alloggi-per-anziani-a-novazzano-decidono-le-urne
Ti-Press
Uno dei nodi è la scelta del luogo, accanto a Casa Girotondo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
5 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
6 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
6 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
6 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
6 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
6 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
7 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
7 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
7 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
7 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
7 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
8 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
8 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
8 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
8 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
8 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
9 ore

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
10 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
11 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
11 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
11 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
13 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
13 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
14 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
Ticino
14 ore

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Locarnese
15 ore

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
15 ore

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Mendrisiotto
19 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Luganese
19 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Ticino
1 gior

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
1 gior

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
10.02.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:18

Alloggi per anziani, a Novazzano decidono le urne

Domenica la popolazione vota sulla progettazione a Casate di una trentina di residenze per autosufficienti. Una operazione che divide

Un nome, un destino: i latini direbbero ‘nomen omen’. Ribattezzato ‘Domenica mattina’, il progetto tratteggiato in zona Casate, accanto alla casa per anziani Girotondo, con l’obiettivo di realizzare un complesso residenziale per anziani autosufficienti conoscerà la sua sorte giusto domenica prossima. Dopo mezzogiorno, chiuse le urne, si saprà infatti se ad avere la meglio saranno le istituzioni locali – il Municipio e la maggioranza del Consiglio comunale – o i referendisti. Visto sulla carta appare arduo credere che la progettazione di quella trentina di unità abitative che guarda verso la piana del Mendrisiotto abbia potuto dividere la popolazione e persino inasprire i toni del dibattito. Più di un confronto, Novazzano si è ritrovato nel bel mezzo di uno scontro. Di sicuro fin dalle prime battute si è capito che la proposta avrebbe fatto discutere. Schierate le forze politiche – dalla parte dei fautori Ppd-Gg-Verdi liberali e Plr, da quella dei contrari Sinistra e Lega –, ciascuno ha messo sul tavolo le sue motivazioni. La popolazione, chiamata a dire la sua, sa che sbilanciandosi sul progetto si pronuncerà anche su di un credito di 2 milioni e 216mila franchi, ovvero quanto occorre a completare la progettazione degli alloggi, preludio a una operazione da 18 milioni di franchi. E l’impegno finanziario è uno dei nodi che stringe alla gola il Comune. Ma non è il solo. Una cosa è certa, per riuscire a spuntarla si sono sfoderate tutte le armi a disposizione. E l’impressione è che a fronte dei 413 cittadini che hanno firmato il referendum – ne servivano 260 per convalidarlo –, questo fine settimana ogni voto avrà il suo peso. Non a caso il clima si è surriscaldato, a tal punto che il sindaco Sergio Bernasconi, da noi contattato per dare voce alle ragioni del ‘sì’, ha preferito non esprimersi e attendere il responso popolare – “per evitare si aggiungano altri commenti gratuiti” –, passando il testimone ai due Comitati in campo. Si misurano quindi in questo faccia a faccia Pierre Sandrinelli per i favorevoli e Laura Panzeri Cometta per i contrari.

I numeri della demografia parlano chiaro: la popolazione invecchia. Le stesse autorità di Novazzano indicano un aumento del 31 per cento di ultra 65enni entro il 2030. Quanto all’interesse locale è stato sondato in due occasioni. Servono delle soluzioni abitative. Il progetto alla prova del voto è una di queste. Per il Comune è la risposta giusta, per i contrari no. Esistono, però, delle alternative? E per quale motivo l’ente pubblico non può farsi promotore di una tale iniziativa?

Sandrinelli: Il progetto degli alloggi per anziani autosufficienti a Casate è da sostenere perché è indubbiamente sociale, rivolto agli anziani del nostro Comune per permettere loro di vivere in autonomia il più a lungo possibile, si allinea al modello di Curaviva Svizzera ed è stato studiato dal Municipio in collaborazione e con il supporto dei professori del Dipartimento sanità della Supsi. Importante è la sinergia che si crea con la casa medicalizzata Girotondo, che permetterà agli anziani di vivere in un ambiente il più comodo possibile ma non ancora in una casa anziani. Esperti in materia di finanza hanno chiaramente dimostrato che il progetto è sostenibile dal nostro Comune. I nuovi anziani sono sempre più attivi, più connessi e danno maggior peso alla loro autonomia. Chi oggi ha la fortuna di godere di buona salute forse sarà restio a pensare a un trasloco. La situazione però può cambiare in fretta (divorzio, decesso del coniuge, bisogno di assistenza e cure) creando la necessità di un trasloco forzato. A oggi questo trasloco, per chi è di Novazzano, è forzatamente fuori dal nostro Comune: lontano quindi dagli affetti, dai volti, dalle voci e dai profumi del proprio mondo, ciò è naturalmente causa di sofferenza e solitudine.

Panzeri Cometta: L’invecchiamento della popolazione e le sue conseguenze sociali sono temi molto importanti, sul tavolo di Confederazione e Cantoni da tempo. Ma con le statistiche è meglio andar cauti, basti pensare di quanto si sono modificati in questi ultimi 4-5 anni gli scenari demografici del Cantone, che ora prevedono una stasi, se non una diminuzione, della popolazione. Quello che noi mettiamo in discussione non è il “cosa”, cioè il benessere e il sostegno agli anziani autosufficienti di Novazzano, ma il come, il dove, il quanto e il perché! Questo progetto è per Novazzano azzardato e sovradimensionato da tutti i punti di vista. L’edificazione di 32 appartamenti, 101 parcheggi e spazi commerciali, per una cifra attorno ai 20 milioni, con ricavi annui che non andranno mai a coprire i costi oltrepassa i compiti di un ente pubblico che mette in gioco le risorse finanziarie dei suoi cittadini. Per di più è un progetto non sostenuto da uno studio preliminare interdisciplinare approfondito. Esistono alternative meno costose e più efficaci, attraverso l’adozione di una politica comunale di sostegno agli anziani al loro (vero) domicilio. Una politica che integra la strategia cantonale di sostegno alla terza età e risponde proprio all’invecchiamento della popolazione in forme flessibili di presa a carico degli anziani nell’assistenza al domicilio (ad esempio con contributi per l’eliminazione di barriere architettoniche e l’acquisto di mezzi ausiliari). Quante più persone anziane potremmo aiutare in questo modo, rispondendo subito e puntualmente alle singole esigenze?

Il vero punto di rottura tra sostenitori e avversari della proposta sembra essere la collocazione scelta: un terreno di 9mila metri quadri a verde a Casate, acquistato nel 1988 per 1,6 milioni. Per quale motivo è il luogo giusto e per quale ragione non lo è?

Sandrinelli: La costruzione sul terreno adiacente alla casa medicalizzata permette di realizzare le sinergie con essa e con il centro Atte; i vantaggi di cui la stessa casa anziani e i suoi ospiti beneficerebbero (spostamento dei posteggi attuali e creazione di un giardino terapeutico), l’ottimizzazione dei servizi già esistenti (cucina, lavanderia…), la possibile predisposizione della domotica, sono stati tutti elementi che ci hanno convinti sulla buona riuscita del progetto. È un progetto anche architettonicamente di grande qualità, che valorizza gli spazi verdi e che può essere realizzato in legno, materiale ecologico e rinnovabile.

Panzeri Cometta: La collocazione del progetto non è il punto di rottura, ma è evidente che questa appare critica dal punto di vista ambientale. Il terreno a Casate è una delle ultime aree verdi di queste dimensioni ancora non edificate di proprietà pubblica: il Municipio dovrebbe dare il buon esempio tutelandolo, non distruggendolo! Chiediamo che il Comune si adoperi per preservare la qualità dell’ambiente. Sarebbe anche un modo per allinearsi alle direttive cantonali e federali contro un’insostenibile cementificazione e per un uso parsimonioso del suolo. A Novazzano sono state compiute diverse operazioni immobiliari di carattere speculativo e altre sono in procinto di essere realizzate. Si continua a costruire (basti osservare la parte del paese verso Chiasso), mentre il numero di appartamenti sfitti a Novazzano, come nel resto del Mendrisiotto, è altissimo: la sostenibilità e la qualità di vita degli abitanti di un comune non passano di certo dalla costruzione di nuovi edifici.

Nel dibattito i referendisti spostano l’attenzione su un’altra zona del territorio comunale, il nucleo, a pochi passi dalla casa comunale. A loro dire gli alloggi per gli anziani del paese potrebbero inserirsi lì, dove si rivendica maggiore attenzione e tutela. È fattibile una tale soluzione?

Sandrinelli: La realizzazione di tale struttura in centro paese, proposta alcuni mesi fa dai referendisti, ma poi abbandonata anche da loro, non è realistica. L’immobile è di proprietà di un privato, il quale non ha mai espresso le sue condizioni di vendita e con ingenti costi di ristrutturazione; deve essere modificato il Piano regolatore, procedura che durerà parecchi anni; deve essere risolta la problematica accesso e parcheggi, e lascerebbe comunque la struttura senza verde per gli ospiti. A Casate per contro, il terreno è già di proprietà del Comune, integralmente pagato e ammortizzato. Nessuno mai sino al referendum ha contestato l’ubicazione di Casate.

Panzeri Cometta: Mai il comitato contrario all’edificazione delle palazzine, continuiamo a ripeterlo, ha posto sul piatto della bilancia il centro paese come alternativa a Casate: semplicemente perché il progetto in votazione è assolutamente sovradimensionato e socialmente inefficace. È chiaro che il nucleo rimane un problema aperto ed è vero che a livello personale, un anno fa durante la discussione in Consiglio comunale, con altri colleghi sollecitavo il Municipio a prendere contatto con il proprietario per valutare alternative di collaborazione tra pubblico e privato volte al recupero degli edifici, oggi in uno stato indecoroso. È un tema complesso che merita di essere affrontato su basi nuove e solide.

Manifesti, un serie di prese di posizione e non poche bordate. Oltre ad attacchi (anche personali) stigmatizzati da Municipio e presidente del Consiglio comunale. Giusto appassionarsi al tema e confrontarsi in modo aperto, ma qui non si è andati un po’ oltre? Al di là del risultato che uscirà domenica dalle urne, Novazzano da dove può cominciare a ricucire lo strappo?

Sandrinelli: Penso che la gente, il sottoscritto in primis, sia davvero stufa di questa situazione. In queste ultime settimane abbiamo fatto parlare troppo di Novazzano e non per quanto di buono fatto in tutti questi anni. Passare per un paese di litigiosi mi rattrista anche perché in genere non è proprio così. Da quando faccio parte del Consiglio comunale (2016) posso dire che c’è sempre stata molta collaborazione fra i vari partiti all’interno delle istituzioni comunali. Da parte del Comitato SIamo Novazzano i toni sono sempre stati corretti e cortesi, cosa che ahimè è per contro mancata ai referendisti. Si è persa un’ottima occasione di confrontarsi serenamente e valutare a fondo le varie opzioni per creare qualcosa di bello, utile e che possa rispondere alle esigenze del paese. Si è invece creato un muro che non ha dato spazio a nessun tipo di dialogo. Il Comitato SIamo Novazzano si augura che questo clima di sfiducia verso le nostre autorità comunali, più volte espresso, ma non nelle sedi appropriate, possa concludersi dopo la votazione e che le stesse possano riprendere a lavorare serenamente come sino a ora fatto nell’interesse dei cittadini.

Panzeri Cometta: In queste ultime settimane abbiamo assistito a uno scambio di vedute sempre più duro. Da entrambi i fronti sono partiti interventi sopra le righe e con toni talvolta inaccettabili. Il Comitato si è distanziato da questi atteggiamenti (v. L’informatore) e si è sempre attenuto a un’argomentazione seria, sostenuta da dati e improntata alla ragionevolezza. Qualunque sia l’esito della votazione, lunedì mattina Novazzano si risveglierà con le sue sfide e i suoi problemi ed è indubbio che da parte nostra continueremo come sempre a lavorare e collaborare per il bene comune, soprattutto nel rispetto di chi ci ha affidato questo ruolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alloggi anziani laura panzeri cometta novazzano pierre sandrinelli referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved