mascherina-a-scuola-a-chiasso-il-ppd-invoca-piu-flessibilita
Ti-Press
Un disagio che si cerca di attutire
12.01.2022 - 18:000
Aggiornamento : 19:00

Mascherina a scuola: a Chiasso il Ppd invoca più flessibilità

Un’interrogazione chiede di valutare un purificatore dell’aria, come anche degli ‘strappi alla regola’ come la possibilità di toglierla a ricreazione

Perché i bambini delle scuole elementari di Chiasso devono portare la mascherina anche a ricreazione e quelli di, per esempio, Stabio, Mendrisio o Morbio no? Parte da questa disparità di trattamento la riflessione dei consiglieri comunali Davide De Donatis e Patricia Wasser (Ppd), che in un’interrogazione chiedono al Municipio di introdurre più flessibilità.

Oltre a revocare questo obbligo, di competenza cantonale a differenza dell’obbligo di indossarla durante le lezioni che è stato stabilito dal Consiglio di Stato, gli interroganti domandano anche che l’utilizzo della mascherina “sia regolato con dei momenti in cui i bambini possano, magari a turno, o al bisogno essere lasciati senza mascherina”. E poi, si chiede di: valutare l’acquisto di mascherine di stoffa lavabili, certificate, ecologicamente sostenibili; qualora questo non fosse possibile che siano quantomeno cambiate più spesso come da indicazione dell’Ufficio federale di sanità pubblica; trovare soluzioni (come distanziamento e attività all’aperto) durante le ore di educazione fisica per evitare di indossarla; valutare l’acquisto di un purificatore dell’aria.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved