su-il-sipario-la-compagnia-comica-torna-in-scena
Scene ‘rubate’ durante le prove
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Ponte Capriasca, evento solidale per il Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
21 min

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
51 min

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
52 min

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
1 ora

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
1 ora

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
1 ora

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
1 ora

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
1 ora

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
2 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
2 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
2 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
2 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
18.10.2021 - 08:46

Su il sipario, la Compagnia comica torna in scena

Dal 22 al 24 ottobre il palco del Plaza di Mendrisio ospiterà la commedia ‘Una cà da gabul’. Ne parliamo con l’ideatore Diego Bernasconi

«Ho proprio voglia di sentire il pubblico ridere». I motori della Compagnia comica di Mendrisio sono caldi in vista del ritorno sulle scene del 22, 23 e 24 ottobre. Sul palco del Plaza di Mendrisio verrà presentata ‘Una cà da gabul’, commedia dialettale scritta e realizzata da Diego Bernasconi. Il testo è ormai pronto dal 2019. «Prima delle prima ondata della pandemia abbiamo fatto delle letture e due prova, ma poi abbiamo dovuto smettere – racconta Bernasconi –. L’anno scorso abbiamo fatto delle prove sul palco e fissato le date... ma non siamo potuti andare in scena. Quest’anno abbiamo ripreso a luglio e ci siamo detti che, in caso di riapertura delle strutture, eravamo pronti. Non appena c’è stata la riapertura, abbiamo bloccato le date». La Compagnia comica andrà in scena venerdì 22 e sabato 23 ottobre alle 20.30 e domenica 24 ottobre alle 17. I biglietti possono essere acquistati in prevendita sul sito www.mendrisiocinema.ch. Eventuali altre date, a Mendrisio come nel resto del Cantone, verranno comunicate nelle prossime settimane.

Dentro la commedia (no spoiler)

Da dove nasce la commedia? «Ho visto dei film di humour francese, un genere che mi piace – continua Diego Bernasconi –. In parallelo mi sono detto che dovevamo proporre qualcosa dove le persone potessero riconoscersi, presentando situazioni di vita quotidiana che possono generare discussioni come il taglio di una siepe o i turni in lavanderia. Il tutto messo all’interno di una famiglia». La famiglia può essere percepita come un luogo protetto dove trovare sicurezza, serenità e amore. Un nido dove il mondo esterno non può entrare. Enrico, capostipite della famiglia protagonista, questo concetto lo ha purtroppo perso da tempo. Padre di tre splendide figlie, ha dovuto subire l’entrata in famiglia di due generi. Generi diversi tra loro, ma anche dal resto dell’umanità. E quando tutto sembra procedere con una quotidianità, anche se zoppicante, l’equilibrio sta per essere intaccato da un ulteriore ‘colpo’ al povero suocero: all’orizzonte si profila l’arrivo del terzo genero. La domanda, che allo stato attuale non ha ovviamente risposta, sorge spontanea: potrà Enrico sopportare questa notizia?

Il terzo spettacolo

Come è stato tenere unita la Compagnia in questi due anni di stop forzato? «È stata dura come lo è stato per tutti – aggiunge Bernasconi –. Gli scenari sono pronti da due anni... Noi ci siamo incontrati quando si ‘vedeva la luce’ e sono stati momenti belli, perché quando si sale sul palco è un bel momento e il Covid non esiste». Quando, nel corso dei mesi, la paura di contagiarsi ha fatto salire la preoccupazione «ho preferito fermare tutto». Quella che sarà presentata il prossimo finesettimana sarà la terza commedia della nuova Compagnia comica. «Il nome che portiamo è importante e continua a essere seguito: abbiamo tenuto lo spirito della Palmira (il celebre personaggio interpretato da Rodolfo Bernasconi, ndr), adattandolo ai ritmi di oggi: la commedia durerà un’ora e mezza... con la pausa e se gli attori parlano lentamente», assicura il nostro interlocutore. Quello della Palmira è stato un addio al palcoscenico, ma non al mondo della commedia dialettale. «Mio papà continua a collaborare con noi dietro le quinte, per cui siamo ancora tutti insieme». L’ambiente, e non potrebbe essere altrimenti in vista del debutto, è carico. «Ho notato la crescita dei miei nuovi attori, che adesso sono proprio bravi – sottolinea Diego Bernasconi –. La parte che recitano è stata scritta loro su misura e, durante le prove, rido ancora adesso dopo due anni. Sono curioso di sentire la reazione del pubblico». Oltre alla crescita degli attori «vedo anche una mia crescita personale nella scrittura. Se mi dovessero chiedere un testo per la fine dell’anno ce la farei».

Il cassetto dei sogni e dei progetti

Tra gli obiettivi di Diego Bernasconi e della Comica c’è quello di riuscire a coinvolgere anche altro pubblico. Come? «Oggi i giovani hanno il dialetto nelle orecchie – ci dice –. Il problema è che non vanno a teatro. Se riusciremo a ripartire bene, come tutti auspichiamo, vorrei realizzare dei piccoli sketch, con anche un po’ di italiano, da presentare su youtube per farli appassionare e, perché no, riportare questi giovani a teatro. E chissà che magari non riusciremo a coinvolgerne anche qualcuno». Entro la fine dell’anno Diego Bernasconi pubblicherà anche il suo terzo romanzo. Mentre per la prossima estate «ci sarà un progetto importante». Dopo Guglielmo Tell a Villa Argentina e ‘Sacra terra del Ticino’, «presenteremo un progetto legato a Mendrisio». Di più, per intanto, non ci viene anticipato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
compagnia comica dialetto diego bernasconi mendrisio plaza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved