venga rispettata.

Quei ‘problemi ambientali e di sicurezza pubblica’

A preoccupare i fautori della raccolta firme, che oggi si appellano al Comune, al Gran consiglio e al Dipartimento del territorio - che tra all’altro sarà chiamato con i suoi servizi a esaminare la richiesta -, è, come si legge nel testo della petizione, "l’elevato rischio dell’attività". A testimoniarlo, agli occhi dei firmatari, sono proprio i due roghi - innescati, del resto, da mano rimasta sin qui ignota, nel dicembre del 2016 e nel dicembre del 2020 - e l’impatto che hanno avuto sul territorio. Pur usando il condizionale si evocano, insomma, gli "enormi problemi ambientali e di sicurezza pubblica" che questa presenza potrebbe "causare di nuovo".

I timori dei firmatari

"Come purtroppo ben sappiamo - ripercorrono ancora i promotori -, i due incendi di natura dolosa subiti dall’azienda a Mendrisio hanno causato grossi problemi di sicurezza pubblica e ambientali su tutto il territorio del Mendrisiotto. Infatti, tutti ci ricordiamo bene le notevoli quantità di polveri fini e sostanze irritanti nell’aria generati da questi due disastri!". Va detto che le ricadute maggiori, come rilevato dai servizi cantonali, si erano verificate nel 2016. All’epoca, nel corso della notte dell’incendio erano stati misurati valori massimi superiori a mille microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Gli effetti sono stati giudicati, per contro, più "contenuti" in concomitanza con il secondo episodio del 2020. In quella occasione, come certificato a livello cantonale, la stazione dell’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana - posta nelle vicinanze dello svincolo autostradale di Mendrisio - aveva registrato una punta di 212 microgrammi per metro cubo di Pm10.

Il dibattito è aperto

Certo quanto accaduto già a suo tempo non ha mancato di far discutere. " Sappiamo anche - ribadiscono i fautori della petizione -, che questi episodi hanno generato grande preoccupazione nella popolazione e discussione a livello politico comunale e cantonale". Un confronto che, a quanto pare, sul piano politico e pubblico non si è ancora esaurito. Prima di tirare le conclusioni, però, bisognerà lasciare che l’incarto faccia il suo corso.

Leggi anche:

I copertoni traslocano da Mendrisio a Riva San Vitale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved