disavanzi-che-non-preoccupano-a-castel-san-pietro-e-stabio
archivio Ti-Press
Castel San Pietro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
2 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
2 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
3 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
3 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
3 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
3 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
4 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
4 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
5 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
5 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
6 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
04.11.2021 - 15:15
Aggiornamento : 15:57

Disavanzi che non preoccupano a Castel San Pietro e Stabio

Nei due comuni il preventivo 2022 stima una chiusura in rosso ma i Municipi propongono la conferma del moltiplicatore

Previsioni in rosso ma nessuna proposta di ritoccare il moltiplicatore, ritenendo la situazione finanziaria sotto controllo nonostante le incertezze legate all’emergenza sanitaria che potranno ancora presentarsi in futuro che impongono una necessaria prudenza. Dopo Chiasso e Mendrisio, le caratteristiche descritte accomunano anche i preventivi 2022 di Castel San Pietro e Stabio. I messaggi che accompagnano i conti sono stati licenziati nei giorni scorsi all’indirizzo del Consiglio comunale.

A Castel San Pietro il disavanzo preventivato è di 3,8 milioni di franchi, complici un aumento significativo delle spese operative a fronte di una stagnazione dei ricavi e di un aumento del gettito d’imposta (“nonostante la prudenza nella stima per tenere in considerazione una lenta ripresa a seguito degli effetti della pandemia”). A fronte di un capitale proprio di oltre 30,3 milioni, il Municipio guidato da Alessia Ponti si dice “convinto che ci siano le condizioni per il mantenimento del moltiplicatore al livello attuale”, ovvero al 55 per cento, anche per l’anno prossimo “nonostante una politica d’investimento e dei servizi molto attiva”. Castel San Pietro vuole “rimanere un Comune fiscalmente attrattivo con una buona qualità dei servizi erogati alla popolazione”. Nel formulare le sue previsioni, “il Municipio tende a utilizzare un approccio relativamente conservativo, sia per quanto riguarda la stima dei costi che per la valutazione dei ricavi”. In ogni caso “la situazione finanziaria non richiede immediati interventi di modifica degli intendimenti programmatici”. Passando agli investimenti, il Municipio intende terminare le opere collegate ai crediti già votati (7,15 milioni) e chiedere lo stanziamento di nuovi crediti per circa 4 milioni. Tra i più importanti crediti ci sono la realizzazione del marciapiede Loverciano, il risanamento dell’illuminazione pubblica, il risanamento della Casa comunale, l’ampliamento del posteggio di Gorla, il risanamento straordinario della strada Cassinelli, il credito quadro per la manutenzione delle strade, la partecipazione agli investimenti per gli acquedotti regionali del Mendrisiotto e della Valle di Muggio.

Stabio: ‘Continuità politica’

Il disavanzo stimato a Stabio è invece di 324’300 franchi. Considerato che “il peggio dovrebbe essere alle spalle” e un capitale proprio di poco meno di 12 milioni, la proposta del Municipio guidato da Simone Castelletti è quella di mantenere il moltiplicatore politico al 65 per cento. “Confermando la pressione fiscale degli ultimi 10 anni – si legge nel messaggio che accompagna i conti – l’esecutivo vuole innanzitutto dare continuità alla politica intrapresa, lasciando nel contempo alle persone fisiche e giuridiche maggiore disponibilità finanziaria da reinvestire nel ciclo economico”. Il Municipio spiega di aver elaborato “un documento nel quale i costi di sua competenza subissero le minori variazioni possibili rispetto al preventivo 2021, convinto che quanto offerto alla popolazione sia adeguato alle necessità” e aggiunge che “tutte le proposte migliorative giunte dai singoli dicasteri sono state integralmente tenute in considerazione”. Per il prossimo anno Stabio ha messo a preventivo investimenti netti per circa 6 milioni. Dopo i ricorsi presentati, tra questi dovrebbero essere avviati i lavori per la zona 30 km/h del comparto scolastico, la riqualifica del piazzale Solza e la posa del manto d’usura su via Ligornetto (“visto il deterioramento del manto stradale, per quest’ultimo si renderà necessario un lavoro più importante”). Restando per contro ancora bloccati da ricorsi i progetti per la moderazione del traffico su via Campagnola e la sistemazione della piazza Maggiore.

Leggi anche:

Chiasso: previsioni in rosso e alcune incognite da svelare

Mendrisio, ‘Città in cambiamento che non vuole fermarsi’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castel san pietro investimenti moltiplicatore municipio preventivo 2022 stabio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved