le-campane-a-volte-sono-moleste-rispuntano-dei-reclami
Si sentono diverse... campane (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti

I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
4 ore

Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’

La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
4 ore

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Luganese
6 ore

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
7 ore

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
7 ore

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
8 ore

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
8 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
8 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
8 ore

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
9 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
10 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
10 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
Locarnese
14 ore

Centovalli, pompieri ancora al lavoro

Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
Locarnese
14 ore

Hotel Arcadia, la Sinistra vuole vederci chiaro

Interrogazione al Municipio di Locarno sul clima di lavoro e le tensioni all’interno della nota struttura ricettiva
Bellinzonese
1 gior

Reintrodotto il limite di visite allo Iosi

Nei reparti di oncologia medica, ematologia e radioterapia potrà entrare un solo visitatore al giorno per massimo 30 minuti.
Bellinzonese
1 gior

Cassis incontra a Bellinzona la prima ministra estone

Durante i colloqui si è parlato di relazioni bilaterali e guerra in Ucraina, come pure dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella politica estera.
Luganese
1 gior

Incidente a Lugano, deceduto un 72enne

È successo questa notte. L’uomo ha perso il controllo dell’auto mentre entrava in un garage.
Mendrisiotto
1 gior

La Ferrovia Monte Generoso si rilancia con agosto

Dopo i numeri record del 2021, i mesi clou dell’attuale stagione ha visto una diminuzione del volume. Il mese corrente sembra però di buon auspicio
Ticino
1 gior

‘Non siamo riusciti a fidelizzare tutti i turisti svizzeri’

Forte aumento dei pernottamenti, eccezion fatta per il nostro cantone. Trotta (Ticino Turismo): ‘Cifre comunque più alte rispetto a prima della pandemia’
laR
 
11.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 08:33

Le campane a volte sono... moleste. Rispuntano dei reclami

Il problema di recente è finito sul tavolo del Municipio di Stabio. Negli anni i rintocchi notturni hanno tenuto banco in vari Comuni

A ciascuno il suo din don. Da sempre il suono delle campane accompagna la vita quotidiana dei ticinesi, tra gioie e dolori. Per chi abita sotto il campanile (o nelle vicinanze della chiesa), però, il rintocco delle ore può finire col diventare molesto. A tal punto da trasformare rapporti di buon vicinato in conflitti. In Svizzera in questi anni è capitato spesso, qua e là sul territorio nazionale, di veder innescare delle querelle. E le vertenze sono approdate più volte pure davanti al Tribunale federale. Alta Corte che non sempre ha dato ragione al cittadino scontento. E allora vale di più la quiete notturna o la tradizione? L’interrogativo è aperto. In effetti, in tempi recenti le cronache (pure nel cantone) hanno registrato le perorazioni di abitanti in difesa dei sacri bronzi e del loro suono argentino. Negli ultimi anni nel Mendrisiotto se lo sono chiesto anche alcuni Municipi locali, alla ricerca di una soluzione di buon senso. Sì, perché la competenza in questi casi – ovvero l’uso delle campane a scopo non liturgico – è delle amministrazioni comunali, le quali da tempo regolano la questione dei decibel fastidiosi attraverso delle ordinanze. A dirla tutta dal 2004 in loro aiuto è andato anche lo Stato. Nel Regolamento della legge sulla Chiesa cattolica, il Cantone all’articolo 3 segnala come il battito dell’ora e lo scampanio (al di fuori delle celebrazioni religiose) “non deve arrecare disturbo alla quiete dalle 21 alle 7”.

Stabio: ‘Il tema è sul tavolo del Municipio’

Stabio, di recente, si è ritrovato (di nuovo) il problema sul tavolo. Ad attirare l’attenzione dell’Esecutivo guidato da Simone Castelletti alcune mail recapitate a Palazzo civico. Tant’è che il tema questa settimana è entrato nell’agenda municipale. «Già in passato – spiega il sindaco a ‘laRegione’ – avevamo ricevuto un paio di reclami. Sollecitazioni che oggi si ripresentano. In due o tre casi ci hanno rivolto delle richieste indicando come fastidioso il suono delle campane della chiesa del paese soprattutto nelle ore notturne». A questo punto come procederete? «Nel corso delle prossime settimane – ci conferma Castelletti – analizzeremo la tematica da vicino». La discussione, insomma, è aperta. Accertati limiti e competenze, sarà utile prendere visione della giurisprudenza esistente per soppesare una possibile soluzione, che sia proporzionale al disagio avvertito. E non è detto che il Comune possa prendere contatto pure con la Parrocchia locale. Il sindaco, comunque, assicura che l’autorità se ne farà carico.

‘Va cercata una negoziazione’

Certo la materia non è del tutto chiara. Pronti a lottare contro i decibel di troppo a suon di ordinanze, per i Comuni resistono delle zone grigie, ad esempio quando si parla di campane, ci rende attenti Mario Briccola, vicedirettore dell’Ufficio tecnico comunale della Città di Mendrisio. Al momento (in realtà da un po’) di casi non se ne sono presentati, ma in passato, ci conferma, è capitato di doversi occupare di questioni simili e di segno opposto. È successo, infatti, che un cittadino affezionato al rintocco della chiesa parrocchiale del Borgo abbia reclamato perché non suonavano più le ore (l’orologio andava riparato). Di converso ad Arzo si è arrivati a dover gestire un contenzioso per uno scampanio molesto. E per uscirne si sono interessati Consiglio parrocchiale e autorità cantonale. «In queste situazioni – ribadisce Briccola – va cercato il compromesso, aprendo un dialogo con lo stesso cittadino, magari venuto da fuori e che si ritrova ad abitare vicino al campanile. In altre parole, occorre negoziare una soluzione». Risposta peraltro percorribile, magari riducendo il numero di rintocchi, soprattutto dopo la mezzanotte, o sospendendoli nelle ore notturne. Alla fine tutto sta a capire dove si pone la soglia della tolleranza, senza interpellare la Polizia locale. A Mendrisio è successo tempo fa («per una richiesta di informazioni»), oggi, però, ci fa sapere a sua volta il comandante Patrick Roth, «sul tavolo del Dicastero sicurezza pubblica il tema non c’è».

I precedenti

Tra decibel e tradizione

I ‘precedenti’ in ogni caso non mancano, tanto al di qua che al di là del Gottardo, e dimostrano che una via d’uscita esiste. Ci sono chiese, infatti, che sono arrivate ad abbassare il volume o addirittura a zittire le campane la notte. L’importante, come detto, è inseguire un compromesso e riuscire a regolamentare... lo scampanio facendo così contenti tutti, fan e detrattori delle campane. L’elenco di casi ticinesi è abbastanza nutrito, da sud a nord, tra rintocchi orari e annunci delle messe mattutine. Il problema di silenziare o meno i sacri bronzi è rimbalzato, negli anni, da Ligornetto (quando ancora era Comune a sé stante) a Intragna, da Sala Capriasca (era il 2016) a Faido. La questione ha tenuto banco pure nella capitale, a Bellinzona – correva l’anno 2015 –, dove alla fine una petizione popolare ha riportato in auge lo scampanio mattutino. La querelle più recente sulla quiete notturna rimanda invece al 2019 e porta nel Locarnese, a Tenero-Contra.

Bisogna, però, varcare il Gottardo per veder sfociare in disputa giudiziaria le lamentele di origine... campanaria. I contrari, del resto, hanno anche uno studio firmato dal Politecnico federale di Zurigo da sfoderare a sostegno delle loro tesi, sebbene non vi siano dei limiti di rumori per le chiese. Come si riferisce sul portale dell’Associazione dei responsabili cantonali per la prevenzione dei rumori – Cercle Buit Svizzera –, con il supporto di questo approfondimento e dei dati rilevati si è potuto evidenziare che il disturbo del sonno notturno e di prima mattina causato dai rintocchi delle campane risulta essere significativo. Problema che è possibile superare, fa notare ancora l’Associazione, evitando gli scampanii durante i periodi più ‘sensibili’.

Le decisioni del Tf

Certo ad avere un peso è anche la giurisprudenza esistente. La legislazione mette nelle mani dei Comuni, quindi degli enti locali, un ampio margine di manovra. D’altro canto, il Tribunale federale ha mostrato sin qui di far pendere la bilancia dalla parte della tradizione – dunque delle campane –, mandando in secondo piano la protezione dal rumore. È successo a Gossau e a Wädenswil, nel Canton Zurigo. In entrambi i casi ad avere la meglio sono stati gli usi locali, anche nelle ore notturne. Come dire che per la tradizione è possibile tollerare qualche disturbo. Nel caso di Wädenswil i giudici hanno messo in discussione pure lo studio sul rumore del Politecnico, ritenuto “troppo poco significativo e fondato”. Studio che aveva accertato come già i 40-45 decibel delle campane ripetuti ogni quarto d’ora bastano a rovinare il sonno di una persona. Affermazione che non ha però convinto l’Alta Corte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campane reclami rintocchi scampanio stabio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved