chiasso-e-pronta-a-fare-nebiopoli
Ti-Press
Nel 2021 è stato così. Adesso si è pronti a ripartire
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
3 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
4 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
14 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
14 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
15 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
15 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
15 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
16 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
16 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
16 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
17 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
17 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
18 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
18 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
18 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
21.10.2021 - 08:54
Aggiornamento: 14:14

Chiasso è pronta a fare... Nebiopoli

Gli organizzatori hanno un piano (di protezione) per festeggiare il Carnevale, ma con il certificato

Al Comitato Nebiopoli non stanno più nella pelle: il febbraio prossimo a Chiasso si farà Carnevale. Dopo un anno di ‘astinenza’ per colpa della pandemia da Covid-19 si darà libero sfogo alla voglia di mascherarsi e di tirarsi i coriandoli. Gli organizzatori non faticano a parlare di “orologio e soddisfazione” per aver centrato l’obiettivo e poter mettere in cantiere una nuova edizione della libera Repubblica di Nebiopoli. Anche perché il programma della manifestazione, si anticipa già, sarà completo e le date sono state fissate: dal 10 al 13 febbraio 2022. E neanche a dirlo, ancora una volta il fulcro sarà il Corteo. Nessuno nasconde, certo, che sarà un Carnevale che, volente o nolente, dovrà ancora fare i conti con il coronavirus che ha segnato le vite di tutti nell’ultimo anno e mezzo o giù di lì. Il Comitato guidato da Alessandro Gazzani, però, ha un piano. Il piano di protezione illustrato giusto martedì all’autorità comunale. Tanto a livello comunale che cantonale, si tiene a sottolineare in una nota ufficiale, si è ricevuto l’appoggio necessario, anche per superare le “importanti paure” che accompagnavano l’organizzazione di quello che, nei numeri (e non solo), è un grande evento. E questo pur avendo alle spalle l’esperimento riuscito dell’antipasto proposto con la festa al Palapenz. Manifestazione, si tiene a far notare, che “non ha avuto riscontri negativi (focolai) nel corso delle settimane successive, a testimonianza che "il certificato Covid è uno strumento valido per poter tornare ad avere eventi con folto pubblico”. Quindi, consegnati i dossier ora si attende di ricevere tutti i nullaosta necessari per febbraio.

‘Abbiamo trovato un compromesso’

Alessandro Gazzani, presidente del Nebiopoli, parla chiaro. «Le regole ci sono state date dal Cantone già qualche settimana fa – conferma a ‘laRegione’ –. Noi abbiamo lavorato su questa base e abbiamo realizzato il piano di protezione. Abbiamo il vantaggio di avere un forte appoggio da tutte le istituzioni di Chiasso, dal Municipio alla Polizia, e quindi ci siamo mossi molto in fretta. Il certificato Covid mi sembra uno strumento ideale per poter programmare il nostro Carnevale». L’obbligo del certificato per una manifestazione all’aperto non ha il sapore di un compromesso? «Certo, ma queste sono le regole e noi le recepiamo. Non vorrei argomentare sul giusto o sbagliato, ma così si garantisce la libertà di tutti. Quello che stiamo organizzando, sono degli accordi con le farmacie per montare dei punti esterni dove proporre il tampone a un prezzo di favore, controllato».

‘Spero che ciascuno abbia il suo Carnevale’

«Nel Comitato c’è grande entusiasmo», annota dal canto suo il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni, che martedì era al tavolo della riunione. Come sindaco è contento del ritorno di Nebiopoli? «Lo sono – ci dice –. Abbiamo valutato la situazione attuale e ora come ora il Carnevale è fattibile. Poi tutto dipenderà dallo stato delle cose a febbraio e dalle indicazioni che giungeranno dalle autorità superiori. Non c’è dubbio – commenta – che organizzare l’edizione 2022, il Corteo mascherato in particolare, comporterà un impegno notevole». In effetti, bisognerà delimitare e in alcuni casi accorciare – per il corteo dei bambini, che ha già l’adesione delle scuole, e delle guggen di venerdì 11 febbraio – il percorso delle sfilate, rafforzare i controlli e gestire l’accesso dei residenti. Nel corso della giornata di sabato (12 febbraio), clou della manifestazione, la mobilità in città sarà fortemente limitata. A questo punto il sindaco Arrigoni esprime un auspicio: «La mia speranza – condivide – è che tutti nel cantone possano fare il proprio Carnevale». Di sicuro questo potrà fare la differenza, e non solo per il dimensionamento del dispositivo generale di sicurezza ma anche per chi la festa la anima.

C’è il rischio di non avere tutti i carri

Il rischio però è quello di un Nebiopoli senza una delle sue grandi attrazioni. Per Stefano Longhi, presidente del Gccc, Gruppo capannone carri carnevale (il capannone è quello dietro il Palapenz di Chiasso, dove si realizzano materialmente le strutture semoventi), «la data limite per iniziare una eventuale costruzione dei carri è la fine di ottobre, oltre diventa veramente complicato e difficile. È una cosa basilare tornare a fare Carnevale, ma per quanto ci riguarda ricordiamo che i conti si fanno con l’oste, nel senso che se gli altri Carnevali decidono di rinunciare, i carristi – non parlo di guggen o piccoli gruppi – riusciranno a coprire i costi facendo solo una sfilata o due? Fare un carro costa 12-15mila franchi, le spese vengono coperte con premi e ingaggi, e con le feste (che però negli ultimi due anni non si sono potute fare). Insomma, si rischiano grosse perdite. I carristi – rilancia Longhi – hanno bisogno di una risposta da tutti i Carnevali ma soprattutto da Cantone e Confederazione. L’assicurazione per i grandi eventi si sta trattando ma non è decisa. Pensando alle manifestazioni, a Chiasso hanno deciso così, ma a Bellinzona per esempio sarà difficile chiudere il percorso del corteo perché lì c’è gente che vive all’interno del circuito. E penso che se il Rabadan rinuncia, nessun gruppo del Sopraceneri farà il carro per il Nebiopoli». Su questo punto il presidente Gazzani conviene: «Senza il Rabadan difficilmente riusciremo a fare il Corteo a Chiasso. Il messaggio che vogliamo dare è che noi il Nebiopoli lo organizziamo, quindi aspettiamo il pubblico a Chiasso».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro gazzani bruno arrigoni carnevale chiasso nebiopoli stefano longhi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved