ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
6 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
6 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
7 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
7 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
7 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
7 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
8 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
18.11.2021 - 18:29
Aggiornamento: 20:32

Ligornetto, cala l’effetto sospensivo. Nucleo aperto

Il Tribunale federale rinvia Mendrisio e Stabio alla decisione definitiva. Non ci sono ragioni preponderanti per attivare subito la chiusura oraria

ligornetto-cala-l-effetto-sospensivo-nucleo-aperto
Ti-Press
Per ora nessun divieto

Il verdetto (preliminare) del Tribunale federale è calato un po’ a sorpresa sull’Alto Mendrisiotto: sulla chiusura oraria del nucleo di Ligornetto vale l’effetto sospensivo. Detto altrimenti non cambierà nulla, non per ora: il traffico veicolare dei pendolari potrà continuare a passare dal centro del Quartiere di Mendrisio. Sulla misura difesa da anni ormai dalla Città l’Alta Corte, invece, non si schiera. Per sapere da che parte penderà la bilancia tanto il Municipio del capoluogo che i colleghi di Stabio – da sempre avversari di quel divieto e fautori della ‘sospensione’ – dovranno attendere la decisione finale. Sentenza che, si stima, potrebbe giungere fra sei mesi come fra un anno-un anno e mezzo. I giudici, del resto, hanno fatto capire che di fretta non ce n’è. O meglio non sussistono motivi preponderanti per agire nell’immediato, sebbene la situazione sia insoddisfacente. Anzi, ai loro occhi Mendrisio non è riuscito a dimostrare in modo serio l’urgenza di bloccare il viavai parassitario. Anche perché la situazione attuale è nota a tutti e soprattutto perdura da tempo. Come dire che aspettare un altro po’ non modifica gli equilibri della viabilità.

‘Ma la pericolosità resta’

Certo non andatelo a dire all’autorità mendrisiense, determinata a spendersi in tutti i modi a tutela di chi vive nel ‘cuore’ di Ligornetto. In questo caso, però, la Città non ha trovato un ‘alleato’ nel Cantone, il quale – come emerge dalle carte – non ha visto nella chiusura immediata a fasce orarie del nucleo locale un interesse prevalente. Stupiti? «La posizione del Cantone ci sorprende – ammette Samuel Maffi, capodicastero Sicurezza pubblica –, ma è comprensibile. Si è preferito non avere problemi sulle strade principali. In un certo senso si sacrifica il centro del Quartiere con buona pace di tutti». Come è stata accolta la decisione del Tribunale federale? «L’esecutivo se ne rammarica ma ne prende atto – ci risponde Maffi –. Qui in ogni caso si tratta di tutelare gli abitanti del nucleo, la mobilità dolce. Ciascuno si prenda quindi le sue responsabilità». Dal canto suo l’autorità locale ci ha provato fino in fondo, tanto da sbarrare per soli tre giorni il transito. Salvo poi venire richiamata da Losanna. «Adesso aspetteremo con serenità i tempi ordinari della giustizia, consapevoli – rilancia il capodicastero – che una certa reale pericolosità su quella strada c’è. È un collegamento inadeguato ad assorbire dai sette agli ottomila veicoli al giorno. Vorrà dire che per questo anno e mezzo resteremo sul chi va là e cercheremo di capire se vi sono misure alternative per diminuire i rischi al di là dei controlli della velocità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved