ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
6 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
8 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
9 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
9 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
9 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
9 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
9 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
10 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
10 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
10 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
10 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
11 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
11 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
11 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
11 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
11 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
laR
 
18.09.2021 - 05:30

Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani

Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria

salta-l-accordo-fra-chiasso-e-balerna-sulle-case-anziani
La proposta non ha convinto tutta la politica balernitana (Ti-Press/laRegione)

Si sono corteggiati per più di tre anni. Alla fine, però, arrivati ormai sulla soglia del ‘matrimonio’, uno dei due se ne è andato prima. Non c’è stato un lieto fine per l’Ente autonomo di diritto comunale che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto legare le case per anziani di Chiasso e Balerna. Progettata, studiata e dibattuta, la soluzione della messa in rete, già sperimentata a Mendrisio, nel Basso Mendrisiotto non è riuscita a fare breccia; non in tutti almeno. Se l’autorità cittadina ci ha sempre creduto, la realtà politica e istituzionale di Balerna ha guardato da subito all’idea di creare un’‘Istituto per anziani Balerna-Chiasso’ con un po’ di diffidenza. Una ritrosia che, al secondo tentativo – il primo messaggio, pur animato dall’urgenza, aveva dovuto essere congelato e completato –, ha finito col consolidare più i dubbi che le certezze. E visto che in questi casi bisogna sempre essere in due per suggellare un’unione, la determinazione di Chiasso non è bastata per condurre in porto l’operazione. A quel punto lasciarsi è stata l’unica via d’uscita come traspare dalla nota, stringata ma congiunta, che i due Municipi hanno reso pubblica venerdi e con la quale si archivia, in via definitiva il dossier. Resta, si legge, l’impegno di “ulteriormente accrescere la collaborazione tra i due istituti”.

Doninelli: ‘Consenso insufficiente’

Come in tutte le relazioni, anche in questo caso non si può dire che i due esecutivi non ci abbiano provato a far funzionare le cose. Le premesse su cui è nata la proposta di costituire un Ente autonomo per le strutture geriatriche comunali, però, fin da primi momenti a Balerna avevano fatto storcere il naso, in particolare ad alcune forze politiche – in testa Plr e socialisti –; resistenze che avevano frenato la corsa verso il voto in Consiglio comunale. Nulla di fatto, quindi. Le ragioni? Nella presa di posizione comune si parla, da un lato, di problemi a livello di “impostazione strategica” e, dall’altro, di “sostanziali difformità di vedute dal punto di vista dei contenuti”.

In realtà, in piazza come dentro Palazzo civico, a Balerna la ‘fusione’ delle case anziani era vista più come un’annessione che un’unione consensuale. Detto altrimenti non si voleva firmare la cosiddetta cambiale in bianco. «Diciamo che il progetto non ha convinto – annota un dispiaciuto Moreno Doninelli, capo dicastero Socialità, sanità e problemi occupazionali –. E con il tempo il consenso è andato scemando; e una volta sentiti i gruppi politici e cambiato l’esecutivo, non era sufficiente per continuare su questa strada. E questo nonostante il tema sia stato sviscerato in tutti i modi, grazie anche al lavoro della Commissione creata ad hoc, e sui due versanti – balernitano e chiassese, ndr – si sia lavorato con impegno». Era arduo, comunque, non tenere presente che fra i partiti il più propenso a concludere l’accordo fosse solo il Ppd. Per altre forze in campo non andava stretto per forza ora e con Chiasso. Il che la dice lunga sul gradimento.

La lettera e i rapporti con il Cantone

Balerna come ha detto a Chiasso che abbandonava il tavolo? «Abbiamo scritto una lettera per informare che la creazione dell’ente autonomo non si concretizzava più – ci dice Doninelli –. Peccato: la messa in rete di cui avremmo potuto beneficiare – in termini di servizi e figure professionali – ci avrebbe permesso di guardare avanti, ai prossimi 10-30 anni, di portare avanti delle iniziative e affrontare le sfide con cui saremo confrontati. Si è preferito salvaguardare l’autonomia: ne prendiamo atto. Ma non ci si può sempre accontentare di gestire il presente o crogiolarsi nel passato». Quel passato che ritorna: il Centro degli anziani è figlio di una lotta e della bocciatura di un referendum (lanciato all’epoca, oltre 40 anni orsono, dal Ppd) contro la costruzione della struttura. Sta di fatto che intestardirsi sull’ente autonomo avrebbe anche potuto riportare la popolazione al voto.

In ogni caso, in questa intesa bilaterale c’era anche un terzo interlocutore, il Cantone, il quale sembrava spingere verso l’ente unico, sullo sfondo le vicissitudini legate ai soprusi patiti da una parte degli ospiti (di cui si è occupata anche la giustizia). «L’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio – conferma Doninelli – ha sempre visto di buon occhio lo sviluppo di una partnership con un altro istituto della regione, ha partecipato alla fase preparatoria e ci ha supportato. Ma i Municipi hanno fatto la loro scelta». Cambierà qualcosa per voi? «Il nostro rapporto continuerà a essere regolato da un contratto di prestazione».

Pantani: ‘Guardiamo al modello di Lugano’

E alla politica cantonale, in evoluzione, guarda anche Chiasso. Anche se la cittadina, chiuso il capitolo con Balerna, sembra intenzionata a proseguire sulla sua strada. In effetti, si era preparati pure a un flop. «Visto l’iter e i continui rinvii, sospettavamo non ci fosse una grande condivisione – ammette Roberta Pantani Tettamanti, capo dicastero Socialità della cittadina –. Da parte nostra, prendiamo atto della decisione del Municipio di Balerna di abbandonare. Certo ci dispiace molto. Questo era un progetto in cui si è creduto e per il quale si è lavorato per anni. Ciò non vuol dire che Chiasso, dal canto suo, abbia abbandonato definitivamente l’idea dell’ente».

Come si intende procedere? «In questi anni – spiega la municipale – le basi, le prospettive e le impostazioni a livello cantonale del settore anziani sono cambiate. Certo il futuro ente autonomo sarà totalmente diverso; muoverà da altre basi ed elementi. Per il Comune, però, rimane un obiettivo da raggiungere. Del resto, lo giustificano i numeri». Quindi sarà una iniziativa tutta cittadina? «Come a Lugano potrà riunire gli istituti sociali del Comune e altri servizi – fa capire Roberta Pantani Tettamanti –. Una volta costituito l’ente, poi, ci si potrà aprire verso altri tipi di collaborazione. E sarebbe bello ci fosse anche Balerna». Ma questa sarà di sicuro tutta un’altra storia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved