soldi-della-ndrangheta-altro-ricorso-secondo-rinvio
Ti-Press
La vicenda ha lasciato il segno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 min

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
43 min

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
56 min

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
1 ora

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
2 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
2 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
2 ore

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
2 ore

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
2 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
3 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
Luganese
3 ore

E la Coop di Breganzona sarà ampliata e rinnovata

Inoltrata la domanda di costruzione alla Città di Lugano. La ristrutturazione sarà conclusa entro la prossima primavera. Sul tetto impianto fotovoltaico
Locarnese
4 ore

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
4 ore

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
4 ore

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
5 ore

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federali di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
5 ore

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-Covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
03.02.2022 - 19:31
Aggiornamento: 22:30

Soldi della ’ndrangheta: altro ricorso, secondo rinvio

Sulla confisca del palazzo di Chiasso il Tribunale federale dà ragione al fratello dei componenti della cosca. Ci sarà un nuovo giudizio

Il palazzo dirimpetto alla stazione di Chiasso è entrato (suo malgrado) nella storia. E di sicuro resterà come memento per la gente della regione che nel 2017 ha scoperto di dover fare i conti, anche da queste parti, con l’onda lunga della criminalità organizzata. Transazione immobiliare (dello stabile) e movimenti di denaro sono avvenuti senza che nessuno se ne avvedesse o sospettasse qualcosa. Neppure l’ex fiduciario della cittadina, Oliver Camponovo, rimasto invischiato nella vicenda – che nel dicembre dello stesso anno l’ha portato davanti alla Corte del Tribunale penale federale (presidente il giudice Giuseppe Muschietti, a latere i colleghi Giorgio Bomio e Claudia Solcà), nel solco di una operazione condotta dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica italiana –, poteva o doveva conoscere l’origine dei soldi passati per il suo ufficio. Su questo punto il Tribunale federale oggi fa chiarezza: “Non sussistono elementi sufficienti” per ritenere che il professionista abbia consapevolmente dato una mano a ‘sbiancare’ quei fondi. Insomma, nessun dolo, quindi nessun reato di riciclaggio (tanto più aggravato). Ciò che ha portato, nel merito, all’assoluzione.

Altro verdetto, altro rinvio

Questione chiusa? Non proprio, e non solo perché per alcuni reati minori il consulente – 42enne nel 2017 e già municipale a Chiasso – dovrà ripresentarsi a giudizio. C’è un altro personaggio della faccenda che ha bussato alle porte dell’Alta corte di Losanna. Si tratta di quel Domenico Martino, fratello (seppur in posizione subordinata) dei componenti della ‘famiglia’ affiliata alla cosca Libri-De Stefano-Tegano che ha attirato l’attenzione delle autorità antimafia. Nei suoi confronti il Ministero penale federale ha decretato un non luogo a procedere; per lui – patrocinato dall’avvocato Tuto Rossi – il nodo è rappresentato semmai dai beni di cui si è decretata la confisca al termine del procedimento. Beni su cui, lui – approdato nel Mendrisiotto e titolare di un permesso di dimora B ottenuto con documentazione di facciata – rivendica di poter dire la sua e tra i quali figura proprio lo stabile di via Motta di cui risultava essere proprietario al 50 per cento, assieme allo stesso fiduciario (per il 10 per cento) e a quel Franco Longo (per l’altro 40), riconosciuto (a sentenza) l’uomo della ’ndrangheta da questa parte del confine (tanto da essere condannato, senza appello, a 5 anni e mezzo).

Il diritto di essere sentito

In effetti, in un verdetto pronunciato sempre il 13 gennaio scorso i giudici di Mon Repos hanno dato ragione a Martino, accogliendo il suo ricorso e rimettendo l’incarto nelle mani della Corte penale del Tribunale penale federale di Bellinzona per nuovo giudizio. In buona sostanza andava convocato e ascoltato in occasione del dibattimento. Che cosa sia il diritto di essere sentito lo ricorda lo stesso Tribunale federale. Garantito dall’articolo 29 della Costituzione federale, articolo per l’appunto sulle garanzie procedurali generali, e sancito dall’articolo 107 del Codice di procedura penale, il diritto di essere sentito, scrivono i giudici di Mon Repos, “assicura alle parti la facoltà di esprimersi prima che sia presa una decisione che le tocca nella loro situazione giuridica e comprende il diritto di consultare gli atti, di offrire mezzi di prova su punti rilevanti e di partecipare alla loro assunzione o perlomeno di potersi esprimere sui risultati”.

Palazzo confiscato, se ne riparla

Il ricorrente, si afferma ancora nella sentenza, “non ha partecipato al dibattimento e non ha presentato richieste scritte, malgrado avesse per legge la possibilità di farlo in quanto terzo aggravato da un sequestro nell’ottica di una possibile confisca. Non risulta tuttavia che sia stato invitato a prendere parte al dibattimento”. Contrariamente a quanto sostiene il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc), prosegue il Tf, “non spettava certo a lui manifestarsi sua sponte per far valere i propri diritti, bensì all’autorità penale procedere agli incombenti previsti dal Codice di procedura penale, ciò su cui egli poteva e doveva confidare”. Del resto “lo stesso Tribunale penale federale riconosce che il diritto di essere sentito ‘non è stato reso operante per ciò che attiene al ricorrente’”. Insomma, annota il Tribunale federale, “nel pronunciare la confisca dei beni dell’insorgente, ignorando la sua veste di terzo aggravato da atti procedurali, il Tpf ha pertanto violato il suo diritto di essere sentito”. Ergo: “Dal momento che non è data l’impossibilità di pronunciare la confisca, come preteso (dal ricorrente, ndr), si giustifica di rinviare la causa al Tpf affinché si ripronunci sulla misura dopo aver accordato al ricorrente la facoltà di esercitare il suo diritto di essere sentito”.

Osserva l’avvocato Tuto Rossi, da noi contattato: «Domenico Martino, indipendentemente da quello che si può pensare su di lui, e comunque cittadino incensurato in Svizzera, ha il diritto di essere giudicato nel pieno rispetto dei diritti procedurali della difesa e fra questi diritti c’è quello di essere sentito e il diritto di non subire misure coercitive, come la confisca dei beni, senza la possibilità di fare ricorso».

Lo scenario non cambia

Chiariti i termini giuridici e rimesse in discussione alcune delle conclusioni della Corte del Tribunale penale federale, non cambia lo scenario di fondo nel quale si muovono i diversi protagonisti. “In concreto – conferma il Tf –, l‘esistenza di crimini commessi da un’organizzazione criminale è appurata dalle sentenze italiane emanate nei confronti dei membri della stessa. Trattasi di ‘traffici di droga di ingentissima consistenza, necessariamente correlati a ingentissimi illeciti guadagni’, ovvero di reati che costituiscono dei crimini secondo il diritto svizzero”. A essere accertata è altresì “la riconduzione dei valori patrimoniali del conto – bancario e cifrato, ndr – ai predetti, come pure l’assenza di loro fonti legali di reddito”.

Leggi anche:

L’ex fiduciario non sapeva dei soldi della ’ndrangheta

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
'ndrangheta chiasso sentenza tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved