l-ex-fiduciario-non-sapeva-dei-soldi-della-ndrangheta
Ti-Press
Caduta l’accusa più pesante
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
5 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
10 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
19 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
20 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
20 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
20 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
31.01.2022 - 18:00
Aggiornamento : 19:36

L’ex fiduciario non sapeva dei soldi della ’ndrangheta

Il Tribunale federale ha assolto il professionista chiassese dal reato di riciclaggio. In prima istanza, nel 2017, era stato condannato a 3 anni

Dalla colpa all’assoluzione. A oltre quattro anni di distanza dal verdetto pronunciato a Bellinzona dalla Corte del Tribunale penale federale, il Tribunale federale (Tf) ha ribaltato la sentenza, prosciogliendo l’ex fiduciario chiassese – e già municipale della cittadina – Oliver Camponovo dal reato di riciclaggio. Una decisione, quella pronunciata dall’Alta Corte di Losanna il 13 gennaio scorso, che allontana, quindi, in via definitiva l’ombra della ’ndrangheta dal professionista ticinese. Ombra che l’aveva accompagnato negli anni dell’inchiesta e poi sino all’aula penale, alla fine del 2017. Lì dove era stato condannato a 3 anni (con sei mesi da espiare). A sedere con lui al banco degli imputati, all’epoca, c’era anche Franco Longo – che si era visto infliggere una pena di 5 anni e mezzo –, additato come l’uomo di fiducia del clan Martino in Svizzera.

È stato lo stesso Oliver Camponovo in queste ore a diffondere la notizia. Un’e-mail, una decina di righe per chiudere in via definitiva una vicenda che si è trascinata per parecchio tempo, tanto da veder riconoscere al Tf, si fa sapere, la violazione del principio di celerità. Ciò che più conta, però, agli occhi di colui che, il 29 dicembre del 2017, ha lasciato l’aula da colpevole, è una sola parola: “Assolto”. Per i giudici, in effetti, sono cadute le accuse che lo chiamavano a rispondere di riciclaggio di denaro, aggravato. Se in prima istanza l’ex fiduciario era stato considerato l’intermediario della cosca sulla piazza ticinese, ovvero colui che aveva accompagnato Longo nelle diverse operazioni finanziarie, tra cui l’acquisto di un palazzo nel centro di Chiasso; per l’Alta Corte risulta essere estraneo a quei fatti. Come si legge nell’e-mail, “non doveva e non poteva sospettare in alcun modo di un’eventuale origine criminosa dei mezzi finanziari che al tempo erano stati oggetto dell’imputazione per riciclaggio”. Quanto basta per accogliere il ricorso di Camponovo, in aula difeso dall’avvocato Mario Postizzi.

A questo punto l’incarto torna alla Corte del Tribunale penale federale. L’ex fiduciario sarà giudicato, di nuovo, ma per ipotesi di reato minori. Ipotesi per le quali si evoca, una volta di più, il principio della presunzione di innocenza. In prima istanza Camponovo aveva contestato in toto i capi di imputazione che gli venivano mossi, ammettendo un’unica mancanza professionale, per la quale si era autodenunciato: dei “comportamenti (fiscali) scorretti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
'ndrangheta assolto franco longo oliver camponovo riciclaggio tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved