ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
14 min

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
38 min

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
42 min

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 ora

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 ora

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 ora

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
1 ora

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
2 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
2 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
2 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
3 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
3 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
4 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
4 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
5 ore

‘Il sistema di designazione dei pretori di Lugano è adeguato’

Il Consiglio di Stato esprime parere negativo su una delle due proposte formulate in un’iniziativa elaborata presentata nel 2019
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, sportelli chiusi nel pomeriggio di martedì grasso

Come da tradizione, gli uffici dell’amministrazione e l’Azienda comunale non apriranno il prossimo 21 febbraio
Luganese
5 ore

Lugano, incendio boschivo sul monte Brè

Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio, poco usa e getta alla sagra e alla fiera

Il divieto generalizzato per l’uso di stoviglie di plastica monouso non è ancora entrato in vigore, ma l’autorità sensibilizza gli organizzatori
05.11.2021 - 20:16

Tre progetti per disegnare la Chiasso del futuro

Rinaturazione del Faloppia, Gleis 4 e autostrada sotto al Penz potrebbero cambiare la cittadina. Il punto con il capodicastero Davide Lurati

tre-progetti-per-disegnare-la-chiasso-del-futuro
Il Faloppia (Ti-Press/Davide Agosta)

Come immaginare la Chiasso del futuro? Fornire oggi una risposta concreta appare forse prematuro, anche se di progetti in fase di sviluppo in vari comparti della cittadina non ne mancano. «L’attuale Municipio sta lavorando insieme da ormai 6 anni – commenta Davide Lurati, capodicastero Pianificazione –. Oltre all’amministrazione e alla gestione corrente, stiamo cercando di mettere qualche paletto per disegnare la Chiasso del futuro a livello di pianificazione e territorio». Si tratta di ‘paletti’ di cui si parla ormai da qualche tempo ma che, con i tempi della politica, stanno vivendo in queste settimane degli importanti sviluppi.

Il Faloppia piace anche a Bellinzona

Tra i progetti in corso, c’è la rinaturazione del fiume Faloppia. «Una visione avuta dai colleghi che ci hanno preceduto e che stiamo portando avanti – precisa Lurati –. Il progetto prevede di rendere l’attuale corso del Faloppia fruibile al pubblico». Come? «Per la parte sul territorio di Chiasso si prevede di modificare completamente l’assetto, prevedendo dei gradoni che diano la possibilità alle persone di fruirne». Il fiume Faloppia, però, non attraversa solo la cittadina di confine. «Ci rendiamo conto che l’acqua deve avere la sua qualità – sottolinea il capodicastero –. Per questo nei prossimi giorni ci sarà un incontro, richiesto dal Comune di Ronago, per aggiornamenti sul depuratore». Nelle prossime settimane saranno ricontattati anche Balerna e Novazzano «per ridiscutere il tutto. Abbiamo iniziato a occuparci di questo dossier a fine 2016 e ultimamente abbiamo raggiunto buoni risultati: grazie al supporto della Comal, siamo riusciti a rimodellare un progetto grezzo e ad abbassare notevolmente i costi». Inoltre «abbiamo ricevuto notizie dal Cantone in merito a un buon tasso di sussidiamento dell’opera».

Tre fasi per il Gleis 4

Quello per il Gleis 4, l’ampio progetto di riqualifica di una vasta area oggi adibita a impianti ferroviari, binari e magazzini, è un autentico pallino per Davide Lurati. «Se dovessimo riuscire a vedere la luce delle tre fasi previste, il volto del centro cittadino di Chiasso cambierebbe perché potremo collegare il centro con il Quartiere Soldini». Le fasi, come detto, sono tre. La prima riguarda l’area tra viale Manzoni e via Livio, dove «attorno al 2026», verrà realizzata la scuola di moda. La seconda fase, e qui l’orizzonte si sposta al 2025-2030, interesserà l’attuale area del park&rail. «Per questi terreni è cambiata la strategia delle Ferrovie – annuncia Lurati –. Prima pensavano alla vendita, mentre ora hanno deciso di concederli con un diritto di usufrutto». Anche il Cantone ha messo gli occhi sulla superficie ed ha «avviato uno studio di fattibilità in merito alla creazione di una palestra tripla, avviando anche un ragionamento a 360 gradi sugli istituti scolastici presenti a Chiasso». Lo sviluppo che sembrerebbe maggiormente vicino è quello legato all’area di svago della Piccola Velocità. «Con Cantone e Ferrovie ci stiamo coordinando a livello pianificatorio per la domanda di costruzione: parallelamente alla zona di svago, le Ferrovie, che a loro volta devono presentare delle domande di costruzione, vogliono anche sistemare i magazzini e creare dei posteggi». L’inaugurazione dell’area di svago è prevista entro la fine della legislatura o, al più tardi, all’inizio della prossima.

La seconda cesoia

Altro dossier in fase di sviluppo è quello relativo al progetto Porta Sud, ovvero lo spostamento dell’autostrada sotto al Penz. «Un’altra modifica strutturale del territorio del Basso Mendrisiotto sarebbe quella di eliminare la seconda cesoia sul territorio di Chiasso, ovvero l’autostrada». Il Municipio «sta cavalcando questa visione e, anche grazie all’aiuto della Commissione regionale dei trasporti, si stanno facendo importanti passi avanti. Dovesse realizzarsi, il volto di Chiasso cambierebbe definitivamente». La strada è ancora lunga, Davide Lurati e il Municipio ne sono consapevoli. «Se i tre progetti dovessero concretizzarsi – conclude Davide Lurati –, tra 20-30 anni questo Municipio potrà essere ricordato proprio per questi interventi, al pari dei colleghi che hanno portato avanti la pedonalizzazione del Corso e la Cittadella della cultura».

In via Alighieri

Arte urbana davanti al comparto culturale

Un progetto che potrà vedere la luce in tempi più brevi è quello relativo alla riqualifica stradale di via Dante Alighieri, nel tratto antistante al comparto culturale. Il messaggio con la richiesta di credito di 990mila franchi è stato licenziato nei giorni scorsi dal Municipio di Chiasso. Il tratto oggetto della riqualifica, lungo 140 metri, è quello compreso tra via Vincenzo Vela e via Fontana da Sagno. “Da semplice strada di transito verrà riqualificata a zona d’incontro, integrando in particolare il fronte del Cinema Teatro al comparto scolastico, tramite un accattivante disegno architettonico e artistico del sedime stradale”, spiega il Municipio nel messaggio. Sarà così possibile “sfruttare lo spazio pubblico disponibile per realizzare un luogo adatto a ospitare attività all’aperto connesse con il m.a.x. museo, il Cinema teatro e lo Spazio Officina”. L’area diventerà quindi “una piattaforma unica sull’intero mappale, riconoscibile nella sua unicità dalla finitura superficiale colorata” e fungerà da “elemento di cerniera del comparto culturale, grazie a una serie di elementi di arredo urbano realizzati ad hoc dall’artista Alex Dorici”. L’arredo inteso come opera d’arte urbana è composto da tre elementi totemici che segnano i limiti dell’area d’intervento e da elementi a mo’ di seduta liberamente fruibili, nonché da elementi di arredo e di moderazione per il traffico motorizzato. Quest’ultimo “risulterà debitamente incanalato in virtù di due canalette longitudinali che aiutano a definire uno spazio carrabile e uno più chiaramente pedonale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved