piazzale-alla-valle-mendrisio-vuol-modificare-l-arredo-urbano
ULTIME NOTIZIE Cantone
gallery
Mendrisiotto
12 min

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato.
Ticino
1 ora

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
14 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
16 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
16 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
17 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
17 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
17 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
17 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
18 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
19 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
19 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
20 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
21 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
laR
 
27.12.2021 - 21:25
Aggiornamento : 16.02.2022 - 16:11

Piazzale alla Valle, Mendrisio vuol modificare l’arredo urbano

Domanda di costruzione per ridurre il numero di piante: ne saranno soppresse 4 delle 9. L’ufficio tecnico: soluzione concertata a lungo con Botta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Piazzale alla Valle: la città di Mendrisio, a lavori di lifting in corso e approvati (sono iniziati lo scorso agosto e proseguiranno fino alla prossima estate) ha presentato una domanda di costruzione per modificare l’arredo urbano dell’ampia superficie, estesa su un’area di 6 mila 252 metri quadrati. L’intervento, in estrema sintesi, riguarda il dimezzamento del numero di piante: 4 delle 9, salvo opposizioni - la domanda di costruzione rimarrà in pubblicazione fino al 17 gennaio 2022.

‘Ci siamo accorti che le 9 vasche sono un problema’

L’architetto dell’Ufficio tecnico comunale, Giuseppe Frasca, da noi interpellato, illustra i contenuti della modifica: «Ci siamo accorti che le 9 vasche sono un problema perché perdono acqua - la loro costruzione risale a 25 anni fa e rappresentano a tutti gli effetti una piscina impermeabile di due metri di diametro. Avremmo potuto decidere - a parte i costi non indifferenti - di rifare tutte e 9 le vasche, con l’incognita di sapere come si svilupperanno in futuro le radici di queste piante. Così abbiamo deciso di lasciare una pianta sì e una no e ridurle così a 5, ma invece del carpino si procederà alla loro sostituzione con alberi più folti, per migliorare l’ampiezza dell’ombra. Un’altra criticità che abbiamo osservato, tuttavia, è che comunque le attuali piante generano ombra sui commerci retrostanti e che la presenza di questi alberi è di ostacolo per la posa di tavolini». Di qui dunque il dimezzamento del numero di piante all‘interno di Piazzale alla Valle. Ancora l’architetto Frasca: «Al posto delle quattro piante si procederà a una pavimentazione più pregiata: invece del ‘dado’ si opterà per una superficie liscia - e inoltre le quattro panchine saranno sostituite, perché le attuali, a forma circolare, obbligano praticamente chi vi si siede a stare da un solo lato, così se ne poseranno di ’classiche’, più sociali».

L’arredo urbano è a firma dell’architetto Mario Botta, progettista dei lavori di lifting e dell’opera. «È stato un percorso lungo, con diverse proposte, per giungere a questa soluzione» - spiega l’architetto dell’Ufficio tecnico comunale. Che ribadisce e precisa le tempistiche dei lavori in corso, avviati ad agosto: «Abbiamo già eseguito e ultimato il 30% delle opere. Entro il giugno-luglio dell’anno prossimo i lavori saranno completati. Prima la pavimentazione era in “gnais ticinese” con all’interno del porfido rosso. E ora la sostituzione della pavimentazione sarà tutta con gnais ticinese, un “cugino” del granito, proveniente dalle nostre cave». Ma all’origine delle infiltrazioni d’acqua che hanno richiesto i lavori di lifting, quali sono state le cause? «Le piante sono una minima parte dell’infiltrazione. All’interno delle vasche, oltre alle piante, bisogna considerare la presenza dell’elettricità, lo scarico, l’irrigazione, tanti fattori e tante cose che con il tempo sono divenute vetuste». La modifica dell’arredo urbano sarà dunque tesa a rendere tutto un po’ più snello? «Assolutamente. Tutte le infrastrutture e ciò che potevano causare nuove infiltrazioni le abbiamo eliminate. Resteranno solo le piante».

Per gli interventi di manutenzione straordinaria al Piazzale alla Valle, di proprietà del Comune, il Consiglio comunale di Mendrisio lo scorso anno ha approvato una richiesta di credito di 3,8 milioni di franchi. Il messaggio municipale (numero 142) ha evidenziato come il complesso edilizio (fino a qualche anno fa, d’estate ospitava le serate inaugurali di Estival Jazz) sia stato edificato un quarto di secolo fa e nel tempo sia divenuto un importante luogo di aggregazione, con attività commerciali, di ristorazione e vi si organizzano regolarmente manifestazioni di richiamo non solo comunale, bensì regionale. La conclusione dei lavori - in questi mesi indubbiamente un ostacolo, persino una “gimcana“ per chi intende attraversare la piazza - è molto attesa dalla popolazione. "Il tempo e la tecnica impiantistica utilizzata 25 anni fa sono le principali cause del degrado maggiore e forse anche meno appariscente: infiltrazioni in aumento, pavimentazioni rovinate, impiantistica e gestione della stessa obsoleta, verniciature o parti metalliche usurate, illuminazione poco performante e dispendiosa, ecc.”. Insomma, quanto basta a giustificare un deciso intervento. Il credito d’investimento servirà - si sottolinea nel messaggio municipale approvato - "a intervenire sulla parte aperta al pubblico riportando alcuni elementi allo stato originale e adeguandoli allo stato dell’arte attuale con un intervento radicale e deciso alfine di evitare che un ulteriore degrado possa incidere su altri elementi costruttivi”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arredo urbano botta lavori mendrisio piazzale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved