ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
7 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
7 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
7 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
7 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
7 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
8 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
8 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
8 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
8 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
9 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
20.11.2021 - 18:27

Si è pronti ad ampliare la Pinacoteca Züst a Rancate

Depositata la variante di Piano regolatore che dà forma alle intenzioni e mette in cantiere un autosilo e la riqualifica di piazza Santo Stefano

si-e-pronti-ad-ampliare-la-pinacoteca-z-st-a-rancate
Dei lavori si farà carico il Cantone (Ti-Press)

Dopo anni di analisi e valutazioni si è pronti a mettere mano alle esigenze di spazio della Pinacoteca Züst a Rancate. Le basi a livello cantonale erano state poste, peraltro, nella primavera del 2019 iscrivendo l’intervento fra sedici progetti da pianificare, sul tavolo un credito quadro globale di 60 milioni. Oggi forte di uno studio di fattibilità – allestito nel 2016 e consolidato nel 2019 – e del via libera (preliminare) del Dipartimento del territorio (Dt), il Municipio di Mendrisio pubblica la variante di Piano regolatore (Pr) che concretizza l’ampliamento dell’edificio museale – che manterrà un carattere “emergente” – e pianifica, al contempo, la risposta al fabbisogno di posteggi nel nucleo del Quartiere, quindi la riqualifica di piazza Santo Stefano, coinvolgendo l’area della chiesa, della casa e dell’oratorio parrocchiali. La documentazione, già accessibile sul portale della Città (www.mendrisio.ch), potrà essere consultata all’Ufficio tecnico dal 29 novembre.

Migliorie e riorganizzazioni

Ecco che un’opera cantonale dà modo di restituire concretezza a un riordino che alla Città sta a cuore da tempo. D’altro canto, la variante di Pr non fa altro che reagire “alle accresciute esigenze espositive e didattiche” della Pinacoteca, come rileva lo stesso Rapporto di pianificazione che corrobora il dossier. In questo modo, infatti, si permetterà una fruizione più comoda delle esposizioni e si renderà la struttura accessibile ai disabili. In buona sostanza si procederà con dei lavori di miglioria e con la riorganizzazione interna degli spazi esistenti, al fine di adeguarli “agli attuali standard funzionali e tecnici”. Come si indica chiaramente nello studio di fattibilità firmato dall’architetto Jachen Könz su mandato della Sezione della logistica, per centrare gli obiettivi l’unica soluzione percorribile è quella di sconfinare nei terreni accanto di proprietà del Comune di Mendrisio. Superfici vincolate a Pr come area verde, a tutto vantaggio della vicina scuola dell’infanzia. Lì, del resto, è prevista anche l’autorimessa sotterranea da cinquanta posti al servizio di residenti e utenti dei servizi pubblici e privati locali. Risulta evidente come l’ampliamento sia legato alle opere comunali – che porteranno a eliminare i posteggi attuali, non a Pr – e alla necessità della Città di recuperare e valorizzare il centro di Rancate, classificato, si annota nel Rapporto, come “villaggio d’importanza nazionale nell’Inventario degli insediamenti svizzeri da proteggere (Isos)”. Questa operazione, d’altro canto, ha una chiara valenza di interesse pubblico, come rimarca lo stesso Dt nell’esame preliminare. Da un lato, in effetti, il nuovo autosilo andrà a coprire, come detto, il bisogno di posteggi pubblici – e ciò in base a un puntuale calcolo, “liberando” la piazza e gli spazi della Parrocchia –, dall’altro si guadagna terreno sullo svago e il verde. Certo pianificare il comparto, come si annota nel Rapporto, chiamerà la Città a “importanti investimenti”, mentre l’aggiunta di spazi a favore della Pinacoteca, in contiguità sul lato sud, sarà a carico del Cantone.

Concorso pubblico in vista

Per dare forma e contenuti alle intenzioni messe ora nero su bianco sarà promosso un concorso pubblico di architettura. Il Dt invoca sin d’ora la necessità che Comune e Cantone si coordinino; che tengano in debito conto l’esistenza di uno o più beni culturali di interesse cantonale e che prospettino una realizzazione a tappe, scorporando, se utile, l’intervento alla Züst dall’autorimessa. Altrettanto nitido è però l’invito a preferire una visione d’insieme del comparto, come indicato nella lettera d’intenti sottoscritta nell’ottobre del 2020.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved