ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
27 min

Chiasso, il concorso ‘Ven scià... Cünta sü’ registra un en plein

Nella quarta edizione la poesia di Elena Sanna Bullo di Claro conquista il premio di categoria, il premio della critica e la menzione dell’autore
Locarnese
38 min

Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’

Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Locarnese
53 min

Attività Atte sezione Locarno e Valli

Ai soci verrà presentato giovedì il programma stagionale del Teatro di Locarno
Locarnese
54 min

Locarno, nuova presidente per il Soroptimist

Guglielmina Montano guiderà il club fino al 2024; subentra a Ruth Wunderlin-Messmer
Bellinzonese
3 ore

Scoprire proprietà, benefici e rischi del cioccolato

Degustazione mercoledì 5 ottobre al Centro diurno di Pro Senectute ‘La Turrita’ a Bellinzona
Bellinzonese
3 ore

Ritratto di Beppe Fenoglio con il professor Guido Pedrojetta

Giovedì 6 ottobre alla Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Bellinzonese
3 ore

Assemblea in musica dell’Associazione Svizzera-Cuba

Sabato 15 ottobre a partire dalle 18 al ristorante Millefiori a Giubiasco
Locarnese
3 ore

Rimosso quel che restava del vecchio sci-lift di Cimetta

Protezione civile all’opera con i militi impegnati in varie zone del distretto. Dai sentieri all’approvvigionamento elettrico un lavoro molto apprezzato
Mendrisiotto
3 ore

Valera torna verde e agricola. E il Distretto ringrazia

Il Gran Consiglio fa suo il Puc e dà una svolta alla pianificazione del territorio. Le reazioni
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto

L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
4 ore

Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde

Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
Bellinzonese
4 ore

Musica popolare al Dazio Grande con la Vox Blenii

Sabato 8 ottobre il gruppo proporrà alcuni brani del nuovo album
Bellinzonese
4 ore

Migliori studenti premiati dal Rotary Club Bellinzona

Durante la cerimonia sono stati omaggiati Giacomo Orelli, Sara Calabresi, Sanny Pereira Lal, Mattia Fornasier e Ayla Sollberger
Locarnese
4 ore

Inaugurata la rinnovata sede Raiffeisen a Gordola

Con il taglio del nastro, sottolineati anche i 75 anni dell’istituto, fondato a Gordola nel 1947
Locarnese
4 ore

Alla Base Rega Ticino i 70 anni del soccorso aereo

Giornata di porte aperte sabato, all’Aeroporto Cantonale, per sottolineare la ricorrenza. In concomitanza si terrà ‘Telethon Vola’, evento benefico
Luganese
5 ore

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
5 ore

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti locali Marzio Della Santa
11.10.2021 - 18:21
Aggiornamento: 18:49

Mendrisio, denunciati interventi ‘deturpanti’ nei nuclei

Tiziano Fontana (Lista civica) interroga il Municipio sui lavori concessi nei centri storici. E sollecita: ‘Serve l’occhio di uno specialista’

mendrisio-denunciati-interventi-deturpanti-nei-nuclei
Per la Lista civica sono interventi fuori luogo

L’acciottolato d’un tempo scalzato via da una lunga lingua di asfalto nero nel mezzo di un centro storico. La facciata di un edificio ritinteggiata con un colore improbabile nel cuore del paese. A Tiziano Fontana, consigliere comunale della Lista civica Per Mendrisio, è bastato fare due passi fra le stradine di due dei dieci nuclei della Città, a Meride e Tremona, per incrociare “interventi inopportuni o deturpanti”. Con buona pace della “sostanza storica” e a tutto svantaggio, richiama, delle “peculiarità costruttive” proprie agli stabili. Il risultato? Omologare gli immobili a “quelli seriali che caratterizzano i nuovi quartieri e le periferie”. Fontana non si limita, però, a portare degli esempi, ma ne fa motivo di una interrogazione al Municipio, determinato com’è a capire chi ha dato il nullaosta – e per quale motivo – a delle modifiche che a Meride hanno eliminato il vecchio selciato e a Tremona hanno cambiato faccia a un’abitazione. Eppure, rende attenti nel suo atto parlamentare, esistono leggi e norme da ossequiare. Come nel caso dell’intenzione di ridipingere i muri di una casa: prima, fa memoria, occorre notificare i lavori al Municipio. Tanto più, annota ancora, che “nel caso dei nuclei storici solitamente vi è una restrizione nella scelta della gamma cromatica e del tipo di pittura”.

‘Occorre una figura ad hoc’

Il consigliere comunale torna quindi alla carica sulla necessità di filtrare le operazioni previste, da parte dell’ente pubblico come del privato, nell’area dei nuclei storici attraverso una “attenta analisi del tessuto storico-artistico, urbanistico e spaziale” e sull’esigenza, evidente a suo dire, di appoggiarsi all’operato di professionisti della materia. Ecco che fra le righe dell’interrogazione si lancia una proposta. “L’ente pubblico, in particolare l’Ufficio tecnico – annota Fontana –, dovrebbe prevedere una figura al suo interno che abbia una formazione specifica in architettura e storia dell’architettura e conservazione del patrimonio culturale, che possa non solo esaminare o aiutare a valutare tecnicamente i progetti ma anche dare il giusto orientamento tanto agli interventi dello stesso ente pubblico quanto a quelli dei privati, suggerendo soluzioni di conservazione della sostanza storica che spesso sfuggono ai progettisti e che potrebbero parallelamente far risparmiare risorse finanziarie a chi intende investire in questi particolari luoghi”.

‘Nei piani anche lacune gravi’

Di ‘vuoti’ da colmare, agli occhi dell’esponente della Lista civica, comunque, ve ne sono anche altri. “Analizzando i Piani particolareggiati dei dieci ‘Quartieri’, si constata – fa presente – una difformità nelle loro norme di attuazione, aspetto negativo che avevo chiesto già nel 2013 di risolvere uniformando gli articoli e dando una linea direttrice fondata sulla salvaguardia delle peculiarità esistenti”. In più, insiste, “non vi è traccia pratica a livello di norme cogenti delle importantissime indicazioni contenute negli inventari federali Isos, né degli obiettivi di salvaguardia degli stessi o dei rilevamenti degli insediamenti d’importanza regionale e locale”. E questa, sottolinea, è una “lacuna grave”, e che è “all’origine di interventi svilenti”.

A questo punto a Fontana restano due domande da girare al Municipio. La prima porta l’attenzione sul personale: in buona sostanza, chiede, l’esecutivo ha intenzione di dotare l’Ufficio tecnico di un dipendente con un profilo specialistico? La seconda rimanda, invece, ai due casi sollevati: l’esecutivo, rilancia, ritiene che “i due esempi citati siano consoni al valore dei nuclei di Meride e di Tremona e rispettosi degli stessi?”.

Centro storico e cani

‘Sensibilizzare non basta’

L’Ordinanza municipale sui cani parla chiaro. E i proprietari degli animali sono tenuti a rispettarla. Nonostante i “controlli regolari” effettuati dalla Polizia cittadina – con pattuglie a piedi e no –, cogliere in flagrante chi non si adegua, però, non è semplice. Soprattutto quando c’è chi lascia il proprio amico a quattro zampe libero di espletare i suoi bisogni, senza peraltro provvedere a raccoglierli. Sin qui, come fa sapere lo stesso Municipio, “non è stata comminata nessuna contravvenzione”. Le multe staccate sono state, infatti, motivate dal mancato uso del guinzaglio o dalla fuga dell’animale. In ogni caso, l’autorità comunale (così come i suoi Servizi) preferisce far leva su prevenzione e sensibilizzazione. Anche se agli occhi di Antonia Bremer, consigliera comunale della Lista civica Per Mendrisio, risulta evidente che questa scelta non ha sortito l’effetto sperato. Tornando, quindi, alla, carica con una nuova interrogazione, la consigliera sollecita una campagna “sul campo a tappeto”, dando seguito alle “numerose segnalazioni e lamentele che ci sono ancora pervenute da cittadini, commercianti e ristoratori relative ai disagi derivanti dalle deiezioni e dall’urina, a opera di cani, a ridosso di edifici, vetrine ed entrate di proprietà private”.

L’invito è, insomma, a cambiare strategia, prendendo in considerazione una volta di più, rilancia Bremer, la possibilità di destinare spazi dedicati e “rispettosi della quiete pubblica”, tentando così “un esperimento”. Inoltre, chiede in conclusione l’esponente della Lista civica, l’esecutivo può mettere in linea di conto la possibilità di “contribuire ad aiutare finanziariamente commercianti, ristoratori e privati cittadini per sostenere le spese per i prodotti di pulizia usati durante tutto l’arco dell’anno per lavare il suolo pubblico e i muri dall’urina e dagli escrementi dei cani”. Del resto, chiosa, “tanto vale avere delle belle vetrine, degli stabili ristrutturati, monumenti restaurati e una pregiata pavimentazione di granito pagati da tutti i cittadini, se questi vengono quotidianamente lordati”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved