Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
brusino-lievitano-i-costi-per-ristrutturare-villa-patria
archivio Ti-Press
I lavori termineranno nel settembre 2022
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
3 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
3 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
3 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
4 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
4 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
5 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
5 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
5 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
10.11.2021 - 15:040
Aggiornamento : 15:25

Brusino, lievitano i costi per ristrutturare Villa Patria

Il Municipio chiede un ulteriore credito di 465mila franchi. Il cantiere per la creazione di un B&B terminerà il prossimo settembre

a cura de laRegione

Sono iniziati prima dell’estate, e termineranno nel settembre dell’anno prossimo, i lavori di ristrutturazione di Villa Patria a Brusino Arsizio. Nelle scorse settimane il Municipio di Brusino ha licenziato un messaggio chiedendo un aggiornamento del preventivo dei lavori, con la conseguente richiesta di un credito di 465mila franchi. Somma che servirà per l’aggiornamento del preventivo per i lavori (190mila franchi) e per l’acquisto di arredi, mobilio e finiture esterne (275mila franchi). Queste ultime opere “non erano state inserite nel precedente messaggio”. I costi di ristrutturazione passano quindi da 1’250’000 franchi – credito stanziato dal Consiglio comunale il 19 maggio 2014 – a 1’715’000 franchi. Nel messaggio, il Municipio guidato da Elena Polli spiega che “i costi di realizzazione del progetto per la creazione di un Bed and breakfast, complice anche la pandemia di Covid-19 che ha caratterizzato l’ultimo anno e mezzo, hanno subito una leggera variazione”. Al termine dei lavori Villa Patria diventerà un B&B con 7 camere, sarà dotata di una zona ristoro correlata all’area di svago esterna e con un piano seminterrato predisposto con spogliatoi, docce e servizi igienici fruibili dai frequentatori della spiaggia libera circostante.

Cos’è successo dal 2014

La richiesta di credito è occasione per il Municipio di spiegare i motivi che hanno ritardato il cantiere. Il voto del legislativo risale, come detto, al 2014. “I lavori di ristrutturazione dello stabile non riuscirono purtroppo ad avanzare celermente a causa del mancato versamento del finanziamento promesso dalla Fondazione Mondonico, nonostante la presentazione della licenza edilizia cresciuta in giudicato per la realizzazione del progetto”. La somma, poco meno di un milione, è stata versata a fine 2019. L’autorità comunale ricorda che “si tratta dello stesso contributo volontario che era stato accettato dal Consiglio comunale nel dispositivo di risoluzione e da cui l’investimento dipende(va) in maniera preponderante”. Ottenuto il finanziamento, il Municipio “ha subito intrapreso tutti i passi necessari per riattivare i lavori – circoscritti fino a quel momento alla bonifica dell’edificio dall’amianto e ad alcune opere previste nella licenza edilizia – secondo la procedura richiesta dall’Ufficio dello sviluppo economico del Dipartimento delle finanze e dell’economia”. Lo stesso garantirà sussidi previsti dalla Legge sul turismo. Sussidi che andranno a sommarsi a quelli previsti per il risanamento energetico dell’edificio. Ottenuto il nullaosta cantonale, nel marzo 2020, e nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia, “l’esecutivo ha continuato a pianificare i lavori allestendo i bandi dei singoli concorsi e gli incarti per i sussidi e per il risanamento energetico dell’edificio”. Dopo la delibera per i principali concorsi, “il grosso dei lavori di ristrutturazione dell’edificio” sono iniziati nel maggio di quest’anno.

Tre fonti di sussidio

Dedotti i sussidi – da Legge sul turismo e incentivi dovrebbero arrivare circa 170mila franchi, “le cifre dovranno essere confermate dalle competenti autorità” – l’investimento a carico del Comune ammonta a 616’052 franchi. “La cifra a carico dell’ente pubblico è tuttora in linea rispetto a quanto preconizzato nel 2014”. Allora si parlava di un onere di circa 250mila franchi. “Cifra a cui si giungeva senza computare l’importo necessario per il mobilio e le opere di finitura”. Già confermata per contro la somma arrivata dalla Fondazione Mondonico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved