ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
20 min

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
7 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
7 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
10 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
17 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
17 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
08.12.2021 - 16:49
Aggiornamento: 17:23

Un polo della moda a Chiasso: ‘Quali sono però gli sbocchi?’

Mps-Pop-Indipendenti sollevano dei dubbi sulle possibilità di collocare i giovani formati. Interrogato il governo

un-polo-della-moda-a-chiasso-quali-sono-pero-gli-sbocchi
Ti-Press
Ci sono idee per l’intero comparto

Chiasso ci crede fin dal primo momento. Diventare un ‘polo della moda’ per il Ticino (e non solo) rappresenta una sfida importante oltre che un investimento notevole – si parla di 53 milioni di franchi – e apre la porta alla riqualifica di un comparto a due passi dalla stazione ferroviaria. Non a caso i progetti presentati al concorso (incluso quello vincente, ribattezzato ‘Cerniera’) sono stati in mostra allo Spazio Officina. Per Mps-Pop-Indipendenti occorre, però, andare al di là dell’entusiasmo per questa operazione imponente, mettendo sulla bilancia dei pro e dei contro anche gli sbocchi possibili che la Scuola – riunite sotto la stesso tetto la Scuola d’arti e mestieri di sartoria e la Scuola specializzata superiore di abbigliamento e design della moda oggi a Viganello – potrà avere sul mercato del lavoro. I numeri messi in fila dal gruppo per voce del primo firmatario di un’interpellanza, Matteo Pronzini, non restituiscono una diagnosi troppo favorevole.

‘La Moda non è più promettente’

In effetti, si fa memoria nell’atto parlamentare, quando si è deciso di costruire una nuova sede per l’istituto – peraltro l’iter è stato lungo e a tratti travagliato –, si descriveva il mondo della moda “come un settore promettente su cui puntare per lo sviluppo economico futuro del cantone”. Poi alcuni parametri sono cambiati: prima si è registrato l’addio di Luxury Goods International, poi “altre imprese del settore sono partite o ridimensionate e la candidatura ticinese di un polo della Moda e della Logistica per il Parco nazionale dell’innovazione è stata scartata definitivamente”. A questo punto per Mps-Pop-Indipendenti si fa largo un interrogativo: quali reali chance hanno i giovani che si formano in questo ambito in Ticino?

“Le ‘effettive esigenze del mercato’ non sembrano essere molto elevate per quanto riguarda la formazione dei dipendenti del settore tessile, almeno stando alla pubblicazione ‘I comparti economici’ dell’Ustat, edizione 2019”. E qui il gruppo sciorina i numeri degli analisti: il 71,2 per cento dei salariati nel comparto della fabbricazione di tessili ha un diploma di livello primario; solo il 2,5 per cento si suddivide tra chi possiede una formazione professionale superiore e una universitaria. Pronzini con i suoi cofirmatari va al sodo: “Visto che i posti di lavoro a tempo pieno nel comparto erano circa 2’000, solo 50 Etp (l’equivalente a tempo pieno, ndr) sono destinati a chi ha una formazione professionale superiore o universitaria. Pochino”. In più, si fa notare, “a partire dal 2015 sembra essere in atto una marcata perdita di posti di lavoro nel settore”.

Ma c’è dell’altro: l’Ustat, si fa riferimento, rende evidente come “il salario mediano lordo standardizzato del comparto nel 2016 è di 3’331 franchi mensili, valore molto inferiore a quello del settore secondario ticinese”. E le verifiche del gruppo hanno mostrato che le cose negli anni successivi non sono migliorate, tanto da affermare che si tratta del “salario mediano più basso di tutti i rami economici in Ticino. Non sorprende, quindi, che due terzi dei dipendenti del comparto fabbricazione di tessili e abbigliamento provengano da oltrefrontiera”.

‘Aggiorniamo le cifre’

Giunti sin qui per Mps-Pop-Indipendenti sarebbe bene aggiornare le cifre per ‘pesare’ bene le opportunità del settore, cominciando dai dati dell’Ustat sui posti di lavoro. Serve altresì avere elementi recenti sulla struttura della manodopera secondo il grado di formazione; e capire “quanti sono esattamente i posti di lavoro per chi ha una formazione professionale superiore o universitaria e quali sono le retribuzioni mediane”. Inoltre, “quanti ragazzi hanno concluso la formazione alla Scuola d’arti e mestieri di sartoria e la Scuola specializzata superiore di abbigliamento e design della moda dal 2015?”. E quanti di loro hanno “trovato impiego nel settore in Ticino? Quali sono le retribuzioni?”.

Il gruppo, però, vuole pure conoscere il numero di apprendisti che vengono formati nelle aziende del comparto, quanti vengono occupati e a quali condizioni. E quali sono le opportunità offerte agli studenti di Viganello? Ma soprattutto, “a quanto stima il Consiglio di Stato la disponibilità di posti di lavoro nel 2027-28 quando la scuola di Chiasso inizierà le lezioni?”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved