accoltellamento-all-osc-e-arduo-cercare-una-logica
Archivio Ti-Press
I fatti risalgono al 7 gennaio di quest’anno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
14 min

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
14 min

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
26 min

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
1 ora

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
6 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
6 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
6 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
6 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
12 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
13 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Mendrisiotto
15.10.2021 - 15:350

Accoltellamento all’Osc, ‘è arduo cercare una logica’

Sei mesi di detenzione (sospesi per un trattamento stazionario) a una 35enne che ha ferito un altro ospite dell’alloggio protetto

«Ha colpito volontariamente alle spalle con un coltello» un altro ospite dell’alloggio protetto dell’Osc di Mendrisio dove entrambi risiedono. «Ma ha voluto unicamente ferirlo, senza provocargli lesioni gravi». È questa la conclusione a cui è arrivata la Corte delle Assise correzionali di Mendrisio presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, chiamata a giudicare il fatto di sangue avvenuto il 7 gennaio di quest’anno all’Osc. Alla sbarra è comparsa una 35enne domiciliata nel Mendrisiotto, riconosciuta colpevole di lesioni semplici qualificate (e non di tentate lesioni gravi come ipotizzato in via principale dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis) e ripetuto furto (in parte di lieve entità) e condannata a 6 mesi di detenzione. La pena è stata sospesa per permettere alla donna di seguire un trattamento stazionario. Per la Corte «cercare una logica di quanto accaduto sarebbe un’impresa ardua». Imputata e vittima soffrono infatti di problemi psichici: il ferito non ha saputo fornire la sua versione dei fatti, mentre la 35enne, alla quale è stata riconosciuta una scemata imputabilità di grado medio per la sua dipendenza da steroidi anabolizzanti legata al suo passato da bodybuilder, ha sempre sostenuto che si è trattato di «un incidente».

I fatti risalgono al primo pomeriggio del 7 gennaio di quest’anno. Come riportato nell’atto d’accusa, la donna è rientrata all’alloggio di malumore dopo una riunione per un trattamento medico coatto a cui si sarebbe dovuta sottoporre. Nel corridoio ha incontrato l’uomo, disabile, ha raggiunto la sua camera e ne è uscita poco dopo con un coltello da cucina con lama liscia della lunghezza di circa 12 centimetri, che ha usato per colpirlo alla schiena, procurandogli un taglio interscapolare della lunghezza di 3 centimetri che, oltre ad avergli fatto perdere sangue, ha necessitato di un intervento medico e punti di sutura. Dopo il ferimento, la 35enne non ha chiamato i soccorsi ed è tornata nella sua camera, dove è stata trovata mentre guardava il tablet, ha pulito il coltello e si è cambiata la maglietta sporca di sangue. Cos’è, quindi, successo? «Mi è venuta fame – ha raccontato –. Ho preso il coltello, un kiwi e volevo andare in cucina per un caffè». Lungo il corridoio «ho fatto la modella, camminando incrociando le gambe, ma siccome sono ingrassata e le mie gambe sono grosse, sono inciampata e l’ho colpito accidentalmente. Non ho assolutamente voluto ferirlo: mi è dispiaciuto tanto per l’accaduto». A domanda diretta del giudice, l’imputata ha risposto di «non essere arrabbiata» con l’uomo. Mentre dalle testimonianze raccolte durante l’inchiesta è emerso che nell’ultimo periodo tra i due non correva buon sangue.

L’accusa ha proposto una condanna a 16 mesi di detenzione per tentate lesioni gravi, senza opporsi a una sospensione per consentire una misura terapeutica, considerato l’alto rischio di recidiva stabilito dalla perizia psichiatrica a cui l’imputata è stata sottoposta. «Anche se la vittima ha riportato solo lesioni semplici qualificate che hanno necessitato un intervento medico – ha sottolineato Canonica Alexakis –, quanto messo in atto è indicativo di ben altre intenzioni». La difesa, rappresentata dall’avvocato Fiammetta Marcellini, si è invece battuta per una pena contenuta in 8 mesi. «Non abbiamo testimoni ma abbiamo la scienza – sono state le parole della legale –. Scienza che ha stabilito che il colpo è stato inferto con forza moderata, difficilmente idonea a cagionare lesioni gravi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved