ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Yurii Colombo e la situazione politico-sociale in Russia

Il Comitato contro la guerra in Ucraina mercoledì 26 ottobre alla Casa del popolo di Bellinzona organizza una conferenza-dibattito
Luganese
9 min

Le aziende non scelgono Lugano solo per la banda larga

A interessare, spiega il Municipio rispondendo a un’interrogazione, sono fattori come il quadro fiscale, la posizione e l’offerta di collegamenti
Locarnese
19 min

Si cerca il miglior ratafià di noci del canton Ticino

L’evento è promosso dall’associazione Girasole Benefico e i proventi andranno in beneficenza, nello specifico alla Lega ticinese contro il cancro
Locarnese
43 min

Obesità infantile, serata di sensibilizzazione per i genitori

La propone il Centro Oto-logopedico dell’Istituto Sant’Eugenio il 13 ottobre alle 19.45 in Via al Sasso 1. Posti limitati, iscrizioni entro il 12 ottobre
Mendrisiotto
47 min

Riva San Vitale sensibilizza sul risparmio energetico

Il Municipio non rinuncerà a organizzare, nei mesi di novembre e dicembre, alcuni eventi tradizionali
Luganese
54 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta-Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
55 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
59 min

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
18.11.2021 - 18:29
Aggiornamento: 20:32

Ligornetto, cala l’effetto sospensivo. Nucleo aperto

Il Tribunale federale rinvia Mendrisio e Stabio alla decisione definitiva. Non ci sono ragioni preponderanti per attivare subito la chiusura oraria

ligornetto-cala-l-effetto-sospensivo-nucleo-aperto
Ti-Press
Per ora nessun divieto

Il verdetto (preliminare) del Tribunale federale è calato un po’ a sorpresa sull’Alto Mendrisiotto: sulla chiusura oraria del nucleo di Ligornetto vale l’effetto sospensivo. Detto altrimenti non cambierà nulla, non per ora: il traffico veicolare dei pendolari potrà continuare a passare dal centro del Quartiere di Mendrisio. Sulla misura difesa da anni ormai dalla Città l’Alta Corte, invece, non si schiera. Per sapere da che parte penderà la bilancia tanto il Municipio del capoluogo che i colleghi di Stabio – da sempre avversari di quel divieto e fautori della ‘sospensione’ – dovranno attendere la decisione finale. Sentenza che, si stima, potrebbe giungere fra sei mesi come fra un anno-un anno e mezzo. I giudici, del resto, hanno fatto capire che di fretta non ce n’è. O meglio non sussistono motivi preponderanti per agire nell’immediato, sebbene la situazione sia insoddisfacente. Anzi, ai loro occhi Mendrisio non è riuscito a dimostrare in modo serio l’urgenza di bloccare il viavai parassitario. Anche perché la situazione attuale è nota a tutti e soprattutto perdura da tempo. Come dire che aspettare un altro po’ non modifica gli equilibri della viabilità.

‘Ma la pericolosità resta’

Certo non andatelo a dire all’autorità mendrisiense, determinata a spendersi in tutti i modi a tutela di chi vive nel ‘cuore’ di Ligornetto. In questo caso, però, la Città non ha trovato un ‘alleato’ nel Cantone, il quale – come emerge dalle carte – non ha visto nella chiusura immediata a fasce orarie del nucleo locale un interesse prevalente. Stupiti? «La posizione del Cantone ci sorprende – ammette Samuel Maffi, capodicastero Sicurezza pubblica –, ma è comprensibile. Si è preferito non avere problemi sulle strade principali. In un certo senso si sacrifica il centro del Quartiere con buona pace di tutti». Come è stata accolta la decisione del Tribunale federale? «L’esecutivo se ne rammarica ma ne prende atto – ci risponde Maffi –. Qui in ogni caso si tratta di tutelare gli abitanti del nucleo, la mobilità dolce. Ciascuno si prenda quindi le sue responsabilità». Dal canto suo l’autorità locale ci ha provato fino in fondo, tanto da sbarrare per soli tre giorni il transito. Salvo poi venire richiamata da Losanna. «Adesso aspetteremo con serenità i tempi ordinari della giustizia, consapevoli – rilancia il capodicastero – che una certa reale pericolosità su quella strada c’è. È un collegamento inadeguato ad assorbire dai sette agli ottomila veicoli al giorno. Vorrà dire che per questo anno e mezzo resteremo sul chi va là e cercheremo di capire se vi sono misure alternative per diminuire i rischi al di là dei controlli della velocità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved