stabio-tra-storia-e-aneddoti-del-comparto-di-santa-margherita
Eny Peretti mentre riprende la chiesa di Santa Margherita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
6 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
6 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
7 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
7 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
7 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
8 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
10 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
11 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
12 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
12 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
12 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
12 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
13 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Mendrisiotto
13.09.2021 - 09:570
Aggiornamento : 17.09.2021 - 14:39

Stabio, tra storia e aneddoti del comparto di Santa Margherita

Eny Peretti ha realizzato il filmato ‘... In mèzz ai praa’ dedicato a un luogo che tutti amano ma che in pochi conoscono

È un “delizioso spazio agreste preservato nel tempo da una speculazione edilizia”. Il comparto di Santa Margherita, a Stabio, racchiude importanti capitoli di storia, al punto da essere diventato “un luogo che tutti amano ma che in pochi conoscono”. Le due frasi che abbiamo citato solo tratte da ‘... In mèzz ai praa’, un filmato di 24 minuti realizzato da Eny Peretti e Andrea Pellegrini. Un filmato che testimonia che Stabio è storia, ricordo di fatti politici cantonali e internazionali, memoria di civiltà contadina e continua a riservare preziose sorprese capaci di appassionare un pubblico di tutte le età.

Valorizzare i luoghi

Eny Peretti non è nuovo a lavori di questo genere. Portano infatti la sua firma anche i filmati dedicati alla Madonna d’Ongero, all’Eremo di San Nicolao, Morcote e ad altre tradizioni legate a Stabio. «Sono un amante dell’immagine in movimento – spiega –. Ho sempre avuto interesse per le riprese cinematografiche per cui, quando mi è possibile, portato avanti questi lavori». Negli anni, racconta, «sono passato dai vari formati, fino ad arrivare al professionale se si vuole che il lavoro abbia un certo senso e qualità». Con una telecamera «ho cominciato a riprendere quello che capitava, ma i costi erano molto elevati». La svolta arriva con l’incontro con «il signor Marco Solari che aveva fatto un documentario sul lago con delle barche che andavano avanti e indietro nel golfo di Figino – ricorda Peretti –. Con la sua autorizzazione, ho tolto le immagini e ho creato ‘Cereso signore del lago’ che mi ha permesso di conoscere tanti posti del nostro Cantone che non conoscevo». L’attività, come detto, è continuata con altri luoghi, «cercando di valorizzare il nostro territorio. Una terra ricca di storia, cultura e arte che non è conosciuta». Si tratta di luoghi «quasi sempre nascosti, chiusi e di difficile accesso – aggiunge ancora Peretti –. Il mio intento è quello di valorizzare questi posti, mostrare dove sono, fare conoscere gli artisti che hanno contribuito ad abbellire il loro interno con pitture e sculture ed eventualmente creare l’interesse di un visita».

‘Là dove il territorio svizzero...’

Il comparto di Santa Margherita non fa eccezione e viene presentato anche grazie alle immagini realizzate con il drone da Paolo Gerosa. A partire dalla chiesetta, situata “là dove il territorio svizzero si interseca con quello italiano in modo simile a un collo di bottiglia rovesciato”. «Oltre a essere il comune dove vivo, Stabio è un paese molto ricco di storia – commenta l’autore –. Non ho trovato molta documentazione, ma piano piano sono riuscito a elaborare un testo coinvolgendo la chiesetta romanica, il vicino grotto, il maneggio e una ferrovia dimessa». A ogni caratteristica è abbinato un racconto – nel video intervengono anche Marco Rossi, Lino Della Casa e Giuseppina ‘Pina’ Della Casa, testimone di molti fatti non solo legati alla chiesetta di Santa Margherita –, come le processioni propiziatorie oggi scomparse, la campanella della chiesa rubata (“una delle leggende di Stabio”) o i retroscena che, a inizio ’900 indussero Nicola Manghera a lasciare un laboratorio di sapone nel nucleo del paese per sistemare il grotto. E ci limitiamo solo a qualche esempio. ‘...In mèzz ai praa’ è il risultato di un lavoro durato sei mesi. «È stato un tempo piacevole – ammette Eny Peretti –. Una passione che spero di poter continuare. Come detto, mi sono sempre interessato al cinema e anche quando facevo l’infermiere psichiatrico, era l’attività che svolgevo con i pazienti che non potevano rientrare a casa in congedo».

‘Manteniamo le tradizioni’

Oltre alla passione per quanto ruota attorno al cinema, a muovere la mano e gli strumenti del mestiere di Eny Peretti ci sono la volontà di promuovere il territorio e mantenere vive le tradizioni. «In tutti i lavori che ho fatto recuperato le spese ma non c’è guadagno – conferma –. Sono documenti che metterei a disposizione degli interessati e delle scuole, se vogliamo che i nostri ragazzi si interessino al nostro paese e alle sue caratteristiche. Tengo molto alle tradizioni, che dobbiamo mantenere e non fare soffocare da questo mondo». Nel cassetto dell’autore c’è un nuovo progetto. «Vorrei occuparmi della chiesetta del Sassello di Castel San Pietro – conclude Eny Peretti –. Grazie a una signora molto gentile che mi ha fornito della documentazione, il progetto è ‘solo’ da mettere in opera. Ma non posso occuparmene da solo perché i costi sono davvero alti». La realizzazione del filmato su Santa Margherita è stata sostenuta anche dal Municipio. Il ricavato della vendita andrà in beneficenza alla Pro restauri Santa Margherita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved