l-insubria-al-lavoro-per-connettere-i-suoi-parchi-naturali
Archivio Ti-Press
Il parco Gole della Breggia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
9 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
10 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
10 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
10 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
10 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
10 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
10 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
11 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
12 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
12 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
12 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
12 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
laR
 
09.12.2021 - 05:30
Aggiornamento : 07:23

L’Insubria al lavoro per connettere i suoi parchi naturali

Il progetto si chiama ‘Insubriaparks’ e coinvolge due aree verdi momò. ‘Coinvolti anche Supsi e Politecnico di Milano con ruoli complementari’.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Passeggiare immersi nel verde, in cerca di pace e tranquillità. Boschi e colline sono tra le principali attrazione del Mendrisiotto. Luoghi apprezzati dai turisti e frequentati assiduamente anche da chi vive nella regione. Queste aree sono spesso anche zone di contatto tra il territorio italiano e quello elvetico. Proprio da questa vicinanza è nata la volontà di sviluppare il progetto ‘Insubriaparks’, per promuovere e gestire i parchi in rete. «L’idea è nata un po’ sulla spinta dei parchi italiani, che hanno esperienze diverse di collaborazione con il Ticino», spiega la direttrice di Mendrisiotto Turismo Nadia Fontana-Lupi. «In particolare è stato il parco regionale Spina Verde il primo a muoversi. I suoi boschi confinano infatti con Chiasso e camminando all’interno del parco si passa da una parte all’altro del confine quasi senza accorgersi. È per questo motivo che una collaborazione è quasi una conseguenza naturale». Il progetto prevede di mettere in rete tra loro cinque diversi parchi, due dei quali momò: il parco Gole della Breggia e il parco del Penz. La presentazione dei risultati della prima fase di lavori è avvenuta la scorsa settimana a Como. Un secondo aggiornamento è invece previsto per il mese di aprile in Ticino. A essere coinvolti sono nove diversi attori, che avranno tempo fino a luglio 2022 (con proroga di massimo tre mesi) per raggiungere gli obiettivi prefissati. Un ruolo importante sarà quello ricoperto dalla Supsi di Mendrisio e dal Politecnico di Milano. A loro è infatti stato affidato il compito di sviluppare gli strumenti per permettere di creare un legame tra utenti e gestori dei parchi.

‘Mappe interattive e sentieri geolocalizzati’

Nello specifico i due istituti, che stanno svolgendo mansioni complementari, si stanno muovendo su diversi fronti. Tra questi: poter scegliere quale esperienza vivere con una descrizione dettagliata e interattiva delle varie passeggiate e tutta una serie di sentieri geolocalizzati. «La Supsi si sta occupando nelle specifico di programmi per aiutare la gestione del territorio. Gli utenti avranno inoltre la possibilità segnalare eventuali problematiche lungo i tracciati, così da poter pianificare tempestivamente gli interventi», prosegue la direttrice. A questo si aggiunge un sistema di monitoraggio dei flussi turistici basato sulle tecnologie ‘internet of things e machine learning’ e la raccolta di dati tridimensionali con laser scanner e droni. Lo scopo è anche l’ottimizzazione delle risorse. Una prima visione era stata messa nero su bianco già nei mesi precedenti alla pandemia, ma i lavori veri e proprio sono iniziati durante la fase del confinamento. Un periodo, spiegano i promotori, “che ha fatto crescere in maniera esponenziale la frequentazione delle aree verdi protette da parte dei cittadini alla ricerca di esperienze sicure all’aria aperta”. A finanziare questo progetto interregionale, nel quale vengono coinvolti un centinaio di collaboratori, sono l’Unione europea (tramite il fondo europeo di sviluppo regionale), lo Stato italiano e la Confederazione svizzera. L’investimento è di quelli sostanziosi: oltre 1 milione e mezzo di euro per la parte italiana, che tocca sia la provincia di Como che quella di Varese, e circa 450mila franchi per quella elvetica.

‘Parchi diversi e unici’

Per il Mendrisiotto, come detto, saranno il parco Gole della Breggia e il parco del Penz le due aree coinvolte. «Le proporzioni delle diverse zone sono molto differenti. Nella nostra regione il parco della Breggia è piuttosto piccolo rispetto agli altri, come anche quello del Penz. Al loro interno però possiamo trovare degli elementi unici come gli affioramenti geologici o peculiarità storico architettoniche», conclude Nadia Fontana-Lupi. In totale i cinque parchi, unendo le forze, possono contare su circa 200 punti d’interesse paesaggistico e culturale, che si dividono tra panorami naturalistici, siti archeologici e architettonici. Oltre 300, infine, in chilometri d’itinerari previsti. Sul versante italiano, oltre al parco regionale Spina Verde, sono coinvolti in ‘Insubriaparks’ anche il parco Pineta, che rappresenta un esempio unico di pineta pedemontana, e il parco regionale Campo dei fiori, che può contare sul complesso del Sacro Monte (considerato patrimonio dell’Unesco) e diverse ville in stile liberty.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
‘insubriaparks breggia nadia fontana-lupi parchi penz supsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved