fece-entrare-illegalmente-stranieri-in-svizzera-condannato
Ti-Press
Confini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
2 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
2 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
3 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
4 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
5 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
5 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
6 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
6 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
02.12.2021 - 16:28

Fece entrare illegalmente stranieri in Svizzera, condannato

Quattro mesi sospesi a un cittadino iracheno alle Correzionali di Mendrisio. Auto a otto posti, incassò 800 euro per passeggero

Alla guida della sua auto di alta cilindrata a otto posti ha trasportato stranieri senza documenti validi dall’Italia alla Svizzera consentendo loro di varcare illegalmente il confine: una coppia irachena con due figli, un altro connazionale e una cittadina siriana. Salvo poi farsi arrestare, poco dopo la frontiera, a Genestrerio. Lui, iracheno 41enne, richiedente l’asilo con permesso C, domiciliato a Neuchâtel, ha ammesso l’episodio avvenuto lo scorso 21 gennaio, ma non di aver agito per denaro, bensì «per cuore». Un’attenuante, questa, alla quale la Corte delle Assise correzionali di Mendrisio non ha creduto, pronunciando nei suoi confronti una pena di 4 mesi di detenzione, posti al beneficio della sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni. La giudice Francesca Verda Chiocchetti ha invece prosciolto l’imputato, in virtù del principio ‘in dubio pro reo’, per altri trasporti attinenti a un imprecisato numero di stranieri senza documenti che sarebbero avvenuti alla fine del 2020.

Incitazione all’entrata, alla partenza o al soggiorno illegale

Per la Corte il 41enne ha agito a scopo di lucro. «Non ha preso coscienza del suo agire illecito. Non ha imparato nulla dalle precedenti pene, ridimensionando il suo agire». La Corte ha intanto disposto il dissequestro dell’auto usata per il trasporto. La giudice ha rinunciato a pronunciare l’espulsione dell’imputato dalla Svizzera, ma lo ha ammonito:se dovesse ricadere in un qualsiasi altro reato sarà decretato l’allontanamento.

Perché lo ha fatto?, ha chiesto la giudice, Francesca Verda Chiocchetti, durante l’istruttoria processuale. «Ero andato a trovare mia sorella vicino a Milano, dove avevo incontrato queste persone che mi avevano chiesto di accompagnarle in auto a Zurigo e che poi a Basilea, vicino alla dogana con la Germania, sarebbero venuti a prenderli dei loro parenti. Non li conoscevo». Ha ricevuto compensi per questo? «No». Ma la giudice ha prospettato quanto hanno dichiarato in interrogatorio le persone trasportate, interrogatorio dal quale è emerso chiaramente come il trasporto fosse già pattuito e che il 41enne è stato indicato come passatore, tanto che il gruppo di persone ha dovuto pagare 800 euro a testa. L’imputato non ha mai avuto un lavoro fisso. Era in assistenza e ha dichiarato di avere per i prossimi giorni un impiego in una ditta per l’asfaltatura di strade.

Il 41enne ha alle spalle due precedenti condanne: una pena pecuniaria per prestazioni sociali ottenute in maniera illecita: aveva svolto un commercio illecito di un’auto con sua moglie, conseguendo un guadagno di 11mila franchi; e nell’ottobre 2019, sempre a Neuchâtel, era stato condannato per aver fatto guidare la sua auto priva di targhe a una terza persona, costatagli una pena pecuniaria di 10 aliquote, che la Corte ha comunque deciso di non revocare. Titolare dell’inchiesta, il procuratore pubblico Pablo Fäh che tuttavia non ha presenziato al processo, una sua facoltà dal momento che la pena proposta nel decreto d’accusa dal magistrato – 120 aliquote – è inferiore a un anno di detenzione. L’avvocato d’ufficio, Marcello Baggi, si è visto confermare le proprie richieste formulate durante l’arringa difensiva: aveva evidenziato che l’episodio di aiuto all’ingresso illegale è avvenuto in un solo episodio lo scorso 21 gennaio e aveva chiesto alla Corte di rinunciare all’espulsione del proprio assistito, richieste assecondate dalla presidente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
correzionali incitazione mendrisio soggiorno illegale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved