Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
4
LA Kings
1
1. tempo
(4-1)
ARI Coyotes
2
MON Canadiens
1
1. tempo
(2-1)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
salta-l-accordo-fra-chiasso-e-balerna-sulle-case-anziani
La proposta non ha convinto tutta la politica balernitana (Ti-Press/laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
40 min

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
1 ora

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
2 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
3 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
3 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
3 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
3 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
4 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
4 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
4 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
5 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
5 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
5 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
5 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
5 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
5 ore

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
6 ore

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
 
18.09.2021 - 05:300

Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani

Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria

Si sono corteggiati per più di tre anni. Alla fine, però, arrivati ormai sulla soglia del ‘matrimonio’, uno dei due se ne è andato prima. Non c’è stato un lieto fine per l’Ente autonomo di diritto comunale che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto legare le case per anziani di Chiasso e Balerna. Progettata, studiata e dibattuta, la soluzione della messa in rete, già sperimentata a Mendrisio, nel Basso Mendrisiotto non è riuscita a fare breccia; non in tutti almeno. Se l’autorità cittadina ci ha sempre creduto, la realtà politica e istituzionale di Balerna ha guardato da subito all’idea di creare un’‘Istituto per anziani Balerna-Chiasso’ con un po’ di diffidenza. Una ritrosia che, al secondo tentativo – il primo messaggio, pur animato dall’urgenza, aveva dovuto essere congelato e completato –, ha finito col consolidare più i dubbi che le certezze. E visto che in questi casi bisogna sempre essere in due per suggellare un’unione, la determinazione di Chiasso non è bastata per condurre in porto l’operazione. A quel punto lasciarsi è stata l’unica via d’uscita come traspare dalla nota, stringata ma congiunta, che i due Municipi hanno reso pubblica venerdi e con la quale si archivia, in via definitiva il dossier. Resta, si legge, l’impegno di “ulteriormente accrescere la collaborazione tra i due istituti”.

Doninelli: ‘Consenso insufficiente’

Come in tutte le relazioni, anche in questo caso non si può dire che i due esecutivi non ci abbiano provato a far funzionare le cose. Le premesse su cui è nata la proposta di costituire un Ente autonomo per le strutture geriatriche comunali, però, fin da primi momenti a Balerna avevano fatto storcere il naso, in particolare ad alcune forze politiche – in testa Plr e socialisti –; resistenze che avevano frenato la corsa verso il voto in Consiglio comunale. Nulla di fatto, quindi. Le ragioni? Nella presa di posizione comune si parla, da un lato, di problemi a livello di “impostazione strategica” e, dall’altro, di “sostanziali difformità di vedute dal punto di vista dei contenuti”.

In realtà, in piazza come dentro Palazzo civico, a Balerna la ‘fusione’ delle case anziani era vista più come un’annessione che un’unione consensuale. Detto altrimenti non si voleva firmare la cosiddetta cambiale in bianco. «Diciamo che il progetto non ha convinto – annota un dispiaciuto Moreno Doninelli, capo dicastero Socialità, sanità e problemi occupazionali –. E con il tempo il consenso è andato scemando; e una volta sentiti i gruppi politici e cambiato l’esecutivo, non era sufficiente per continuare su questa strada. E questo nonostante il tema sia stato sviscerato in tutti i modi, grazie anche al lavoro della Commissione creata ad hoc, e sui due versanti – balernitano e chiassese, ndr – si sia lavorato con impegno». Era arduo, comunque, non tenere presente che fra i partiti il più propenso a concludere l’accordo fosse solo il Ppd. Per altre forze in campo non andava stretto per forza ora e con Chiasso. Il che la dice lunga sul gradimento.

La lettera e i rapporti con il Cantone

Balerna come ha detto a Chiasso che abbandonava il tavolo? «Abbiamo scritto una lettera per informare che la creazione dell’ente autonomo non si concretizzava più – ci dice Doninelli –. Peccato: la messa in rete di cui avremmo potuto beneficiare – in termini di servizi e figure professionali – ci avrebbe permesso di guardare avanti, ai prossimi 10-30 anni, di portare avanti delle iniziative e affrontare le sfide con cui saremo confrontati. Si è preferito salvaguardare l’autonomia: ne prendiamo atto. Ma non ci si può sempre accontentare di gestire il presente o crogiolarsi nel passato». Quel passato che ritorna: il Centro degli anziani è figlio di una lotta e della bocciatura di un referendum (lanciato all’epoca, oltre 40 anni orsono, dal Ppd) contro la costruzione della struttura. Sta di fatto che intestardirsi sull’ente autonomo avrebbe anche potuto riportare la popolazione al voto.

In ogni caso, in questa intesa bilaterale c’era anche un terzo interlocutore, il Cantone, il quale sembrava spingere verso l’ente unico, sullo sfondo le vicissitudini legate ai soprusi patiti da una parte degli ospiti (di cui si è occupata anche la giustizia). «L’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio – conferma Doninelli – ha sempre visto di buon occhio lo sviluppo di una partnership con un altro istituto della regione, ha partecipato alla fase preparatoria e ci ha supportato. Ma i Municipi hanno fatto la loro scelta». Cambierà qualcosa per voi? «Il nostro rapporto continuerà a essere regolato da un contratto di prestazione».

Pantani: ‘Guardiamo al modello di Lugano’

E alla politica cantonale, in evoluzione, guarda anche Chiasso. Anche se la cittadina, chiuso il capitolo con Balerna, sembra intenzionata a proseguire sulla sua strada. In effetti, si era preparati pure a un flop. «Visto l’iter e i continui rinvii, sospettavamo non ci fosse una grande condivisione – ammette Roberta Pantani Tettamanti, capo dicastero Socialità della cittadina –. Da parte nostra, prendiamo atto della decisione del Municipio di Balerna di abbandonare. Certo ci dispiace molto. Questo era un progetto in cui si è creduto e per il quale si è lavorato per anni. Ciò non vuol dire che Chiasso, dal canto suo, abbia abbandonato definitivamente l’idea dell’ente».

Come si intende procedere? «In questi anni – spiega la municipale – le basi, le prospettive e le impostazioni a livello cantonale del settore anziani sono cambiate. Certo il futuro ente autonomo sarà totalmente diverso; muoverà da altre basi ed elementi. Per il Comune, però, rimane un obiettivo da raggiungere. Del resto, lo giustificano i numeri». Quindi sarà una iniziativa tutta cittadina? «Come a Lugano potrà riunire gli istituti sociali del Comune e altri servizi – fa capire Roberta Pantani Tettamanti –. Una volta costituito l’ente, poi, ci si potrà aprire verso altri tipi di collaborazione. E sarebbe bello ci fosse anche Balerna». Ma questa sarà di sicuro tutta un’altra storia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved